1963 (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1963
Nineteen63 (New Order album - cover art).jpg
Copertina del vinile
ArtistaNew Order
Tipo albumSingolo
Pubblicazione9 gennaio 1995
Durata5:05
GenereSynth pop
Alternative dance
EtichettaLondon
ProduttoreNew Order, Stephen Hague
Registrazione1987
FormatiVinile 7" e 12", CD
New Order Regno Unito - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1995)

1963 è una canzone del gruppo rock-synthpop britannico New Order, rilasciata originariamente come lato B di True Faith nel 1987 (entrambe apparse sull'antologia Substance dello stesso anno) e poi pubblicata come singolo a sé stante nel gennaio 1995 in un mix per la radio fatto dal collaboratore Arthur Baker.

Testomodifica | modifica wikitesto

In New Order Music 1981–89, il cantante e paroliere del gruppo Bernard Sumner raccontò di aver scritto il testo di 1963 sull' assassinio di John F. Kennedy, avvenuto proprio nel 1963, con un'impostazione tongue-in-cheek. Sumner di fatto immaginò che Kennedy avesse «ingaggiato Lee Harvey Oswald per sparare a sua moglie, per poter così sposare finalmente M. Monroe», che questa, dopo la morte del presidente a causa dell'errore del cecchino, si fosse suicidata per la disperazione (in realtà, Marilyn Monroe morì nel 1962, un anno dopo il tragico evento) e che Oswald fosse stato successivamente ucciso dal suo capo per aver ammazzato un suo caro amico e business-man.[1]

Secondo il produttore Stephen Hague la composizione è unica nel suo genere, in quanto, pur trattando di un argomento molto pesante come la violenza domestica, è movimentata e ballabile.[2]

Versionimodifica | modifica wikitesto

La versione originale del 1987 finisce con la ripetizione in dissolvenza dell'ultimo verso del testo, dopo il ritornello: «I will always feel free». Invece il "94 album mix", caratterizzato da una nuova orchestrazione e incluso nella raccolta (The Best of) New Order sotto il nome di 1963-94, pur non differendo per struttura dal mix precedente, non ha l'outro, sostituito dalla semplice ripetizione del ritornello che va in fade.

Videoclipmodifica | modifica wikitesto

Nel videoclip girato per 1963 (qui proposta nel suo "'95 Arthur Baker Radio remix"), diretto da Gina Birch e prodotto da Michael Shamberg,[3] si vede l'attrice comica Jane Horrocks che si sveglia in una scatola nel bel mezzo di un campo e incomincia a fare l'autostop per andare in città. Da notare che la sua valigia diventa sempre più grande man mano che il filmato procede.

Jane Horrocks in una scena del videoclip

Lista delle traccemodifica | modifica wikitesto

Testi e musiche di Gillian Gilbert, Stephen Hague[4], Peter Hook, Stephen Morris e Bernard Sumner eccetto dove indicato.

CD #1: NUOCD6 (UK & Europe)modifica | modifica wikitesto

  1. 1963 (95 Arthur Baker Radio Remix) - 4:04
  2. 1963 (94 album version) - 3:47
  3. 1963 (Lionrock Full Throttle Mix)* - 7:50
  4. 1963 (Joe T. Vanelli Dubby Mix) - 7:13

CD #2: NUCDP6 (UK & Europe) – edizione limitatamodifica | modifica wikitesto

  1. 1963 (95 Arthur Baker Remix) - 5:05
  2. Let's Go* - 3:56 (Gilbert, Hook, Morris, Sumner)
  3. Spooky (Nightstripper Mix)** - 7:03
  4. True Faith (87 Shep Pettibone Remix) - 9:02
  • Nuova versione "vocale" di Let's Go, brano prodotto nel 1994 da Sumner e Baker
    • Remix di Tony Garcia e Peter Daou

7": NUO 6 / Cassette: NUOMC 6 (Regno Unito & Europa)modifica | modifica wikitesto

  1. 1963 (95 Arthur Baker Radio Remix) - 4:04
  2. 1963 (94 album version) - 3:47

12": NUOX6 (Regno Unito & Europa)modifica | modifica wikitesto

  1. 1963 (Joe T. Vanelli Dubby Mix) - 7:13
  2. 1963 (Joe T. Vanelli Light Mix) - 8:59
  3. 1963 (Lionrock Full Throttle Mix)* - 7:50
  4. 1963 (Lionrock M6 Sunday Morning Mix)* - 6:25

Posizione nelle classifichemodifica | modifica wikitesto

Classifica (1995) Posizione
Official Singles Chart[5] 21
Irish Singles Chart[6] 29

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ New Order Music 1981-89, London, Warner Chappell Music, 1990, ISBN 978-0-86359-768-8.
  2. ^ Richard Buskin, Classic Tracks: New Order 'New Faith', in Sound on Sound, marzo 2005. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2014).
  3. ^ Michael H Shamberg Filmography, Galerie Arnaud Lefebvre. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2013).
  4. ^ Ascap entry, su mobile.ascap.com. URL consultato il 10 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2016).
  5. ^ Chart Stats - New Order, chartstats.com (archiviato il 28 agosto 2012).
  6. ^ The Irish Charts, IRMA (archiviato il 1º febbraio 2010).

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica