Ginevra (ciclo arturiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Queen Guinevere, by William Morris

Ginevra era la leggendaria regina consorte di re Artù.

Nei racconti e nel folklore, si narra spesso della sua infelice storia d'amore con Lancillotto. Questa storia appare per la prima volta nell'opera di Chrétien de Troyes, Lancillotto o il cavaliere della carretta, e riappare come motivo ricorrente in numerose opere che trattano il ciclo arturiano, a partire dai primi del secolo 13°, fino ad arrivare al romanzo di Thomas Malory, La morte di Artù. Molto spesso, il tradimento della regina di Camelot e del cavaliere della Tavola Rotonda sono stati considerati come la rovina stessa del regno.

Origine del nomemodifica | modifica wikitesto

La forma gallese del nome 'Gwenhwyfar', che sembra essere affine con il nome Findabair irlandese, può essere tradotto come "l'incantatrice bianca", o in alternativa "la fata bianca/il fantasma bianco", e non si esclude un collegamento con il mondo celtico. Alcuni hanno suggerito che il nome potrebbe derivare da "Gwenhwy-fawr" o "Gwenhwy la Grande", che contrasta il carattere di "Gwenhwy-fach", "Gwenhwy la piccola"; Gwenhwyfach appare nella letteratura gallese come sorella di Ginevra, ma nella sua edizione delle "Triadi gallesi", Rachel Bromwich afferma che questa è un'etimologia poco probabile. Goffredo di Monmouth, che per primo conia il nome Merlino, rende il suo nome in latino (anche se ci sono variazioni ortografiche, di cui molte si trovano nei suoi vari manoscritti, tra cui quelli della Historia Regum Britanniae). Giraldus Cambrensis la chiama "Wenneuereia". Il nome così come lo leggiamo oggi entra in gioco solo nel XV secolo. Il nome in inglese moderno è scritto Jennifer, dal linguaggio della Cornovaglia.

Il personaggiomodifica | modifica wikitesto

Ginevra è una fanciulla di straordinaria bellezza, citata in diverse opere del ciclo arturiano, con lineamenti leggeri, capelli scuri, occhi verdi e ben proporzionata. Costei, figlia di re, aveva affascinato Artù, che l'aveva chiesta in sposa, ma, contemporaneamente, lei era rimasta affascinata dal cavaliere Lancillotto.

L'illecito e tragico amore tra Lancillotto e Ginevra, che rompe l'equilibrio di Camelot (diventando una delle cause della sua caduta), fu uno dei simboli dell'amor cortese medioevale. È celebre, per esempio, la citazione dantesca di "Lancilotto e Ginevra" nel canto di Paolo e Francesca della Divina Commedia.

Ginevra è un personaggio che compare anche nell'Orlando furioso. Innamorata di Ariodante, tramite un inganno dell'infimo re di Albania, viene punita per adulterio. Rinaldo, il valoroso guerriero, però la salva, uccidendo il re d'Albania e liberandola dalla falsa accusa.

In Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley è uno dei personaggi principali e, come da tradizione, è moglie di Artù e amante di Lancillotto. Nella serie televisiva Merlin della BBC è la serva personale di Morgana, è grande amica di Merlino ed è innamorata di Artù, pur provando qualcosa per Lancillotto. Nel film King Arthur del 2004, versione insolita delle leggenda di Artù, Ginevra è innamorata di Artù, ma si sposa con lui solo dopo la morte di Lancillotto.

Adattamentimodifica | modifica wikitesto

Filmmodifica | modifica wikitesto

Romanzimodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN42632819 · GND (DE118719416 · CERL cnp00586324
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura