Alerino Palma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alerino Palma di Cesnola

Il conte Alerino Palma di Cesnola (Rivarolo Canavese, 18 luglio 1776Ermopoli, 6 febbraio 1851) è stato uno scrittore, magistrato e rivoluzionario italiano.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Santorre di Santa Rosa
George Canning " link errato??"

Nato a Rivarolo nel 1776, figlio del conte Emanuele Palma di Cesnola e della nobildonna Irene Grassotti, Alerico rivela fin da piccolo una particolare predisposizione per gli studi che lo porta a conseguire a soli 16 anni la laurea in giurisprudenza all'Università di Torino.[1] Sostenitore entusiasta degli ideali della Rivoluzione francese, parte per la Francia e combatte nell'esercito francese a Rivoli. Rientrato in patria nel 1796 fu tra i più attivi promotori della Repubblica e dell'annessione del Piemonte alla Francia.[2] Ebbe importanti incarichi amministrativi; fu commissario straordinario a Vercelli e magistrato a Ivrea.[3] Con la Restaurazione aderì alla Carboneria e organizzò e condusse a Ivrea il primo gruppo che diede avvio alla Rivoluzione del marzo 1821 in Piemonte, e fu uno dei più attivi esponenti della conseguente rivoluzione guidata da Santorre di Santa Rosa[4][5][6][7][8][9].

Sfuggito all'arresto e condannato a morte in contumacia a Torino il 13 aprile 1822 come uno dei capi della rivolta, si rifugiò dapprima in Spagna. Fu poi a Londra, dove nel 1826 su sollecitazione di George Canning pubblicò una Difesa della Grecia e una Difesa dei Piemontesi inquisiti.[3] Nel 1827 si recò infine in Grecia, dove, sull'esempio di Santorre di Santa Rosa, si unì alla lotta per l'indipendenza del paese dall'Impero ottomano. Durante il regno di Ottone I di Grecia gli vennero affidati importanti incarichi di magistrato; partecipò alla stesura della procedura civile e penale, e fu membro della Corte Suprema. Fedele ai suoi ideali e alla sua nuova patria, non rientrò in Italia neppure dopo il 1848, quando il re Carlo Alberto annullò la condanna a morte. I rapporti con la madrepatria tornarono comunque ad essere cordiali. Massimo d'Azeglio si adoperò perché gli fossero restituiti i beni confiscati e il nuovo re Vittorio Emanuele II di Savoia gli conferì la croce dell'ordine cavalleresco dei S.S. Maurizio e Lazzaro[6][10]. Alerino morì nell'isola greca di Syra, nel 1851.

Nel 1871 il comune di Rivarolo fece apporre una targa commemorativa in suo onore sulla facciata della casa natale.[11]

Il fratello di Alerino, Maurizio Palma di Cesnola fu anch'egli implicato nei moti rivoluzionari del 1821 e con lui lasciò il paese. Condannato al carcere e ottenuta la grazia poté comunque rientrare libero in patria dopo alcuni anni. Due dei figli di Maurizio, nipoti quindi di Alerico, Luigi Palma di Cesnola e Alessandro Palma di Cesnola furono anch'essi ardenti patrioti. Luigi combatté nella prima guerra d'indipendenza, nella guerra di Crimea e quindi nella guerra civile americana, dove ricevette la Medal of Honor. Alessandro invece partecipò alla guerra di Crimea e quindi alla seconda e alla terza guerra d'indipendenza. Entrambi avranno poi una seconda carriera come archeologi.[12]

Operemodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Gioachino Toesca di Castellazzo, Commemorazione del generale Luigi Palma di Cesnola, Torino, Cassone, 1905, p. 22
  2. ^ Gioachino Toesca di Castellazzo, Commemorazione del generale Luigi Palma di Cesnola, p. 22
  3. ^ a b Treccani.it.
  4. ^ Marino Viganò, Riforme, rivoluzione, Risorgimento, 2007, pp. 200 e ss.
  5. ^ Santorre di Santa Rosa, Storia della rivoluzione piemontese del 1821, p. 72.
  6. ^ a b Silvia Cavicchioli, 2011 Itinerari - Luoghi del Risorgimento in Provincia di Torino Archiviato il 19 marzo 2011 in Internet Archive., sezione La protesta contro l'assolutismo nella provincia del regno. I moti del 1821[collegamento interrotto]
  7. ^ Rivarolo Canavese Archiviato il 17 novembre 2012 in Internet Archive..
  8. ^ Elena Pinoli Maritano, Ivrea e il Canavese nella Rivoluzione Piemontese del 1821, 1975.
  9. ^ Istituto per la storia del Risorgimento italiano, Rassegna storica del risorgimento, 2005, Vol. 92, Issues 1-4.
  10. ^ Gioachino Toesca di Castellazzo, Commemorazione del generale Luigi Palma di Cesnola, p. 23
  11. ^ Gioachino Toesca di Castellazzo, Commemorazione del generale Luigi Palma di Cesnola, p. 24
  12. ^ Cyprus Explorer

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN69277989 · ISNI (EN0000 0003 9791 5997 · WorldCat Identities (EN69277989