Campagna elettorale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il cartone animato del 1951, vedi Tempi di elezioni.

La campagna elettorale è l'insieme delle attività di propaganda politica svolte da partiti politici, movimenti e liste civiche in favore dei propri candidati ad una qualsiasi carica elettiva, volte a conquistare la fiducia degli elettori e convincerli a concedergli il proprio voto, tipicamente attraverso promesse elettorali. Col termine si indica anche il periodo immediatamente precedente le elezioni: la campagna elettorale inizia ufficialmente trenta giorni prima del voto e si conclude alla mezzanotte del penultimo giorno precedente al primo giorno in cui si vota, con l'entrata in vigore del silenzio elettorale, volto a concedere agli elettori un giorno per riflettere e prendere la propria decisione.

Gli strumenti attraverso cui l'attività di propaganda può essere svolta sono i comizi, la partecipazione a trasmissioni televisive, la diffusione di contenuti tramite altri media (ad es. social media), l'affissione di manifesti, la consegna di gadget e volantini ecc.

Gli strumenti di monitoraggio e manipolazione delle masse sono invece rappresentati dai sondaggi elettorali e dai big data.

Disciplina normativamodifica | modifica wikitesto

Italiamodifica | modifica wikitesto

La campagna elettorale è disciplinata da diverse leggi:

  • n.212 del 4 aprile 1956 [1]
  • n.515 del 10 dicembre 1993 [2]
  • n.28 del 22 febbraio 2000 [3]

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 15961 · GND (DE4064292-6 · BNF (FRcb11936998z (data) · NDL (ENJA00570701
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica