Interferone gamma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Interferone gamma

L'interferone gamma (IFN-γ), detto anche interferone di tipo II (IFN II), è una citochina che fa parte della famiglia degli interferoni ed è prodotto dai linfociti B e T attivati.

Strutturamodifica | modifica wikitesto

L'IFN-γ è una proteina omodimerica che appartiene alle citochine di tipo II. Il suo recettore è formato da due catene polipeptidiche, appartenenti alla stessa famiglia dell'IFN-γ e chiamate IFNGR1 e IFNGR2. Il legame di IFN-γ con le due catene induce la loro dimerizzazione, che causa l'associazione fra le chinasi JAK1 e JAK2, attivando la via di segnalazione delle JAK/STAT. Questa via di segnalazione porta all'attivazione del fattore trascrizionale STAT1, che induce la trascrizione di diversi geni, fra cui quello di IFN-γ stesso, il quale una volto prodotto, attiva i macrofagi a uccidere i microrganismi fagocitati assieme al legame CD40L-CD40; inoltre IFN gamma promuove la differenziazione in Th1 attraverso l'attivazione del fattore di trascrizione T-bet e inibisce quella verso Th2.

Produzionemodifica | modifica wikitesto

L'interferone gamma viene prodotto in risposta allo stimolo di microbi o di IL-12 da parte di linfociti NK e linfociti TH1 attivati dallo stesso IFN-γ.

Funzionimodifica | modifica wikitesto

L'interferone gamma svolge molteplici funzioni su diverse cellule dell'organismo:

  • macrofagi: causa l'attivazione classica insieme a segnali dei Toll-like receptor. In queste cellule attiva numerosi fattori di trascrizione come STAT1, NF-κB e AP-1 che inducono la trascrizione di diversi enzimi coinvolti nella fagocitosi, come l'ossidasi fagocitica, l'ossido nitrico sintasi inducibile ed altri enzimi lisosomali.
  • linfociti B: promuove lo scambio di classe fra le varie sottoclassi di Ig.
  • Linfociti TH1: stimolano il linfociti T CD4 a differenziare in linfociti TH1, inibendo i TH2 e TH17.
  • MHC: agiscono sulle molecole MHC inducendo l'espressione di proteine che ne migliorano il legame con il peptide e la conseguente presentazione.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Abul K. Abbas, Andrew H. Lichtman, Shiv Pillai, Immunologia cellulare e molecolare, Elsevier, 2012