André Joseph Abrial

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
André Joseph Abrial
André Joseph Abrial.jpg

Ministro della Giustizia del Consolato
Durata mandato 25 dicembre 1799 –
14 settembre 1802
Predecessore Jean-Jacques Régis de Cambacérès
Successore Claude Ambroise Régnier

Senatore del Primo Impero Francese
Durata mandato 14 settembre 1802 –
2 aprile 1814
Successore André Pierre Étienne Abrial

Dati generali
Università abbaye-école de Sorèze e Collège d'Autun

André Joseph Abrial (Annonay, 19 marzo 1750Parigi, 13 novembre 1828) è stato un magistrato e politico francese.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Figlio unico di Jean-Pierre Abrial e di Marie Christine Murol, esponenti della piccola borghesia del Vivarese, provincia dell'antica Linguadoca, nel 1776 diventò avvocato al Parlamento di Parigi. Il 20 febbraio 1799, a Napoli, fu nominato dal Direttorio, Commissario civile per la Repubblica Partenopea, di cui organizzò il governo repubblicano, e il 25 dicembre dello stesso anno, dopo il colpo di Stato del 18 brumaio, venne nominato dal Consolato Ministro della Giustizia in Francia, carica che mantenne sino al 14 settembre 1802, quando ebbe la nomina a senatore. Nel 1803 ricevette il titolo onorifico di Grand'Ufficiale della Legione d'Onore. Nel 1808, trasferitosi a Genova, Milano e Torino per riorganizzarvi la giustizia, divenne Conte imperiale e infine, nel 1814, dopo aver votato la decadenza di Napoleone Bonaparte, Luigi XVIII lo nominò Pari di Francia ereditario.

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN59073187 · ISNI (EN0000 0000 5180 9804 · LCCN (ENnr90025755 · GND (DE11600469X · BNF (FRcb10613214c (data) · CERL cnp01075011 · WorldCat Identities (ENlccn-nr90025755