Coppa Intercontinentale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la Coppa Intercontinentale di altri sport, vedi Coppa Intercontinentale (disambigua).
Coppa Intercontinentale
Altri nomi
  • Coppa Intercontinentale dei Club Campioni
  • Coppa Euro-Sudamericana Toyota
  • Coppa EUSA
SportFootball pictogram.svg Calcio
Tiposquadre di club
OrganizzatoreCONMEBOL e UEFA
TitoloCampione del mondo FIFA
Cadenzaannuale
Aperturadicembre
Partecipanti2
Formulagara unica
Storia
Fondazione1960
Soppressione2004
Numero edizioni43
Ultimo vincitorePorto
Record vittorie
Coppa Intercontinentale.svg
Coppa Intercontinentale

La Coppa Intercontinentale fu una competizione calcistica tenutasi annualmente tra il 1960 e il 2004 tra i club campioni in carica d'Europa e del Sudamerica.

Inizialmente la sua denominazione per esteso era "Coppa Intercontinentale dei Club Campioni", come aveva richiesto la FIFA per concedere la propria approvazione,[1] dal 1980 cambiò il proprio nome in "Coppa Europeo-Sudamericana" (European/South American Toyota Cup),[2] o più brevemente come "Coppa EUSA" (en. EUSA Cup) divenendo anche nota come "Coppa Europeo-Sudamericana Toyota" o Toyota Cup per motivi commerciali. Era gestita congiuntamente dalle confederazioni europea (UEFA)[3][4] e sudamericana (CONMEBOL),[5] e riconosciuta anche dalla FIFA come competizione ufficiale nonostante non sia stata da essa organizzata.[6][7][8][9] Nel 2005, infine, essa si fuse con la Coppa del mondo per club FIFA.[10]

Nonostante l'esistenza in passato di diversi tornei che rivendicavano il diritto di assegnare il titolo simbolico di campione del mondo (il Football World Championship, il Trofeo Sir Thomas Lipton, la Copa Rio e la Pequeña Copa del Mundo),[11] la FIFA riconosce solo la Coppa Intercontinentale come legittima antecedente della propria Coppa del mondo per club.

Benché non vi sia corrispondenza statistica fra le due competizioni,[12][13][14] sussiste tuttavia una coincidenza giuridica: sin dalle origini della manifestazione, infatti, la FIFA considerava l'Intercontinentale una competizione mondiale in illo tempore poiché disputata dai rappresentanti dei due continenti con maggior sviluppo nella disciplina a livello di club, e successo a livello di nazionali, nonché gli unici in cui si disputavano tornei confederali all'epoca della sua inaugurazione.[15] Nel 2017, infine, la FIFA ha equiparato i titoli della Coppa del mondo per club e della Coppa Intercontinentale, riconoscendo a posteriori anche i vincitori dell'Intercontinentale come detentori del titolo ufficiale di "campione del mondo FIFA", inizialmente attribuito soltanto ai vincitori della Coppa del mondo per club.[14][16][17]

Formulamodifica | modifica wikitesto

La competizione si è sempre svolta annualmente. Dall'esordio nel 1960 all'edizione del 1979 le due sfidanti si incontravano in una gara d'andata e in una di ritorno nei rispettivi stadi; il continente in cui si disputava la partita di ritorno era alternato, sempre con cadenza annuale. Fino al 1968 era dichiarata campione la squadra che raccoglieva più punti, sicché in caso di parità dopo le due gare si disputava uno spareggio in uno stato diverso, comunque nel continente della formazione che aveva disputato in casa la gara di ritorno. Dal 1969 il regolamento fu modificato, introducendo la differenza reti in luogo della somma dei punti e abolendo così gli spareggi.

La collocazione nel calendario della manifestazione era instabile, al punto che le edizioni del 1975 e del 1978 non furono disputate per un mancato accordo sulle date in cui giocare. Dal 1980, con il trasferimento in Giappone come sede fissa e la sponsorizzazione da parte della Toyota, l'Intercontinentale si disputò in partita unica (dopo un primo esperimento nel 1973) e sempre al termine dell'anno solare.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Gli esordimodifica | modifica wikitesto

Il secondo trionfo del Peñarol nel 1966; gli uruguaiani furono tra i maggiori protagonisti delle prime edizioni del torneo.

La Coppa Intercontinentale dei Club Campioni fu, nel 1960, la prima manifestazione ufficiale che individuava il miglior club al mondo.[15] In quell'anno il Real Madrid aveva conquistato la sua quinta Coppa dei Campioni consecutiva e, se il dominio delle merengues nell'allora unica competizione UEFA era indiscutibile, per poter essere dichiarati i migliori al mondo gli spagnoli avrebbero dovuto confrontarsi con la più forte rappresentante dell'unico altro continente al tempo calcisticamente sviluppato, il Sudamerica.

Per questa esigenza, la CONMEBOL organizzò un torneo per campioni nazionali simile a quello nato cinque anni prima in Europa,[18] che fu chiamato Coppa Libertadores: il vincitore si sarebbe incontrato in una doppia sfida contro i campioni dell'UEFA. Trent'anni dopo la Coppa Jules Rimet per le Nazionali, la Coppa Intercontinentale permise di laureare anche fra i club una squadra campione del mondo.[15]

Dall'iniziale prestigio al progressivo declinomodifica | modifica wikitesto

Nestor Combin, attaccante del Milan, accasciato al suolo dopo i duri scontri del 1969 coi giocatori dell'Estudiantes (LP).

Il torneo affascinò subito i tifosi europei ma ancor di più quelli sudamericani, che vi vedevano un obiettivo decisamente superiore alla stessa Libertadores. Il clima surriscaldato rese le trasferte nell'emisfero australe molto impegnative, e le squadre europee a volte subirono ben poco ospitali accoglienze da parte dei paesi sudamericani:[19] su tutte la finale di ritorno del 1969 a Buenos Aires tra l'Estudiantes (LP) e i trionfatori del Milan, al termine della quale il rossonero d'origine argentina Nestor Combin fu arrestato per presunta renitenza alla leva,[20] e rilasciato all'alba solo dopo aver mosso le vie della diplomazia.[19] A causa di simili intemperanze e della difficile collocazione nel calendario internazionale, le fortune della coppa dei due mondi negli anni 1970 scemarono tanto rapidamente quanto erano cresciute nel decennio precedente.

Nel 1971 gli olandesi dell'Ajax furono i primi a rinunciare alla competizione, sostituiti dal Panathīnaïkos finalista perdente di Coppa dei Campioni; nel 1973 gli olandesi declinarono nuovamente, sostituiti dalla Juventus: la finale si disputò a Roma, il solo caso, dal 1960 al 1979, in cui il trofeo non fu assegnato con sfide di andata e ritorno. Nel 1974 il Bayern Monaco rinunciò, sostituito dall'Atlético Madrid, che diventò l'unico club ad aggiudicarsi la Coppa Intercontinentale come vicecampione del proprio continente.

Nel 1975 la manifestazione non fu disputata: le eventuali finaliste sarebbero state il Bayern e l'Independiente. Nel 1977 il Liverpool rifiutò e cedette il suo posto ai vicecampioni del Borussia Mönchengladbach. Nel 1978, per la seconda volta, la competizione non ebbe luogo: le eventuali finaliste sarebbero state il Liverpool e il Boca Juniors. Nel 1979, infine, anche il Nottingham Forest rinunciò in favore dei vicecampioni del Malmö FF.

La rinascita in Giapponemodifica | modifica wikitesto

Platini e Scirea col trofeo vinto nel 1985 dalla Juventus, prima squadra europea a far propria la competizione dopo il cambio di formula.

Nuovo impulso alla manifestazione arrivò nel 1980 per mano della Toyota, che propose a UEFA e CONMEBOL di rilevare i diritti di commercializzazione del torneo, inglobandolo in un appuntamento annuale da disputarsi in gara unica in Giappone; nell'occasione la casa automobilistica affiancò al nome canonico della manifestazione quello commerciale di Toyota Cup (e imponendo di conseguenza, fino al 1998, il divieto agli sponsor di maglia per le squadre partecipanti).

La nuova formula ebbe il merito di ridare assoluta regolarità al torneo, anche se tolse ai tifosi il contatto diretto con la manifestazione, ora disputata in campo neutro; nello specifico, per lungo tempo a Tokyo e nelle ultime tre edizioni a Yokohama. Toyota sottoscrisse anche accordi con la UEFA per mettersi al riparo, con pesanti penali, da un eventuale ritiro dei club europei, com'era successo nel recente passato. Le squadre del vecchio continente impiegarono anni per tornare a imporsi, cogliendo il primo successo con la Juventus nel 1985; da qui in avanti, tuttavia, la competitività del calcio europeo crebbe parallelamente alla sua forza economica, che attraeva nella Coppa dei Campioni i più forti calciatori del pianeta, grazie anche alla sempre maggiore permeabilità delle frontiere.[21] A cavallo tra secondo e terzo millennio, dal 1995 al 2002, i trofei intercontinentali furono vinti da club europei in sette occasioni su otto.

Nel 2004 il comitato organizzativo UEFA-CONMEBOL, in accordo con la FIFA, decise di abolire la Coppa Intercontinentale, e dall'anno successivo fu inaugurata (dopo un'edizione sperimentale tenutasi nel 2000) la Coppa del mondo per club FIFA, torneo organizzato direttamente dalla federazione internazionale e riservato ai sei club vincitori dei tornei continentali delle sei confederazioni calcistiche[11] che, a differenza della Coppa Intercontinentale, è obbligatorio per tutte le squadre qualificatesi attraverso i propri trofei continentali.[22]

Il trofeo negli annimodifica | modifica wikitesto

Il trofeo assegnato nella competizione, nota per esteso come "Coppa Intercontinentale dei Club Campioni", non ha subito cambiamenti estetici dalla prima edizione del 1960 a quella del 2004, quando venne assorbita dalla nuova Coppa del mondo per club FIFA. Dal 1980 in poi, al trofeo della Coppa Intercontinentale venne affiancato quello della Toyota Cup (Coppa Toyota), in coincidenza con la sopravvenuta sponsorizzazione della competizione da parte della Toyota, che la rinominò in "Coppa Europeo-Sudamericana Toyota": il cerimoniale di premiazione della squadra vincitrice prevedeva la consegna della Coppa Intercontinentale al capitano, mentre il compito di sollevare la Toyota Cup era affidato al suo vice.

Albo d'oromodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Albo d'oro della Coppa Intercontinentale e Società calcistiche campioni del mondo.
Anno Vincitore Risultato Finalista
1960
Dettagli
Spagna Real Madrid 0 - 0
5 - 1
Uruguay Peñarol
1961
Dettagli
Uruguay Peñarol 0 - 1
5 - 0
2 - 1
Portogallo Benfica
1962
Dettagli
Brasile Santos 3 - 2
5 - 2
Portogallo Benfica
1963
Dettagli
Brasile Santos 2 - 4
4 - 2
1 - 0
Italia Milan
1964
Dettagli
Italia Inter 0 - 1
2 - 0
1 - 0 d.t.s.
Argentina Independiente
1965
Dettagli
Italia Inter 3 - 0
0 - 0
Argentina Independiente
1966
Dettagli
Uruguay Peñarol 2 - 0
2 - 0
Spagna Real Madrid
1967
Dettagli
Argentina Racing Club 0 - 1
2 - 1
1 - 0
Scozia Celtic
1968
Dettagli
Argentina Estudiantes (LP) 1 - 0
1 - 1
Inghilterra Manchester Utd
1969
Dettagli
Italia Milan 3 - 0
1 - 2
Argentina Estudiantes (LP)
1970
Dettagli
Paesi Bassi Feyenoord 2 - 2
1 - 0
Argentina Estudiantes (LP)
1971
Dettagli
Uruguay Nacional 1 - 1
2 - 1
Grecia Panathīnaïkos[23]
1972
Dettagli
Paesi Bassi Ajax 1 - 1
3 - 0
Argentina Independiente
1973
Dettagli
Argentina Independiente 1 - 0 Italia Juventus[24]
1974
Dettagli
Spagna Atlético Madrid[25] 0 - 1
2 - 0
Argentina Independiente
1975 - -[26] -
1976
Dettagli
Germania Ovest Bayern Monaco 2 - 0
0 - 0
Brasile Cruzeiro
1977
Dettagli
Argentina Boca Juniors 2 - 2
3 - 0
Germania Ovest Borussia Mönchengladbach[27]
1978 - -[28] -
1979
Dettagli
Paraguay Olimpia 1 - 0
2 - 1
Svezia Malmö FF[29]
1980
Dettagli
Uruguay Nacional 1 - 0 Inghilterra Nottingham Forest
1981
Dettagli
Brasile Flamengo 3 - 0 Inghilterra Liverpool
1982
Dettagli
Uruguay Peñarol 2 - 0 Inghilterra Aston Villa
1983
Dettagli
Brasile Grêmio 2 - 1 d.t.s. Germania Ovest Amburgo
1984
Dettagli
Argentina Independiente 1 - 0 Inghilterra Liverpool
1985
Dettagli
Italia Juventus 2 - 2 d.t.s.
4 - 2 d.c.r.
Argentina Argentinos Juniors
1986
Dettagli
Argentina River Plate 1 - 0 Romania Steaua Bucarest
1987
Dettagli
Portogallo Porto 2 - 1 d.t.s. Uruguay Peñarol
1988
Dettagli
Uruguay Nacional 2 - 2 d.t.s.
7 - 6 d.c.r.
Paesi Bassi PSV
1989
Dettagli
Italia Milan 1 - 0 d.t.s. Colombia Atlético Nacional
1990
Dettagli
Italia Milan 3 - 0 Paraguay Olimpia
1991
Dettagli
Jugoslavia Stella Rossa 3 - 0 Cile Colo-Colo
1992
Dettagli
Brasile San Paolo 2 - 1 Spagna Barcellona
1993
Dettagli
Brasile San Paolo 3 - 2 Italia Milan[30]
1994
Dettagli
Argentina Vélez Sarsfield 2 - 0 Italia Milan
1995
Dettagli
Paesi Bassi Ajax 0 - 0 d.t.s.
4 - 3 d.c.r.
Brasile Grêmio
1996
Dettagli
Italia Juventus 1 - 0 Argentina River Plate
1997
Dettagli
Germania Borussia Dortmund 2 - 0 Brasile Cruzeiro
1998
Dettagli
Spagna Real Madrid 2 - 1 Brasile Vasco da Gama
1999
Dettagli
Inghilterra Manchester Utd 1 - 0 Brasile Palmeiras
2000
Dettagli
Argentina Boca Juniors 2 - 1 Spagna Real Madrid
2001
Dettagli
Germania Bayern Monaco 1 - 0 d.t.s. Argentina Boca Juniors
2002
Dettagli
Spagna Real Madrid 2 - 0 Paraguay Olimpia
2003
Dettagli
Argentina Boca Juniors 1 - 1 d.t.s.
3 - 1 d.c.r.
Italia Milan
2004
Dettagli
Portogallo Porto 0 - 0 d.t.s.
8 - 7 d.c.r.
Colombia Once Caldas

Statistichemodifica | modifica wikitesto

Vittorie per clubmodifica | modifica wikitesto

Arrigo Sacchi e Franco Baresi, rispettivamente allenatore e capitano del Milan, posano con la Coppa Intercontinentale 1989; i rossoneri sono tra i più titolati nella competizione, a pari merito con Peñarol, Nacional, Real Madrid e Boca Juniors.
Club Vittorie Anni
Uruguay Peñarol 3 1961, 1966, 1982
Uruguay Nacional 3 1971, 1980, 1988
Italia Milan 3 1969, 1989, 1990
Spagna Real Madrid 3 1960, 1998, 2002
Argentina Boca Juniors 3 1977, 2000, 2003
Brasile Santos 2 1962, 1963
Italia Inter 2 1964, 1965
Argentina Independiente 2 1973, 1984
Brasile San Paolo 2 1992, 1993
Paesi Bassi Ajax 2 1972, 1995
Italia Juventus 2 1985, 1996
Germania Bayern Monaco 2 1976, 2001
Portogallo Porto 2 1987, 2004
Argentina Racing Club 1 1967
Argentina Estudiantes (LP) 1 1968
Paesi Bassi Feyenoord 1 1970
Spagna Atlético Madrid 1 1974
Paraguay Olimpia 1 1979
Brasile Flamengo 1 1981
Brasile Grêmio 1 1983
Argentina River Plate 1 1986
Serbia Stella Rossa 1 1991
Argentina Vélez Sarsfield 1 1994
Germania Borussia Dortmund 1 1997
Inghilterra Manchester Utd 1 1999

Vittorie per nazionemodifica | modifica wikitesto

Nazione Vittorie N°Squadre Anni
Argentina Argentina 9 6 1967, 1968, 1973, 1977, 1984, 1986, 1994, 2000, 2003
Italia Italia 7 3 1964, 1965, 1969, 1985, 1989, 1990, 1996
Uruguay Uruguay 6 2 1961, 1966, 1971, 1980, 1982, 1988
Brasile Brasile 6 4 1962, 1963, 1981, 1983, 1992, 1993
Spagna Spagna 4 2 1960, 1974, 1998, 2002
Paesi Bassi Paesi Bassi 3 2 1970, 1972, 1995
Germania Germania 3 2 1976, 1997, 2001
Portogallo Portogallo 2 1 1987, 2004
Paraguay Paraguay 1 1 1979
Jugoslavia Jugoslavia 1 1 1991
Inghilterra Inghilterra 1 1 1999

Vittorie per confederazionemodifica | modifica wikitesto

Confederazione Vittorie N°Nazioni N°Squadre
CONMEBOL 22 4 13
UEFA 21 7 12

Miglior giocatoremodifica | modifica wikitesto

Premio assegnato a partire dal 1980.

Anno Nome Club
1980 Uruguay Waldemar Victorino Nacional
1981 Brasile Zico Flamengo
1982 Brasile Jair Peñarol
1983 Brasile Renato Gaúcho Grêmio
1984 Argentina José Percudani Independiente
1985 Francia Michel Platini Juventus
1986 Uruguay Antonio Alzamendi River Plate
1987 Algeria Rabah Madjer Porto
1988 Uruguay Santiago Ostolaza Nacional
1989 Italia Alberigo Evani Milan
1990 Paesi Bassi Frank Rijkaard Milan
1991 Jugoslavia Vladimir Jugović Stella Rossa
1992 Brasile Raí San Paolo
1993 Brasile Toninho Cerezo San Paolo
1994 Argentina Omar Asad Vélez Sarsfield
1995 Paesi Bassi Danny Blind Ajax
1996 Italia Alessandro Del Piero Juventus
1997 Germania Andreas Möller Borussia Dortmund
1998 Spagna Raúl Real Madrid
1999 Galles Ryan Giggs Manchester Utd
2000 Argentina Martín Palermo Boca Juniors
2001 Ghana Samuel Kuffour Bayern Monaco
2002 Brasile Ronaldo Real Madrid
2003 Argentina Matías Donnet Boca Juniors
2004 Portogallo Maniche Porto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Il comitato organizzatore aveva proposto per la competizione il nome di "Coppa del Mondo dei Club Campioni", cfr. (ES) Santiago García, Los campeones de las Copas de Europa y Sudamérica, Real Madrid y Peñarol, disputarán el primer partido de la final de la Copa del Mundo de clubs (PDF), in La Vanguardia, 3 luglio 1960, p. 34. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) CA Peñarol (Union des Associations Européennes de Football). URL consultato il 27 dicembre 2014.
  3. ^ (EN) "Legend – UEFA club competition" (PDF) (Union of European Football Associations), p. 99.
  4. ^ (EN) We care about football - Regulation of the UEFA Champions League 2003/04 (PDF) (Union of European Football Associations), p. 2.
    «The winners of UEFA Champions League undertake to part in the following competitions: a) The UEFA Super cup, witch is held at the start of each new season. b) Intercontinental competitions arranged by UEFA and other confederations. / Clubs are not authorised to represent UEFA or the UEFA Champions League without UEFA's prior written approval.».
  5. ^ (ES) Competencias oficiales de la CONMEBOL (Confederación Sudamericana de Fútbol), 2011, pp. 99, 107.
  6. ^ Secondo lo statuto FIFA, le competizioni ufficiali sono quelle per squadre rappresentative organizzate dalla FIFA o da qualsiasi confederazione. Le squadre rappresentative sono generalmente squadre nazionali, ma anche squadre di club che rappresentano una confederazione in competizioni interconfederali o un'associazione membro in competizioni confederali, cfr. (EN) FIFA Statutes, April 2016 edition (PDF), Fédération Internationale de Football Association, aprile 2016, p. 5.; (EN) Statistical kit FIFA Club World Cup UAE 2018, Fédération Internationale de Football Association, 10 dicembre 2018, p. 13.; (EN) 2018/19 UEFA Champions League regulations (PDF), Union of European Football Associations, p. 10.
  7. ^ Secondo i regolamenti della FIFA, integrati con lo statuto della Federazione: 1) le richieste riguardanti partite nelle competizioni internazionali organizzate dalle confederazioni devono essere esaminate ed eventualmente approvate dalla FIFA; 2) sono definibili "match ufficiali" quelli organizzati sotto gli auspici della FIFA, delle confederazioni o delle associazioni membro; 3) sono definibili "competizioni ufficiali" quelle giocate nei campionati nazionali, nelle coppe nazionali e internazionali per club, cfr. (EN) Regulations Governing International Matches (PDF), su resources.fifa.com, pp. 15, 25.; (EN) REGULATIONS on the Status and Transfer of Players 2016 (PDF), su resources.fifa.com, p. 5.; (EN) LAWS OF THE GAME 2015/16 (PDF), su img.fifa.com, p. 18.
  8. ^ Fino al 1955 la FIFA si è limitata ad autorizzare la creazione di competizioni in ambito internazionale indirizzate ai club, solo nel caso in cui fossero organizzate almeno da due associazioni membro; dal 1955 ha assegnato alle confederazioni il diritto esclusivo a organizzare competizioni ritenute ufficiali, cfr. (EN) Union des Associations Européennes de Football, 50 years of the European Cup (PDF), su kassiesa.net, ottobre del 2004, pp. 7-9. URL consultato il 4 dicembre 2011.
  9. ^ Cfr. (EN) FIFA Statutes, April 2016 edition (PDF), su resources.fifa.com, pp. 5, 19-21, 33-35, 37, 44, 74. URL consultato il 16 gennaio 2016.; (EN) FIFA Governance Regulations (FGR) (PDF), Fédération Internationale de Football Association, 24 febbraio 2016, pp. 6-7, 9-11.; (PT) FIFA ignora Taça Latina do Benfica, FC Porto é o clube português com mais títulos, su publico.pt, 25 maggio 2011. URL consultato il 20 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2015).
  10. ^ (EN) FIFA statistikal kit 2005 (primo mondiale per club derivato e sostitutore della Coppa Intercontinentale (PDF), su fifa.com.
  11. ^ a b FIFA, 2012, p. 12.
  12. ^ (ES) River Plate, en su hora más gloriosa, su es.fifa.com, 10 dicembre 2018.
    «En tiempos de la Copa Intercontinental, que cuenta en el palmarés del Mundial de Clubes, venció la edición de 1986».
  13. ^ (EN) Approval for Refereeing Assistance Programme and upper altitude limit for FIFA competitions, su fifa.com, 15 dicembre 2007. URL consultato il 28 dicembre 2014.
  14. ^ a b Cfr. (EN) FIFA Council approves key organisational elements of the FIFA World Cup, Fédération Internationale de Football Association, 27 ottobre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.; (EN) FIFA Club World Cup 2017: Statistical Kit (PDF), Fédération Internationale de Football Association, pp. 15, 40-42. URL consultato il 16 gennaio 2018.; Mondiale per club: il Real cerca l'allungo, su it.uefa.com, 13 dicembre 2017.
  15. ^ a b c FIFA, 2005, pp. 60-61.
  16. ^ Sebbene non promuova l'unificazione statistica dei tornei, la FIFA è l'unica organizzazione con giurisdizione mondiale al di sopra delle confederazioni continentali e quindi, l'unica che può conferire un titolo di tale livello, ergo, il titolo assegnato dalla stessa federazione mondiale ai vincitori della Coppa Intercontinentale è formalmente un titolo mondiale FIFA, cfr. (EN) Approval for Refereeing Assistance Programme and upper altitude limit for FIFA competitions, su fifa.com, 15 dicembre 2007.; (EN) FIFA, FIFA Statutes, April 2016 edition (PDF), su resources.fifa.com, aprile 2016, p. 19.
  17. ^ Cfr. (ES) FIFA acepta propuesta de CONMEBOL de reconocer títulos de copa intercontinental como mundiales de clubes, su conmebol.com, 29 ottobre 2017.; (ES) La FIFA reconoció de manera oficial a la Copa Intercontinental, su diariovivo.com, 27 ottobre 2017.; (ES) FIFA reconoce Intercontinentales como Mundiales, su espndeportes.espn.com, 27 ottobre 2017.
  18. ^ Proposto un confronto fra le squadre campioni d'Europa e di America, in Corriere dello Sport, 9 ottobre 1958, p. 4 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2014).
  19. ^ a b Roberto Beccantini, C'era una volta la rissa dei due mondi, in La Stampa, 12 dicembre 2003, p. 36.
  20. ^ Paolo Bertoldi, Combin in carcere la notte del trionfo. Arrestati tre calciatori dell'Estudiantes, in La Stampa, 24 ottobre 1969, p. 20. URL consultato il 24 ottobre 1969.
  21. ^ Gaetano Mocciaro, Sudamerica, più retorica che qualità: il Mondiale per Club lo mette a nudo, su tuttomercatoweb.com, 19 dicembre 2018.
  22. ^ (EN) FIFA Club World Championship to replace Toyota Cup from 2005, su fifa.com, 17 marzo 2004 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2011).
  23. ^ La coppa fu disputata tra il Nacional e il Panathīnaïkos, finalista della Coppa dei Campioni 1970-1971, per via della rinuncia dell'Ajax.
  24. ^ La coppa fu disputata tra l'Independiente e la Juventus, finalista della Coppa dei Campioni 1972-1973, per via della rinuncia dell'Ajax. Si decise, caso unico fino al trasferimento in Giappone, per una finale in partita secca, da disputarsi allo stadio Olimpico di Roma.
  25. ^ La coppa fu disputata tra l'Independiente e l'Atlético Madrid, finalista della Coppa dei Campioni 1973-1974, per via della rinuncia del Bayern Monaco; si tratta dell'unico caso di squadra campione del mondo non vincitrice della propria rassegna continentale.
  26. ^ La coppa doveva disputarsi tra Bayern Monaco e Independiente.
  27. ^ La coppa fu disputata tra il Boca Juniors e il Borussia Mönchengladbach, finalista della Coppa dei Campioni 1976-1977, per via della rinuncia del Liverpool.
  28. ^ La coppa doveva disputarsi tra Liverpool e Boca Juniors
  29. ^ La coppa, l'ultima con il sistema dell'andata e ritorno, fu disputata tra l'Olimpia Asunción e gli svedesi del Malmö FF, finalisti della Coppa dei Campioni 1978-1979, per via della rinuncia del Nottingham Forest.
  30. ^ La coppa fu disputata tra il San Paolo e il Milan, finalista della UEFA Champions League 1992-1993 e ammesso a disputare la competizione per via della squalifica internazionale inflitta ai campioni europei dell'Olympique Marsiglia, dopo uno scandalo per corruzione che investì il presidente della squadra francese Bernard Tapie.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio