Aleksandr Fëdorovič Kerenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aleksandr Fëdorovič Kerenskij
Александр Фёдорович Керенский
Alexander Kerensky LOC 24416.jpg

Primo ministro della Russia
Capo del Governo Provvisorio Russo
Durata mandato 21 luglio 1917 –
7 novembre 1917
Monarca Nessuno
Predecessore Georgij Evgen'evič L'vov
Successore Vladimir Lenin (come Presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo)

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Rivoluzionario

Aleksandr Fëdorovič Kerenskij (in russo: Александр Фёдорович Керенский?; Simbirsk, 22 aprile 1881New York, 2 maggio 1970) è stato un politico russo, di idee socialiste, Primo ministro della Russia dopo la caduta dell'ultimo zar e immediatamente prima che i bolscevichi andassero al potere.

Avvocato di professione, svolse un ruolo di primo piano nel rovesciamento del regime zarista in Russia durante la rivoluzione di febbraio del 1917. A capo del governo provvisorio fu in grado di sventare il colpo di stato reazionario di Kornilov, ma non riuscì a evitare la rivoluzione d'ottobre in cui i bolscevichi presero il potere. Morì in esilio negli Stati Uniti nel 1970.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Inizimodifica | modifica wikitesto

Aleksandr Kerenskij nacque a Simbirsk (l'odierna Ul'janovsk) nel 1881.[1] Figlio di un professore, Kerenskij si laureò in giurisprudenza all'università di Pietroburgo nel 1904: tra i suoi colleghi ci fu anche Vladimir Lenin, che sarebbe diventato un suo rivale politico qualche anno dopo. Nel 1887, "Sasha" (diminutivo di Aleksandr con cui veniva familiarmente chiamato Kerenskij), si ammalò di tubercolosi e dovette trascorrere sei mesi lontano dai suoi coetanei. La malattia ne aumentò la socialità e l'introspezione, e lo introdusse alle opere di Lev Tolstoj, dove la descrizione dei poveri e degli oppressi lasciarono il segno nella sua giovane mente. Successivamente, il padre fu promosso ispettore capo delle scuole del Turkestan russo e quindi tutta la famiglia si trasferì a Tashkent nel 1889.[2] La città, di circa 150,000 abitanti con un quarto di russi, aveva ancora l'aria di una città di confine.[3] Durante il soggiorno a Tashkent, la famiglia riceve le visite del capitano Lavr Kornilov, di ritorno da una missione di ricognizione in Persia, e del funzionario finlandese Karl Mannerheim, reduce dall'Asia centrale. Dopo la laurea, avendo abbandonato il tradizionalismo della provincia per San Pietroburgo, Kerenskij decise di non cercare lavoro nella amministrazione imperiale, ma di andare a lavorare in una organizzazione privata che offriva assistenza legale.

Manifestò fin dal principio il proprio orientamento politico, con le sue frequenti difese dei moti rivoluzionari contro lo Zar. Nel 1905, dopo il massacro della "Domenica di Sangue", ruppe definitivamente con il regime autocratico, venne coinvolto in attività rivoluzionarie e fu arrestato dalle autorità. Il soggiorno in carcere formò ancora di più le sue idee politiche, intrise di populismo e nazionalismo. Dopo il suo rilascio nel 1906, decise di abbandonare le attività sovversive clandestine e di concentrarsi sull'opposizione legale al regime. Ricorse al suo innato talento per l'oratoria per trattare celebri casi di cronaca dell'epoca come il "Massacro della Lena", che dimostrò l'insensibilità delle autorità zariste e fece guadagnare a Kerenskij fama in tutto il paese.[4]

Prima guerra mondialemodifica | modifica wikitesto

Kerenskij (a destra) insieme a un altro deputato trudovik nei giardini della Duma (1916).

Fu eletto alla Quarta Duma nel 1912 come membro dei Trudovichi[5]; nello stesso anno fu iniziato in Massoneria nella loggia Piccola orsa[6]. Rimase in politica durante la prima guerra mondiale, rifiutandosi di votare a favore dei crediti di guerra[7] sostenuti dal governo, posizione supportata anche dai deputati socialdemocratici.[8] Allo stesso tempo, però, mosso da patriottismo si dichiarò per la difesa del territorio russo.

Nel 1915 riprende la sua opposizione al governo prima che le battute d'arresto militari, rivelassero il fallimento del governo nella politica di guerra. Quell'anno la polizia segreta individua in lui la figura rivoluzionaria più importante delle varie correnti rivoluzionarie contro l'autocrazia. Durante l'inverno e la primavera del 1916, un complicato intervento chirurgico ai reni tiene isolato Kerenskij dalla scena politica, tuttavia, egli mantiene la sua influenza all'interno della Duma. Convinto dell'imminenza della rivoluzione, incita i socialrivoluzionari a raddoppiare gli attacchi contro lo zar e la famiglia imperiale, incoraggiando nel contempo la Duma a guidare la lotta contro l'autocrazia. Inoltre, ebbe contatti con le organizzazioni dei lavoratori e con il presidio militare presenti nella capitale.

Rivoluzione di febbraiomodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rivoluzione russa di febbraio.

Allo scoppio della rivoluzione di febbraio, Kerensky era uno dei suoi leader più in vista; venne eletto vice-rettore del Soviet di Pietrogrado. Durante le prime fasi della rivoluzione, era estremamente popolare presso le masse, guidò le truppe insorte alla Duma per cercare di coinvolgere questa alla rivolta; ordinò l'arresto di ministri del governo zarista a nome del Parlamento e adibì alcune sale del Palazzo di Tauride come sede del nuovo Soviet di Pietrogrado.

Il 12 marzo 1917 entrò a far parte del Comitato Provvisorio della Duma come membro del Partito Socialista Rivoluzionario.

A dispetto delle difficoltà riuscì a ricoprire la carica di vice-rettore del Soviet di Pietrogrado.

Governo provvisoriomodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo provvisorio russo.
Il Governo provvisorio riunito nel marzo 1917 a palazzo Mariinskij

Quando il Governo provvisorio venne formato, dopo la crisi di aprile che aveva causato le dimissioni di Pavel Miljukov come ministro degli Esteri del governo borghese e la formazione del primo gabinetto di coalizione borghese-socialista, Kerenskij fu nominato ministro della giustizia, e in maggio divenne ministro della guerra. Entrando ufficialmente a far parte del governo, violò il divieto dei socialisti sovietici di partecipare al Consiglio dei Ministri, che secondo le direttive di partito, doveva essere formato solo da ministri dei partiti borghesi. La sua fu un'iniziativa personale apparentemente insubordinata, ma in seguito egli ottenne il pieno sostegno del Soviet.

Aleksandr Fëdorovič Kerenskij nel 1917.

Uno dei pochi dirigenti socialisti in grado di gestire gli affari del governo al più alto livello in quel momento, era convinto della necessità di collaborazione tra socialisti e liberali ai fini della rivoluzione. Cercò di diventare una sorta di figura super partes, mantenendo una posizione intermedia tra i partiti socialisti e la borghesia. Per questo venne spesso accusato di bonapartismo dagli avversari. Le sue azioni come ministro, spesso prese senza coordinamento con il Soviet di Pietrogrado, a volte, erano poco più che effetti drammatici. I capi menscevichi, che controllavano la maggioranza del Soviet, in pratica, non si fidavano affatto di Kerenskij. Grande oratore in grado di attrarre numerosi seguaci, era convinto che una volta a capo del governo, liberali e socialisti si sarebbero riconciliati riconoscendo in lui il "leader necessario" per liberare il paese dai suoi problemi. A seguito dell'abdicazione dello zar, diede il suo apporto alla formazione del governo il 7 luglio.

Offensiva Kerenskijmodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Offensiva Kerenskij e Repubblica Russa.
Kerenskij tiene un discorso ai soldati al fronte (maggio 1917)
Kerenskij esorta le truppe come ministro della guerra del governo provvisorio.

Nel periodo nel quale ricopriva la carica di Ministro della Guerra del Governo Provvisorio Russo, Aleksandr Kerenskij decise di mettere in atto una grossa offensiva militare che, secondo i suoi piani, avrebbe dovuto risollevare le sorti della Russia nella prima guerra mondiale. Tale offensiva fu guidata dal generale Brusilov. Iniziando il 1º luglio, le truppe russe attaccarono le forze tedesche ed austro-ungariche in Galizia, spingendole verso Leopoli. Le operazioni coinvolsero la 7ª, l'8ª e l'11ª Armata russa, che si contrapposero alla Südarmee austro-tedesca, alla 3ª ed alla 7ª Armata austro-ungarica. La decisione di lanciare questa manovra militare non tenne conto del forte desiderio di pace che, a partire dalla rivoluzione di febbraio, si era man mano instillato nelle menti del popolo e, specialmente, nelle menti dei soldati russi, le cui capacità e volontà di combattere stava rapidamente scemando. Di conseguenza, l'offensiva si rivelò un fallimento su tutti i fronti compromettendo ancor di più la situazione del paese. Dal 3 al 5 luglio si ebbe una sollevazione popolare che venne repressa, e a seguito di essa, i bolscevichi (ritenuti i responsabili di aver fomentato le masse) furono messi fuorilegge, la sede della Pravda venne devastata, e Lenin dovette continuare l'attività politica clandestinamente rifugiandosi in un villaggio sperduto al confine con la Finlandia. Il governo provvisorio decise quindi di adottare misure speciali imposte dall'emergenza in essere, e il 12 luglio Kerenskij firmò un decreto che reintroduceva nell'esercito la pena di morte in tempo di guerra per reati gravi, abolita solo pochi mesi prima.[9]

A seguito del fallito colpo di Stato del generale Lavr Kornilov in agosto e delle dimissioni dei ministri, si nominò comandante in capo e proclamò la Repubblica Russa (14 settembre 1917). Inizialmente, Kerenskij aveva cercato di accordarsi con Kornilov, al fine di stendere un piano di riforma comune anti-bolscevica che avrebbe incluso la proclamazione di una dittatura militare.[10] Solo quando si rese conto che un piano del genere avrebbe potuto influire sulla sua posizione di potere, decise di schierarsi dalla parte dei rivoluzionari.

Quindi, durante il tentativo di golpe di destra, Kerenskij si schierò, insieme ai bolscevichi, con la classe operaia di Pietrogrado.[11] Più tardi nel mese di ottobre, la maggior parte di questi lavoratori sarebbe confluita proprio tra le file dei bolscevichi. Lenin era determinato a rovesciare il governo Kerenskij prima che avesse la possibilità di legittimarsi dopo le elezioni previste dall'Assemblea Costituente, e i bolscevichi presero il potere in quella che divenne nota come la seconda rivoluzione o Rivoluzione d'ottobre.

Nell'emergenza della situazione, Kerenskij annunciò la formazione di un nuovo governo di coalizione social-borghese con alcuni socialisti di spicco.[12] Impotente nel fermare la disgregazione delle forze armate e l'entità delle rivolte sul campo, fu costretto ad osservare i chiari preparativi dei bolscevichi per la presa del potere senza essere in grado di impedirlo. Un ultimo disperato tentativo di neutralizzare Lenin e compagni fallì e durante la rivoluzione d'ottobre Kerenskij dovette forzatamente lasciare la capitale la notte del 6 novembre 1917.[13]

Rivoluzione di ottobre ed esiliomodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Rivoluzione d'ottobre.

Quando i bolscevichi presero il potere il 25 ottobre 1917, fuggì a Pskov e tentò di rovesciare il nuovo governo ad egemonia bolscevica: le truppe sotto il suo comando conquistarono Carskoe Selo il 28 ottobre ma furono sconfitte il giorno successivo a Pulkovo. Dopo tale disfatta, il 13 novembre fu aiutato a fuggire dal palazzo di Carskoe Selo da Abraham Gotz e Nikolai Avxentiev, travestito da marinaio[14], e dopo alcune settimane di latitanza, lasciò il suo paese per la Francia.

Kerensky era a Pietrogrado, quando venne convocata la prima ed unica sessione dell'Assemblea Costituente russa il 18 gennaio 1918. Egli chiese il permesso del Comitato Centrale del PSR avendo intenzione di andare a consegnare il potere nelle mani dell'Assemblea, ma la commissione non diede alcuna risposta.[15] Durante la guerra civile russa non sostenne nessuna delle due parti, opponendosi sia al regime bolscevico che all'Armata Bianca.

Kerenskij tiene un discorso dall'esilio a Washington nel 1938. I suoi discorsi appassionati e teatrali erano caratteristici della sua persona.

Nel 1940, dopo che la Germania hitleriana conquistò Parigi, si trasferì negli Stati Uniti d'America, dove visse fino alla sua morte salvo un breve soggiorno a Brisbane, in Australia (qui conobbe colei che sarebbe diventata sua moglie, Lydia Tritton). Quando Hitler invase l'Unione Sovietica nel 1941, Kerenskij offrì il suo supporto a Stalin, ma non ricevette riscontro. Tuttavia, effettuò trasmissioni radio in russo, sostenendo lo sforzo bellico. Alla fine della Seconda guerra mondiale, Kerenskij fondò, insieme ad un gruppo di amici, un movimento politico-militare chiamato "Unione per la liberazione della Russia" che tuttavia fu costretto a sciogliere poco dopo in quanto riuscì ad attirare pochissimi militanti. Prima di trasferirsi stabilmente a New York, lavorò in molte università statunitensi, in particolare in California alla Stanford University, dove insegnò storia russa.

Scrisse anche molte opere, tra cui Russia and History's Turning Point (1965). Kerenskij morì serenamente nella sua abitazione nel 1970: la Chiesa ortodossa statunitense rifiutò di accogliere le sue ceneri nei propri cimiteri, ritenendolo il politico maggiormente responsabile della vittoria dei bolscevichi; anche la Chiesa ortodossa serba non diede ospitalità alla sua tomba e pertanto Kerenskij fu seppellito a Londra.

Rapporti con la famiglia imperialemodifica | modifica wikitesto

Kerenskij, repubblicano, tuttavia mantenne un atteggiamento protettivo nei confronti della famiglia imperiale durante la rivoluzione che lo portò al potere, fatto che influì significativamente sulle accuse di inclinazione monarchica da parte dei membri di altri partiti politici. Dissuase il Granduca Michele dall'accettare il trono prima della decisione della Costituente.[16] Propose di mandare in esilio i membri della famiglia Romanov in Gran Bretagna, ma non ebbe l'appoggio del suo partito o del soviet e il governo abbandonò il progetto.

In questo preciso momento storico, ebbe l'opportunità di interagire a stretto contatto con lo zar Nicola II, che aveva abdicato, ed era imprigionato con la famiglia presso Carskoe Selo. Manifestò di apprezzare la famiglia Romanov e il monarca decaduto, cercando di mettere in atto segretamente per loro delle procedure di esilio all'estero tramite il Cancelliere del governo provvisorio, Pavel Miljukov, noto monarchico. Tali tentativi ebbero però esito negativo; visto che la seconda rivoluzione era in corso. Tuttavia, considerando che la famiglia imperiale era in pericolo di essere giustiziata, aver mandato lo zar in esilio a Tobolsk in Siberia, secondo Kerenskij era un modo per tenere i Romanov lontano dai pericoli. Il membro direttivo del Soviet Jakov Michajlovič Sverdlov, venuto a conoscenza di dette manovre, mise il proprio veto a Kerenskij proibendo ogni ulteriore favoritismo allo zar.

Vita privatamodifica | modifica wikitesto

Kerenskij si sposò con Olga Lvovna Baranovskaya e la coppia ebbe due figli, Oleg e Gleb, entrambi diventati ingegneri. Kerenskij ed Olga divorziarono nel 1939 e poco tempo dopo egli sposò in seconde nozze Lydia Ellen (Nell) Tritton (1899–1946). Era amico della scrittrice Ayn Rand, che lo ammirava molto, e della giornalista Dorothy Day: conobbe entrambe le donne nel 1945. Il nipote Oleg Jr. lo interpretò nel film Reds del 1981.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Lincoln, W. Bruce. Passage through Armageddon the Russians in war and revolution 1914-1918, 1987, Simon & Schuster, pag. 291, ISBN 9780671557096
  2. ^ Abraham, Richard. Alexander Kerensky: The First Love of the Revolution, 1991, Columbia University Press, pag. 9, ISBN 9780231061094
  3. ^ Abraham, Richard. Alexander Kerensky: The First Love of the Revolution, 1991, Columbia University Press, pag. 11, ISBN 9780231061094
  4. ^ Jackson, George; Devlin, Robert. Dictionary of the Russian Revolution, 1989, Greenwood Press, pag. 304, ISBN 9780313211317
  5. ^ Iraklij Tsereteli. Reminiscences of the February Revolution the April Crisis: III, 1955, Russian Review 14, pag. 316
  6. ^ (FR) Nina Berberova, Les Francs-maçons russes du XXe siècle, Actes Sud, Arles, 1990, pag. 124.
  7. ^ Radkey, Oliver H. The Agrarian Foes of Bolshevism: Promise and Default of the Russian Socialist Revolutionaries February to October 1917, 1958, Columbia University Press, pag. 521. ISBN 9780231021708
  8. ^ Rabinowitch, Alexander. Prelude to Revolution: The Petrograd Bolsheviks and the July 1917 Uprising, 1991, Indiana University Press. pag. 13, ISBN 9780253206619
  9. ^ Trockij, Lev. Storia della rivoluzione russa, 2º vol. La rivoluzione d'ottobre, Roma, Newton & Compton Editori, 1994, pag. 99, ISBN 88-7983-465-7
  10. ^ White, James D. The Kornilov Affair. A Study in Counter-Revolution, 1968, Soviet Studies 20 (2), pag. 205.
  11. ^ Strakhosky, Leonid I. Was there a Kornilov Rebellion? - A Re-appraisal of the Evidence, 1955, Slavonic and East European Review 33 (81), pag. 392.
  12. ^ Radkey, 1958, pag. 423.
  13. ^ Anin, David S. The February Revolution: Was the Collapse Inevitable?, 1967, Soviet Studies, pag. 444.
  14. ^ Radkey, Oliver H. The sickle under the hammer; The Russian Socialist Revolutionaries in the early months of the Soviet rule, 1963, Columbia University Press, pag. 46
  15. ^ Radkey, Oliver H. The sickle under the hammer; The Russian Socialist Revolutionaries in the early months of the Soviet rule, 1963, Columbia University Press, pag. 386
  16. ^ Radkey, 1958, pag. 148.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Abraham, Richard (1990). Alexander Kerensky: The First Love of the Revolution. Columbia University Press. p. 503. ISBN 9780231061094.
  • Anin, David S. (1967). The February Revolution: Was the Collapse Inevitable?. Soviet Studies 18 (4): 435-457.
  • Basil, John D. (1984). The Mensheviks in the Revolution of 1917. Slavica Publishers. p. 220. ISBN 0893571091.
  • Browder, Robert Paul (1970). Alexander Fedorovich Kerensky: 1881-1970. Russian Review 29 (4): 484-487.
  • Jackson, George; Devlin, Robert (1989). Dictionary of the Russian Revolution. Greenwood Press. p. 722. ISBN 9780313211317.
  • Katkov, George (1980). Russia, 1917: Kornilov Affair. Longman Higher Education. p. 228. ISBN 9780582491014.
  • Lincoln, W. Bruce (1987). Passage through Armageddon the Russians in war and revolution 1914-1918. Simon & Schuster. p. 637. ISBN 9780671557096.
  • Rabinowitch, Alexander (1991). Prelude to Revolution: The Petrograd Bolsheviks and the July 1917 Uprising. Indiana University Press. p. 320. ISBN 9780253206619.
  • Radkey, Oliver H. (1963). The sickle under the hammer; The Russian Socialist Revolutionaries in the early months of the Soviet rule. Columbia University Press. p. 525. OCLC 422729.
  • Radkey, Oliver H. (1958). The Agrarian Foes of Bolshevism: Promise and Default of the Russian Socialist Revolutionaries February to October 1917. Columbia University Press. p. 521. ISBN 9780231021708.
  • Strakhosky, Leonid I. (1955). Was there a Kornilov Rebellion? - A Re-appraisal of the Evidence. Slavonic and East European Review 33 (81): 372-395.
  • Tsereteli, Iraklij (1955). Reminiscences of the February Revolution the April Crisis: III. Russian Review 14 (4): 301-321.
  • Trockij, Lev. Storia della rivoluzione russa, 2 vol., Roma, Newton & Compton Editori, 1994, ISBN 88-7983-465-7
  • Wells, Benjamin (2004). The Union of Regeneration: the Anti-Bolshevik Underground in Revolutionary Russia, 1917-1919. Università di Londra.
  • Wade, Rex A. (1969). The Russian Search for Peace, February-October 1917. Stanford University Press. p. 196. ISBN 9780804707077.
  • White, James D. (1968). The Kornilov Affair. A Study in Counter-Revolution. Soviet Studies 20 (2): 187-205.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN56694714 · LCCN: (ENn82160860 · ISNI: (EN0000 0001 1063 9631 · GND: (DE118721909 · BNF: (FRcb12399777h (data)