Battaglia di Pollenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Battaglia di Pollenzo
parte della Guerra gotica (402-403)
Dittico di stilicone, monza tesoro della cattedrale.jpg
Dittico di Stilicone (400 circa, Monza, Tesoro del Duomo), raffigurante Stilicone, la moglie Serena e il figlio Eucherio
Data6 aprile 402
LuogoPollenzo, presso Bra (CN)
EsitoVittoria romana
Schieramenti
Comandanti
Perdite
ingenti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Pollenzo (o della piana di Pollentia) ebbe luogo il 6 aprile 402, ed è da considerarsi come il tentativo dei romani, guidati da Stilicone, di allontanare dall'Italia i Visigoti di Alarico I dopo i saccheggi delle città della pianura padana e l'assedio di Mediolanum (Milano). Dalla Rezia Stilicone tornò con rinforzi e liberò Mediolanum dall'assedio di Alarico, che si diresse su Asti. I Visigoti furono raggiunti dall'esercito romano nei pressi di Pollentia e sconfitti.

Forze in campomodifica | modifica wikitesto

Stilicone (Romani)
Alarico (Visigoti)
  • Guerrieri visigoti (fanteria e cavalleria appiedata)
  • Carri delle salmerie (accampati)

Schieramentomodifica | modifica wikitesto

  • Stilicone colloca la cavalleria di Saulo ai lati dello schieramento di fanteria dei legionari posti al centro.
  • I Visigoti, cristiani ariani, pensando che i Romani non avrebbero attaccato, essendo Pasqua, erano accampati e la stavano festeggiando, celebrando una messa.

Battagliamodifica | modifica wikitesto

Il combattimento fu iniziato dalle ali dell'esercito romano, ovvero, dai cavalieri alani comandati da Saulo i quali attraversarono il Tanaro ed attaccarono i Visigoti intenti a celebrare la messa. La cavalleria alana riuscì in un primo tempo a reggere i Visigoti, ma lo slancio di quella gotica, al comando diretto di Alarico, uccidendo Saulo, mise in fuga i cavalleggeri alani; a quel punto intervenne la fanteria romana, che era stata tenuta al centro da Stilicone.

I Romani fecero una manovra di conversione e riuscirono ad aggirare i Visigoti, pressandoli contro il monte San Vittore che scende a picco sul fiume. A questo punto gli uomini di Alarico ebbero la ritirata bloccata dal fiume ed accusarono ingenti perdite, finendo per essere messi in rotta. I Romani poterono così entrare nell'accampamento goto e trovarvi il bottino delle razzie compiute dai barbari dalla battaglia di Adrianopoli (378) in poi. Furono catturati anche diversi familiari di Alarico.

I due eserciti si scontrarono anche l'anno successivo nella battaglia di Verona.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto