Anomalia vera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In meccanica celeste ed in astronomia, l'anomalia vera (anche indicata come ) è l'angolo compreso tra il pericentro dell'orbita e la posizione del corpo orbitante nel tempo di riferimento, misurato sul piano orbitale.

Considerando il moto dei pianeti attorno al Sole, l'anomalia vera è l'angolo fra il perielio e il pianeta orbitante, il vertice è il Sole e il verso dell'angolo è il verso di rivoluzione del pianeta. Nell'immagine è l'angolo z-s-p.

L'anomalia vera è uno dei sei parametri orbitali kepleriani, che descrivono un'orbita secondo il modello a due corpi rispettando la legge di gravitazione universale. La sua determinazione avviene conoscendo il vettore posizione del corpo orbitante ed il vettore eccentricità dell'orbita (quest'ultimo si mantiene costante):

se

Altrimenti, se , l'anomalia vale .

Questa correzione è dovuta all'ambiguità di , operatore che non distingue il primo quadrante dal quarto. La condizione traduce il caso in cui il corpo abbia velocità radiale positiva, ossia si stia allontanando dal fuoco: l'angolo si troverà dunque nel primo o nel secondo quadrante.

Relazioni fra anomaliemodifica | modifica wikitesto

Anomalie orbita.png

Il rapporto tra l'anomalia vera (v) e l'anomalia eccentrica (u) si ricava mettendo a sistema le formule del raggio vettore secondo le due anomalie:

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica