Angelo Del Boca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Angelo Del Boca (Novara, 23 maggio 1925) è uno scrittore, giornalista e storico italiano.

Cenni biograficimodifica | modifica wikitesto

Figlio di Giacomo (n. 1878), un albergatore che partecipò alla Prima battaglia dell'Isonzo[1]. Angelo Del Boca, dopo essere stato deportato in Germania a seguito dell'armistizio dell'8 settembre 1943, si arruolò nella Repubblica Sociale Italiana nella divisione alpina Monterosa[2], dalla quale poi disertò. Prese quindi parte alla Resistenza nelle formazioni di Giustizia e Libertà . Egli afferma di aver incontrato Mussolini due volte: la prima a 14 anni, in divisa da balilla moschettiere; la seconda a 19 anni il 16 luglio 1944 a Genzevag in Germania[2] durante una visita del dittatore alla divisione Monterosa[3].

Vive a Torino e dirige la rivista di storia contemporanea I sentieri della ricerca. Nel 2002 le Università di Torino e di Lucerna gli hanno conferito due lauree honoris causa. Nel luglio del 2014 l'Università di Addis Abeba gli ha conferito la laurea honoris causa in Storia Africana[4]. Sentimentalmente si legò a Maria Teresa Maestri, che sposò nel 1947 e dalla quale ha avuto i figli Alessandra (seconda moglie di Riccardo Chiaberge, il quale quindi è genero di Del Boca), Daniela (economista come la sorella) e Davide (regista); dopo la morte della consorte, si è sposato con Paola Zoli da cui ha avuto Ilaria (1989)[3].

Lavori storicimodifica | modifica wikitesto

Angelo Del Boca fu il primo studioso italiano a denunciare le atrocità compiute dalle truppe italiane in Libia e in Etiopia anche ricorrendo a bombardamenti aerei su centri abitati e talora persino all'impiego di armi chimiche come iprite, fosgene e arsina oppure alla creazione di campi di concentramento o ricorrendo alle deportazioni. Per le sue denunce Angelo Del Boca è stato per anni contestato dalla stampa conservatrice e dalle associazioni di reduci e di profughi italiani dall'Africa.

La sua opera di ricostruzione storica dei crimini italiani in Africa e di fustigazione del colonialismo italiano si è scontrata, secondo Del Boca stesso, anche con la storiografia vicina "agli ambienti conservatori per cui certe cose non si possono dire perché siamo, appunto, brava gente"[5]. Di rilievo la sua polemica, durata anni, con il giornalista Indro Montanelli il quale, contro Del Boca, sostenne ostinatamente l'opinione secondo cui quello italiano fu un colonialismo mite e bonario, portato avanti grazie all'azione di un esercito cavalleresco, incapace di compiere brutalità, rispettoso del nemico e delle popolazioni indigene[6]. In numerosi interventi pubblici, Montanelli negò ripetutamente l'impiego sistematico di armi chimiche da parte dell'aviazione militare italiana in Etiopia[7][8]; tuttavia nel 1996 Montanelli si scusò pubblicamente con Del Boca quando quest'ultimo dimostrò, documenti alla mano, l'impiego di tali mezzi di distruzione[9].

La studiosa Federica Saini Fasanotti nel proprio saggio Etiopia: 1936-1940. Le operazioni di polizia coloniale nelle fonti dell'esercito italiano[10][11], pur condannando l'aggressione italiana e riconoscendo le molte atrocità commesse dal nostro esercito, prende anche in considerazione la ferocia dimostrata dai resistenti etiopi durante la loro guerriglia contro l'esercito invasore[12]. In un articolo pubblicato sul Corriere della Sera sono riportate, a proposito, alcune dichiarazioni di Angelo Del Boca in cui manifesta che egli abbia inteso ricostruire "soprattutto le nostre responsabilità [...] rispetto a popolazioni che avevamo aggredito con estrema violenza", convinto per questo del fatto che "bisognava evidenziare in primo luogo i crimini italiani"[12]. Del Boca pertanto dichiara che nelle sue ricostruzioni sulla guerra in Africa orientale si è in qualche modo schierato dalla parte di un popolo che vide violata la sua terra e che dovette subire indicibili sofferenze, ribadendo inoltre la propria stima per le capacità politiche dell'imperatore Hailé Selassié.[12]

Operemodifica | modifica wikitesto

  • Dentro mi è nato l'uomo, Einaudi, Torino 1947; Interlinea, Novara 2009 (con presentazione di Francesco Mereta)
  • L'anno del giubileo, Einaudi, Torino 1948; Interlinea, Novara 2003
  • Viaggio nella luna, Vallecchi, Firenze 1955
  • Israele anno dieci, Lattes, Torino 1958
  • L'Africa aspetta il 1960, Bompiani, Milano 1959
  • L'altra Spagna, prefazione di Aldo Garosci, Bompiani, Milano 1961
  • Apartheid: affanno e dolore, Bompiani, Milano 1962
  • cura di Towensend Harris, Occhio giapponese De Agostini, Novara 1963
  • La scelta, Feltrinelli, Milano 1963; Neri Pozza Vicenza, 2006
  • I figli del sole: mezzo secolo di nazifascismo nel mondo, con Mario Giovana, Feltrinelli, Milano 1965
  • La guerra d'Abissinia 1935-1941, Feltrinelli, Milano 1965
  • Manicomi come lager, Edizioni dell'Albero, Torino 1966
  • Giornali in crisi: indagine sulla stampa quotidiana in Italia e nel mondo, Aeda, Torino 1968
  • Rapporto dalla Jugoslavia, Valnoci, Genova 1968
  • Obiettività e indipendenza dei mezzi di comunicazione di massa in Italia, Club Turati, Milano 1969
  • Gli italiani in Africa orientale. Vol. 1: Dall'unità alla marcia su Roma, Laterza, Bari 1976; Mondadori, Milano 1992
  • Gli italiani in Africa orientale. Vol. 2: La conquista dell'Impero, Laterza, Bari 1979; Mondadori, Milano 1992
  • Gli italiani in Africa orientale. Vol. 3: La caduta dell'Impero, Laterza, Bari 1982; Mondadori, Milano 1992
  • Hailé Selassié, Fabbri, Milano 1983
  • Gli italiani in Africa orientale. Vol. 4: Nostalgia delle colonie, Laterza, Bari 1984; Mondadori, Milano 1992
  • Gli italiani in Libia. Vol. 1: Tripoli bel suol d'Amore, Laterza, Bari 1986; Mondadori, Milano 1993
  • Gli italiani in Libia. Vol. 2: Dal fascismo a Gheddafi, Laterza, Bari 1986; Mondadori, Milano 1994
  • cura di Le guerre coloniali del fascismo, Laterza, Bari 1991; Mondadori, Milano 2011
  • L'Africa nella coscienza degli italiani. Miti, memorie, errori, sconfitte, Laterza, Bari 1992; Mondadori, Milano 2002
  • Una sconfitta dell'intelligenza. Italia e Somalia, Laterza, Bari 1993
  • La trappola somala: dall'operazione Restore Hope al fallimento delle Nazioni Unite, Laterza, Bari 1994
  • Il negus. Vita e morte dell'ultimo re dei re, Laterza, Bari 1995
  • I gas di Mussolini. Il fascismo e la guerra d'Etiopia, Editori Riuniti, Roma 1996 (con contributi di Giorgio Rochat, Ferdinando Pedriali e Roberto Gentilli)
  • prefazione a Gian Carlo Corada, Lafolè: un dramma dell'Italia coloniale, Ediesse, Roma 1996
  • cura di Adua: le ragioni di una sconfitta, Laterza, Bari 1997
  • All'alba dell'indipendenza: l'Africa nelle fotografie di Angelo Del Boca inviato speciale 1954-1966, a cura di Nicola Labanca, Archivio fotografico toscano, Prato 1998
  • Gheddafi. Una sfida dal deserto, Laterza, Bari 1998
  • introduzione a Ettore Formento, Kai Bandera. Etiopia 1936-1941: una banda irregolare, Mursia, Milano 2000
  • Un testimone scomodo, Grossi, Domodossola 2000
  • Crodo e la grande guerra, Centro Studi Piero Gnocchi, Crodo 2001
  • L'impero africano del fascismo. Nelle fotografie dell'Istituto Luce, con Nicola Labanca, Editori Riuniti, Roma 2002
  • prefazione a Paolo Borruso, L'Africa al confino: la deportazione etiopica in Italia, 1937-39, Lacaita, Manduria 2003
  • La nostra Africa. Nel racconto di cinquanta italiani che l'hanno percorsa, esplorata e amata, Neri Pozza, Vicenza 2003
  • L'occhio del maestro. Vittorio Resta, educatore e fotografo, Centro Studi Piero Ginocchi, Crodo 2003
  • La disfatta di Gasr Bu Hàdi. 1915: il colonnello Miani e il più grande disastro dell'Italia coloniale, Mondadori, Milano 2004
  • Italiani, brava gente?, Neri Pozza, Vicenza 2005
  • prefazione a Anita Azzari, L'Ossola nella resistenza italiana, Il rosso e il blu, Anita Azzari, Santa Maria Maggiore 2004
  • cura di La "Repubblica" partigiana dell'Ossola, Centro studi Piero Ginocchi, Crodo 2004
  • presentazione di Stefano Fabei, Mussolini e la resistenza palestinese, Mursia, Milano 2005
  • A un passo dalla forca. Atrocità e infamie dell'occupazione italiana della Libia nelle memorie del patriota Mohamed Fekini, Baldini Castoldi Dalai, Milano, 2007
  • Gli studi sul colonialismo italiano, in L'Impero fascista. Italia ed Etiopia, 1935-1941, a cura di Riccardo Bottoni, Il mulino, Bologna 2008, pp. 25–34
  • Del Boca Angelo, Il mio Novecento, collana: Il camello battriano, Neri Pozza, 2008.
  • prefazione a Matteo Dominioni, Lo sfascio dell'impero. Gli italiani in Etiopia, 1936-1941, Laterza, Bari 2008
  • prefazione a Arturo Varvelli, L'Italia e l'ascesa di Gheddafi. La cacciata degli italiani, le armi e il petrolio (1969-1974), Baldini Castoldi Dalai, Milano 2009
  • cura di La storia negata. Il revisionismo e il suo uso politico, Neri Pozza, Vicenza 2009
  • cura di Indro Montanelli, 20º battaglione eritreo: il primo romanzo e le lettere inedite dal fronte africano, Rizzoli, Milano 2010
  • La guerra d'Etiopia. L'ultima impresa del colonialismo, Longanesi, Milano 2010
  • prefazione a Lucia Ceci, Il papa non deve parlare. Chiesa, fascismo e guerra d'Etiopia, Laterza, Bari 2010
  • Viaggio nella luna, La mandragora, Imola 2011 (con DVD)
  • Da Mussolini a Gheddafi: quaranta incontri, Neri Pozza, Vicenza 2012
  • Gheddafi - Una sfida dal deserto, Editori Laterza, Bari 2014
  • Nella notte ci guidano le stelle : La mia storia partigiana, Mondadori, Milano 2015 ISBN 9788804652960

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ A. Del Boca, Italiani, brava gente?, Neri Pozza, Vicenza 2005, p. 62
  2. ^ a b Neri Pozza | Scheda libro Il mio Novecento, collana Il Cammello Battriano
  3. ^ a b Angelo Del Boca, Cinquantamilagiorni, 26 febbraio 2014
  4. ^ Massimo Novelli, "L'Etiopia "laurea" lo storico Del Boca. Denunciò i crimini del colonialismo"[1], la Repubblica, 4 luglio 2014
  5. ^ Una intervista di Anais Ginori ad Angelo Del Boca e una nota di Antonio Cassese su una turpe pagine di storia che l'Italia continua a rimuovere. Entrambi da la Repubblica del 23 maggio 2006, eddyburg.it. URL consultato il 14 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2007).
  6. ^ Michele Brambilla, Montanelli, Del Boca e l'Etiopia: le guerre non finiscono mai, in Corriere della Sera, 1º ottobre 1996.
  7. ^ Angelo Del Boca, I gas di Mussolini, Il fascismo e la guerra d'Etiopia, Roma, Editori Riuniti, 1996, pp. 29 e 32.
  8. ^ Sandro Gerbi, Raffaele Liucci, Lo stregone: la prima vita di Indro Montanelli, Einaudi, 2006.
  9. ^ Indro Montanelli, Gas in Etiopia: i documenti mi danno torto, in Corriere della Sera, 13 febbraio 1996. (archiviato dall'url originale il ).
  10. ^ Federica Saini Fasanotti, Etiopia: 1936-1940. Le operazioni di polizia coloniale nelle fonti dell'esercito italiano. Roma Stato maggiore dell'Esercito, Ufficio storico, 2010
  11. ^ cfr. anche Luca Poggiali nell'editoriale del periodico Storia e battaglie: mensile di storia, Vicchio: Lupo, n° 124, anno XIII, maggio 2012
  12. ^ a b c Antonio Carioti,"Etiopia, l'esercito corregge gli storici", Corriere della Sera, 6 gennaio 2011, p. 33

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN88965613 · LCCN: (ENn79106076 · SBN: IT\ICCU\CFIV\029474 · ISNI: (EN0000 0001 0922 9969 · BNF: (FRcb118861300 (data)