Guru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Guru (disambigua).
Bhaktisiddhānta Sarasvatī Ṭhākura (1874-1973) gurù del paramparā del sampradāya kṛṣṇaita fondato da Caitanya nel XV secolo. Il segno che corre dalla fronte lungo il naso corrisponde al tilaka ed è un marchio che lo identifica come appartenente al suo sampradāya, esso è composto da argilla bianca detta gopīcandana proveniente dalla città di Dwarka, e rappresenta i due piedi di Kṛṣṇa (le linee parallele) che terminano con una foglia di Tulasī (Ocimum tenuiflorum) pianta sacra al dio e a lui offerta. I devoti al dio Kṛṣṇa disegnano dodici tilaka sul proprio corpo prima di avviare le attività devozionali quotidiane.

Guru[1] è un termine maschile sanscrito (devanāgarī गुरू, gurū) che presso la religione induista ha il significato di «maestro» o «precettore spirituale» ed è rivolto in particolar modo a colui che impartisce la dīkṣā al suo discepolo; si tratta dunque di una figura molto importante in questa religione,[2] comune a tutte le scuole filosofiche e devozionali dell'Induismo, avente diritto al massimo rispetto e alla venerazione al pari del padre, della madre e dell'ospite.

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

Così la Taittirīya Upaniṣad riporta:

(SA)

«Mātṛ devo bhava pitṛ devo bhava ācārya devo bhava atithi devo bhava»

(IT)

«Per te sia divinità la madre, divinità il padre, divinità il maestro, divinità sia l'ospite»

(Taittirīya Upaniṣad, I,11,2. Traduzione di Carlo Della Casa)

Secondo l'interpretazione della tarda Advaya tāraka Upaniṣad (14-18), il termine gurù origina dalle radici gu («oscurità») e ru («svanire»), significando quindi «colui che disperde l'oscurità».

Il rapporto che si crea tra gurù e discepolo è molto profondo: il gurù diviene responsabile della crescita spirituale dell'aspirante, istruendolo e fornendo le istruzioni più adatte a lui, e soprattutto indicandogli tempi e modalità di esecuzione delle pratiche spirituali.

Nel Mahābhārata e in altre Itihāsa, viene spiegato che alla figlia di un bramino non è consentito di sposare i discepoli dello stesso; il rapporto tra questi ultimi e il maestro risulterebbe così forte che una simile unione verrebbe considerata al pari di un incesto con la sorella.

In quasi tutte le opere religiose induiste ricorre la figura del gurù; ad esempio, nella Bhagavadgītā, l'eroe Arjuna si sottomette interamente al consiglio di Kṛṣṇa, il quale, impartendogli una serie di insegnamenti spirituali, diviene a tutti gli effetti il suo gurù.

In modo simile, il Vivekacūḍāmaṇi – il trattato metafisico che può considerarsi una sorta di manifesto della scuola dell'Advaita Vedānta – è narrato nella forma di dialogo tra un gurù e il suo discepolo.

Unixmodifica | modifica wikitesto

Il termine guru viene utilizzato in campo informatico per indicare il grande esperto a cui si appoggiano gli esperti bravi

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Gurù in Italiano; cfr. Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "gurù", Rai Eri, 2007, Dizionario d'ortografia e di pronunzia, ISBN 978-88-397-1478-7.
  2. ^ Stefan Pertz (2013), The Guru in Me - Critical Perspectives on Management, GRIN Verlag, ISBN 978-3638749251, pag. 2-3

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85057982
India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India