Anni 2010

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gli anni 2010, comunemente chiamati anni duemiladieci o anni '10, sono il decennio che comprende gli anni dal 2010 al 2019 inclusi.

Eventi, invenzioni e scopertemodifica | modifica wikitesto

2010modifica | modifica wikitesto

2011modifica | modifica wikitesto

Il terremoto di Sendai del 2011.

2012modifica | modifica wikitesto

2013modifica | modifica wikitesto

Papa Francesco, eletto il 13 marzo del 2013.

2014modifica | modifica wikitesto

Tendone dell'Expo 2015, dal 1º maggio al 31 ottobre 2015.

2015modifica | modifica wikitesto

2016modifica | modifica wikitesto

Il memorial nel lungomare di Nizza dedicato alle 84 vittime del massacro terroristico nel 2016.

2017modifica | modifica wikitesto

2018modifica | modifica wikitesto

2019modifica | modifica wikitesto

Economiamodifica | modifica wikitesto

Politicamodifica | modifica wikitesto

  • Nel 2010 WikiLeaks diffonde senza autorizzazione 251.287 documenti contenenti informazioni confidenziali inviate da 274 ambasciate americane in tutto il mondo al dipartimento di Stato degli Stati Uniti a Washington. Questo evento ha avuto un forte impatto sul paesaggio politico globale, con forti reazioni da parte dei leader in molti dei principali paesi.
  • La seconda metà degli anni 10 vede il passaggio da una politica mondiale aperta e di impronta liberal tipica dell'era Obama a una più intransigente e populista, le cui avvisaglie cominciano con l'instaurazione del governo autoritario di Erdoğan in Turchia e la crisi venezuelana, ma che esplode con la Brexit e l'elezione di Donald Trump alla presidenza americana che portarono a un forte inasprimento della diplomazia mondiale e all'ascesa di partiti di destra, ultra-conservatori e indipendentisti in tutto il mondo.

Sportmodifica | modifica wikitesto

Musicamodifica | modifica wikitesto

Cinemamodifica | modifica wikitesto

  • Il mondo del cinema degli anni 2010 ha coinvolto alcuni eventi significativi, il 31 gennaio 2010, il famosissimo film Avatar del grande regista James Cameron, è diventato il primo film ad incassare i 2 miliardi di dollari in tutto il mondo, diventando il film che ha incassato di più nella storia del cinema e si è aggiudicato 3 Premi Oscar nello stesso anno. È stato anche uno dei primi film ad essere stati proiettati in 3D di alta qualità. Sempre nello stesso anno, Toy Story 3 è diventato il primo film d'animazione che ha incassato più di 1 miliardo di dollari in tutto il mondo.
  • Cambia pure il modo di vedere il cinema: attraverso diversi servizi di streaming online come Netflix, approdato in Italia nel 2015, e Sky, lo spettatore può scegliere tra una vasta serie di titoli all'interno di un catalogo virtuale direttamente dal proprio computer o televisore. Nonostante il successo di questi servizi, la pirateria, in particolar modo lo streaming illegale, continua a rappresentare un problema e una minaccia per il mondo del cinema.
  • Nel novembre 2010 esce il settimo e penultimo capitolo della fortunata saga di Harry Potter: Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 1. I risultati al box office del film combinati insieme con i sei precedenti film di Harry Potter superano i 6,35 miliardi di dollari, sorpassando quindi i ventidue film di James Bond e i sei film di Guerre stellari, facendo di Harry Potter la serie più produttiva della storia del cinema[5]. Nel luglio 2011 segue quindi Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2, che, incassando in tutto il mondo oltre 2.718 miliardi di dollari[6], diventa il terzo film di maggiore incasso nella storia del cinema.
  • Nel 2016 esce il primo spin-off della saga, Animali fantastici e dove trovarli, il primo di una nuova saga comprendente almeno cinque film.
  • In questo decennio si vede prevalere un'altissima concentrazione di produzioni di genere thriller, d'azione ed horror, molto spesso dilazionate in saghe e trilogie.
  • A partire dal 2017 nasce il movimento #metoo, che provoca un terremoto nel mondo di Hollywood, con numerosi scandali di molestie sessuali.

Letteraturamodifica | modifica wikitesto

Scienza e tecnologiamodifica | modifica wikitesto

  • Gli smartphone, lanciati nel 2007 con l'iPhone della Apple, diventano gli oggetti tecnologici più usati, affiancati all'inizio del decennio dai tablet.
  • Il 27 gennaio 2010 viene presentato dalla Apple Inc. il nuovo modello di iPad. L'iPad offre interazioni multi-touch con formati multimediali che includono quotidiani, riviste, ebook, foto, film, TV show, video, musica, videogiochi e tante altre funzionalità. L'iPad subito ottiene immediate vendite, e solo dopo qualche mese della sua uscita diventa il gadget tecnologico più venduto della storia, battendo la concorrenza interna dell'iPhone.
  • Iniziano a essere sempre più presenti le persone che grazie al sito YouTube con i loro video dove cantano, esprimono le loro migliori capacità recitative o artistiche, con le numerose visualizzazioni, riescono ad ottenere il loro successo venendo definiti "Youtuber". Artisti che grazie a YouTube sono riusciti a diventare famosi sono: Justin Bieber, Rebecca Black, Julia Nunes, Conor Maynard, Shane Dawson, PewDiePie e tanti altri.
  • I social network, soprattutto Facebook e Instagram, si confermano i più usati servizi di Internet, rafforzandone la caratteristica di mezzo di comunicazione orizzontale.

Personaggimodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) Dan Cairns, Blue-eyed soul: Encyclopedia of Modern Music, in entertainment.timesonline.co.uk, 1º febbraio 2009. URL consultato il 18 agosto 2011.
  2. ^ Kendrick Lamar - Chart history | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 19 novembre 2016.
  3. ^ KENDRICK LAMAR | full Official Chart History | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 19 novembre 2016.
  4. ^ (EN) Guardian music, Activists chant Kendrick Lamar's Alright during police harassment protest, in The Guardian, 29 luglio 2015. URL consultato il 19 novembre 2016.
  5. ^ NYTimes - In Hollywood, a Decade of Hits Is No Longer Enough
  6. ^ (EN) Box Office Mojo, su boxofficemojo.com. URL consultato il 1º dicembre 2011.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto