Gynostemma pentaphyllum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gynostemma pentaphyllum
Jiaogulan.JPG
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Violales
Famiglia Cucurbitaceae
Genere Gynostemma
Specie G. pentaphyllum
Nomenclatura binomiale
Gynostemma pentaphyllum
(Thunb.) Makino, 1902

Gynostemma pentaphyllum (Thunb.) Makino, 1902, conosciuta comunemente col nome di jiaogulan, una parola cinese che letteralmente significa "pianta arricciata", è una pianta rampicante dioica della famiglia delle Cucurbitacee[1], tipica del nord del Vietnam, della Cina, del Sud della Corea e del Giappone.

Fa parte della medicina tradizionale e degli studi ne hanno evidenziato il potere antiossidante e stimolante il sistema immunitario, la capacità di regolarizzare colesterolo e pressione alta, e si suppone possa aumentare la longevità.

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

È una pianta rampicante che produce piccoli frutti non commestibili. La pianta esiste sia come elemento maschio che femmina.

Usi terapeuticimodifica | modifica wikitesto

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La pianta è nota da secoli per i suoi usi nella medicina tradizionale. Viene generalmente consumata come decotto delle foglie ma è disponibile anche come estratto alcolico o in capsule di estratto secco.[2] Non è molto nota in Cina perché cresce solo in piccoli territori impervi, ma è molto diffusa in Vietnam dove viene chiamata la "pianta dell'immortalità" e gli abitanti della provincia di Guizhou che la consumano regolarmente sotto forma di decotto hanno una storia di inusuale longevità.[3][4]

Nell'Unione europea, non essendo stata ancora studiata approfonditamente e regolamentata, è attualmente inserita "Novel Food" dal 2012 per cui ne è vietata la vendita come prodotto alimentare in via precauzionale.[5] Degli studi ne hanno però evidenziato il potenziale terapeutico.

La pianta è in grado di incrementare l'espressione della superossido dismutasi, un enzima preposto ad eliminare i radiali liberi e dalla potente attività antiossidante; è inoltre in grado di incrementare l'attività del sistema immunitario stimolando i macrofagi, i linfociti T e le cellule natural-killer agendo come inibitore della crescita tumorale. In tal senso è stata studiata per mitigare gli effetti nocivi di trattamenti anti-tumorali.[6]

È inoltre una pianta adattogena, cioè aiuta l'organismo a mantenere l'equilibrio fisiologico dei vari processi metabolici in situazioni di stress.[7] Ciò si crede sia dovuto ad alcuni composti contenuti in essa, come triterpenoidi, saponine, gincosidi (contenuti anche nel ginseng) che sono in grado di regolare pressione arteriosa, sistema immunitario, migliorare resistenza alla fatica e allo stress.[8][9] In uno studio in doppio cieco, il gipenoside, uno dei composti contenuti nella pianta, è stato somministrato a pazienti con ipertensione di grado 2 ed è stato in grado di controllare i sintomi della malattia nell'82% dei pazienti, contro il 46% del ginseng e il 93% dell'indapamide (un farmaco utilizzato per l'ipertensione).[10] In generale la pianta è in grado di migliorare la funzionalità cardiaca anche nei pazienti che non soffrono di ipertensione, senza influenzare la pressione arteriosa.[11][12]

Diversi studi clinici hanno riportato efficacia nel ridurre il colesterolo ed i trigliceridi, gli studi riportano una efficacia tra il 67% ed il 93% nel trattamento dell'iperlipidemia.[13][2]

Ha anche un effetto ipoglicemizzante e tale proprietà è stata studiata nell'ambito del trattamento del diabete mellito di tipo 2, dove sotto forma di decotti di Gynostemma pentaphyllum ha mostrato efficacia in uno studio in doppio cieco.[14][15] Possiede inoltre proprietà protettive nei confronti del fegato, ed a tale scopo è stata studiata come trattamento aggiuntivo nella steatosi epatica non alcolica.[16]

Tossicitàmodifica | modifica wikitesto

La pianta, a differenza di alcune altre piante della stessa famiglia che contengono tra l'altro cucurbitacina che è una tossina molto potente per i mammiferi e responsabile del sapore amaro dei loro frutti come ad esempio del cetriolo,[17] non è tossica.[18][19]

Nomi alternativimodifica | modifica wikitesto

  • Inglese: ginseng a cinque foglie, ginseng del povero, erba miracolosa, erba fata, dolce vino tè, erba evangelica, ginseng meridionale
  • Giapponese: Amachazuru (Kanji: 甘 茶 蔓; Hiragana: あ ま ち ゃ る; letteralmente 甘 い amai = dolce, gustoso 茶 cha = tè, zuru = vid, pianta scorrevole)
  • Coreano: doroe (돌외); letteralmente "cetriolo / melone di pietra"; piangere (돌; "pietra") oe (け; "cetriolo / melone")
  • Latin: Gynostemma pentaphyllum o Vitis pentaphyllum
  • Lingua Tay: zan tong
  • Tailandese: jiaogulan (เจียว กู่ หลาน)
  • Vietnamita: giảo cổ lam o bổ đắng (bổ = nutriente, đắng = amaro)
  • Portoghese: cipó-doce
  • L'ex mandarino: XianCaio[20]

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) Gynostemma pentaphyllum, su The Plant List. URL consultato il 10 marzo 2018.
  2. ^ a b Michael Blumert e Jialiu Liu, Jiaogulan: China's "Immortality" Herb, Badger, CA, Torchlight Publishing, 2003, pp. 12, ISBN 1-887089-16-0.
  3. ^ David Winston e Steven Maimes, Adaptogens: Herbs for Strength, Stamina, and Stress Relief, Healing Arts Press, April 2007, ISBN 978-1-59477-158-3. Contains a detailed herbal monograph on jiaogulan and highlights health benefits.
  4. ^ Dan Bensky, Andrew Gamble, Steven Clavey e Erich Stöger, Chinese Herbal Medicine: Materia Medica, 3rd Edition, Eastland Press, September 2004, ISBN 978-0-939616-42-8.
  5. ^ (DE) Jiaogulan ist als Lebensmittel in Deutschland und somit auch in der ganzen Europäischen Union nun offiziell verboten!, in www.jiaogulan-tee.net. URL consultato il 27 aprile 2016.
  6. ^ Liu, Therapeutic effect of jiaogulan on leukopenia due to irradiation and chemotherapy, in Zhong Guo yi Yao Xue Bao, vol. 7, nº 2, 1992, pp. 99.
  7. ^ David Winston e Steven Maimes, Adaptogens: Herbs for Strength, Stamina, and Stress Relief, Healing Arts Press, 2007, ISBN 978-1-59477-158-3.
  8. ^ Liu SB, Lin R, Hu ZH, Histochemical localization of ginsenosides in Gynostemma pentaphyllum and the content changes of total gypenosides [Chinese], in Shih Yen Sheng Wu Hsueh Pao: Journal of Experimental Biology, vol. 38, nº 1, February 2005, pp. 54–60, PMID 15839207.
  9. ^ Complete Jiaogulan information from Drugs.com, Drugs.com.
  10. ^ Lu, GH, Comparative study on anti-hypertensive effect of Gypenosides, Ginseng and Indapamide in patients with essential hypertension, in Guizhou Medical Journal, vol. 20, 1996, pp. 19–26.
  11. ^ Chen LF, etal, Comparison between the effects of gypenosieds and ginsegnosides on cardiac function and hemodynamics in dogs, in Chinese J Pharmacol Toxicol, vol. 4, nº 1, 1990, pp. 17–20.
  12. ^ Zhou NY, etal, Effects of gypenosides-containing tonic on the pulmonary function in exercise workload, in Journal of Guiyang Medical College, vol. 18, nº 4, 1993, pp. 261.
  13. ^ la Cour B, Mølgaard P, Yi Z, Traditional Chinese medicine in treatment of hyperlipidaemia, in J Ethnopharmacol, vol. 46, nº 2, May 1995, pp. 125–9, DOI:10.1016/0378-8741(95)01234-5, PMID 7650951.
  14. ^ Huyen VT, Phan DV, Thang P, Hoa NK, Ostenson CG, Antidiabetic effect of Gynostemma pentaphyllum tea in randomly assigned type 2 diabetic patients, in Hormone & Metabolic Research, vol. 42, nº 5, May 2010, pp. 353–7, DOI:10.1055/s-0030-1248298, PMID 20213586.
  15. ^ Hoa NK, Phan DV, Thuan ND, Ostenson CG, Screening of the hypoglycemic effect of eight Vietnamese herbal drugs, in Methods & Findings in Experimental & Clinical Pharmacology, vol. 31, nº 3, April 2009, pp. 165–9, DOI:10.1358/mf.2009.31.3.1362514, PMID 19536359.
  16. ^ Chou SC, Chen KW, Hwang JS, Lu WT, Chu YY, Lin JD, Chang HJ, See LC, The add-on effects of Gynostemma pentaphyllum on nonalcoholic fatty liver disease, in Altern Ther Health Med, vol. 12, nº 3, 2006, pp. 34-39, PMID 16708768.
  17. ^ Sharma A, Sharma JP, Jindal R, Kaushik RM, Bottle Gourd Poisoning (PDF), in Research Letter, vol. 8, nº 2, JK Science, April–June 2006.
  18. ^ Attawish A, Chivapat S, Phadungpat S, Bansiddhi J, Techadamrongsin Y, Mitrijit O, Chaorai B, Chavalittumrong P, Chronic toxicity of Gynostemma pentaphyllum, in Fitoterapia, vol. 75, nº 6, September 2004, pp. 539–51, DOI:10.1016/j.fitote.2004.04.010.
  19. ^ Choi HS, Park MS, Kim SH, Hwang BY, Lee CK, Lee MK, Neuroprotective effects of herbal ethanol extracts from Gynostemma pentaphyllum in the 6-hydroxydopamine-lesioned rat model of Parkinson's disease (PDF), in Molecules, vol. 15, nº 4, 2010, pp. 2814–24, DOI:10.3390/molecules15042814.
  20. ^ Jiaogulan Tee, das kleine Handbuch. Oldenburger: Hrsg.: Kindle. 2. Auflage. Nr. 2. Berlin 2017, ISBN 978-1-5497-4686-4, S. 44.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica