Epiteto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'epiteto (in greco antico: ἐπίθετος, epíthetos, "aggiunto") è l'accostamento, generalmente al sostantivo, di un elemento che lo caratterizza. Si distinguono due tipologia di epiteti: formulari, nei quali ricorre una formula descrittiva ricorrente, e attributivi, più variegati che invece hanno una pura funzione aggettivistica.

Gli epiteti servono al lettore per riconoscere e ricordarsi meglio di quale personaggio si parla, oppure possono essere usati come soprannomi glorificati. Sono molto frequenti nell'epica omerica. L'epiteto può essere completamente scollegato dal contesto in cui viene menzionato.

Un esempio di epiteto è Achille "piè veloce" o "Pelide" (in riferimento al suo patronimico) oppure Lorenzo "il Magnifico". Inoltre l'epiteto (detto anche "epiteto fisso") viene utilizzato in molte formule religiose praticamente in tutte le lingue. Da non trascurare il significato volgare del termine, che assume talvolta il senso di insulto, in senso esteso, o ingiuria associata a nome o riferimento personale.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 28642 · LCCN (ENsh85044467 · GND (DE4152549-8 · BNF (FRcb11976747b (data)
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica