Ansia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ansia
Edvard Munch - Anxiety - Google Art Project.jpg
Specialitàpsichiatria e psicologia
Eziologiapreoccupazione e pericolo
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-10F41.9
OMIM607834
MeSHD001007
MedlinePlus003211

L'ansia è uno stato psichico di un individuo, prevalentemente cosciente, caratterizzato da una sensazione di intensa preoccupazione o paura, relativa a uno stimolo ambientale specifico, associato a una mancata risposta di adattamento da parte dell'organismo in una determinata situazione che si esprime sotto forma di stress per l'individuo stesso.[1]

La sua forma patologica costituisce i disturbi d’ansia.

Caratteristichemodifica | modifica wikitesto

L'ansia è una complessa combinazione di emozioni che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al petto e/o respiro corto, nausea, tremore interno. Può esistere come disturbo cerebrale primario oppure può essere associata ad altri problemi medici, inclusi altri disturbi psichiatrici. I segni somatici sono dunque un'iperattività del sistema nervoso autonomo e in generale della classica risposta del sistema simpatico di tipo "combatti o fuggi".

Si distingue dalla paura vera e propria per il fatto di essere aspecifica, vaga o derivata da un conflitto interiore.

La distinzione con il termine angoscia appartiene solo alle lingue di origine latina, infatti in tedesco un termine usato sia per ansia, che per angoscia o paura è Angst.

Componentimodifica | modifica wikitesto

L'ansia sembra avere varie componenti di cui una cognitiva, una somatica, una emotiva, una comportamentale[2][3].

  • La componente cognitiva comporta aspettative di un pericolo diffuso e incerto.
  • Dal punto di vista somatico (o fisiologico), il corpo prepara l'organismo ad affrontare la minaccia (una reazione d'emergenza): la pressione del sangue e la frequenza cardiaca aumentano, la sudorazione aumenta, il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari aumenta e le funzioni del sistema immunitario e quello digestivo diminuiscono. Esternamente i segni somatici dell'ansia possono includere pallore della pelle, sudore, tremore e dilatazione pupillare.
  • Dal punto di vista emotivo, l'ansia causa un senso di terrore o panico, nausea e brividi.
  • Dal punto di vista comportamentale, si possono presentare sia comportamenti volontari sia involontari, diretti alla fuga o all'evitare la fonte dell'ansia. Questi comportamenti sono frequenti e spesso non-adattivi, dal momento che sono i più estremi nei disturbi d'ansia. In ogni caso l'ansia non sempre è patologica o non-adattiva: è un'emozione comune come la paura, la rabbia, la tristezza e la felicità, ed è una funzione importante in relazione alla sopravvivenza.

Funzioni e disturbimodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Disturbo d'ansia.

Si pensa che i circuiti neurali che coinvolgono l'amigdala e l'ippocampo soggiacciano all'ansia.[4] L'amigdala è dietro il lobo mediale temporale. Questa è formata da tredici diversi nuclei e tre di questi costituiscono i nuclei principali chiamati in causa nei pattern di risposta dell'ansia e della paura. Si tratta di quelli basale, laterale e centrale. Gli input ricevuti dal talamo sensoriale vengono trasmessi prima all'amigdala laterale e in seguito al nucleo centrale. Il circuito ansia - paura richiede che vengano attivati due canali diversi[5]. Il primo riguarda il talamo sensoriale, che ha la funzione di realizzare una connessione fra i sistemi sensoriali esterocettivi e le aree sensoriali primarie della corteccia cerebrale. Il talamo, infatti, è preposto alla trasmissione degli stimoli al nucleo amigdaloideo laterale che trasmetterà poi quest'ultimi al nucleo centrale. La funzione dell'Amigdala, in tal caso, chiama in causa i nuclei lateriali che ricevono gli input sensoriali dal talamo che in seguito vengono trasferiti ai nuclei centrali. Il secondo canale riguarda invece la corteccia sensoriale, l'insula e la corteccia prefrontale. Queste mandano un input al nucleo amigdaloideo laterale e da qui il segnale viene spedito al tronco centrale e all'ipotalamo. La principale distinzione fra i due suddetti canali è che nel primo caso viene chiamata in causa la corteccia prefrontale che ha il ruolo di modulazione dell'ansia. Nel secondo caso, invece, gli stimoli vengono inviati ai nuclei laterali da parte della corteccia sensoriale. L'amigdala riceve inoltre dal talamo informazioni che non sono elaborate e la risposta attiva una serie di pattern comportamentali che producono una reazione a un input "pericoloso". Tuttavia sono molteplici le variabili chiamate in causa nelle tipologie di risposta a questo genere di stimoli, in quanto devono essere presi in considerazione anche gli aspetti biologici dell'essere umano, le esperienze pregresse, il carattere oltre alla condizione emotiva del soggetto[5].

Quando i soggetti vengono sottoposti a stimoli spiacevoli e potenzialmente dannosi come odori o gusti ripugnanti, le scansioni PET eseguite su di loro mostrano flussi sanguigni aumentati nell'amigdala[6]. In questi studi, i partecipanti riportarono anche un'ansia moderata. Questo potrebbe indicare che l'ansia sia un meccanismo protettivo progettato per prevenire comportamenti potenzialmente dannosi per l'organismo come nutrirsi di cibo avariato.

Se invece l'ansia ricorre cronicamente e ha un forte impatto sulla vita di una persona si può allora diagnosticare un disturbo d'ansia[3]. I più comuni sono il disturbo d'ansia generalizzata (DAG), il disturbo di panico (DP), la fobia sociale, le fobie specifiche, il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e il disturbo post traumatico da stress (DPTS).

Interpretazione psicoanalitica classicamodifica | modifica wikitesto

Secondo l'interpretazione psicoanalitica classica di stampo pulsionalista, l'ansia viene definita un "sintomo-segnale", intorno al quale si struttura il conflitto nevrotico caratterizzato dalla presenza di pulsioni e affetti che vorrebbero essere soddisfatti, ma che sono contrastati dai meccanismi di difesa dell'Io. Le pulsioni sono vissute come proibite e quindi ritenute pericolose. L'ansia è il segnale di pericolo avvertito dall'Io, e i sintomi equivalgono sia al tentativo di rinnegamento del desiderio proibito sia a un suo mascherato progetto di realizzazione. Il soggetto spesso ignora il contenuto delle pulsioni rimosse, ed è quindi indotto a trasferire fuori dal suo psichico, e quindi nel mondo esterno o nel corpo fisico, ciò che invece investe il suo mondo psichico.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Arlington: American Psychiatric Publishing., Diagnostic and Statistical Manual of Mental DisordersAmerican Psychiatric Associati., 2013, p. 189-195, ISBN 978-0-89042-555-8.
  2. ^ Seligman, M., Walker, E. and Rosenhan, D. (2001) Abnormal psychology. Norton & Company Inc
  3. ^ a b Cattani, D., Scapellato, P. (2017) Attacchi di panico e ansia acuta: Soccorso psicologico di base. Giunti O.S. Psychometrics: Firenze..
  4. ^ (ES) Laura Ruiz Mitjana, Los 5 tipos de ansiedad (qué las causa, y síntomas), su estilonext.com.
  5. ^ a b Amir Garakani, M. D., Sanjay J., Mathew, M. D., and Dennis S., Charney, M. D., Neurobiology of Anxiety Disorders and Implications for Treatment, The mount Sinai Journal of Medicine Vol. 73 No. 7 November 2006.
  6. ^ Zald & Pardo, 1997; Zald, Hagen & Pardo, 2002

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

  • Ansia, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 20483 · LCCN (ENsh85005835 · GND (DE4002053-8 · BNF (FRcb11938918z (data) · J9U (ENHE987007295563405171 (topic) · NDL (ENJA00563573