Factory Records

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Factory Records
StatoRegno Unito Regno Unito
Fondazione1978
Fondata daTony Wilson, Alan Erasmus
Chiusura1992
Sede principaleManchester
SettoreMusicale

La Factory Records è stata una etichetta musicale indipendente con sede a Manchester, nel Regno Unito.[1]

Fondata nel 1978 da Tony Wilson e Alan Erasmus, è fallita nel 1992, dopo aver contribuito fortemente alla crescita culturale di Manchester negli anni ottanta e aver introdotto profonde innovazioni nel panorama discografico indipendente. Per il nome Wilson si ispirò alla celebre The Factory di Andy Warhol.

Nell'elenco delle bands prodotte compaiono Joy Division, New Order, Happy Mondays, A Certain Ratio, James, Durutti Column,[1] The Names, Section 25, Cabaret Voltaire e The Wake, anche tramite la filiale belga Factory Benelux, tuttora attiva per le ristampe.[2]

La Factory si avvaleva di un team di creativi come il produttore Martin Hannett e il grafico Peter Saville (che disegnò il logo dell'etichetta) e che conferirono alla label un suono unico ed una immagine riconoscibile. Nella numerazione del catalogo compaiono quindi non solo i dischi ma anche altri vari oggetti artistici[1].

L'etichetta ha anche aperto due locali per la promozione della scena musicale locale, The Haçienda, poi chiusa definitivamente nel 1997, e Dry Bar.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c Federico Giglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.
  2. ^ Factory Benelux, factorybenelux.com.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Federico Guglielmi, Eddy Cilia, Le guide pratiche di RUMORE - New wave, Apache edizioni, 1995.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN237038443 · WorldCat Identities (ENviaf-237038443