John Dickinson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Dickinson
John Dickinson portrait.jpg
Ritratto di John Dickinson

Presidente del Consiglio Supremo Esecutivo della Pennsylvania
Durata mandato 7 novembre 1782 –
18 ottobre 1785
Vice presidente James Ewing
James Irvine
Charles Biddle
Predecessore William Moore
Successore Benjamin Franklin

Presidente del Delaware
Durata mandato 13 novembre 1781 –
12 gennaio 1783
Predecessore Caesar Rodney
Successore John Cook

Dati generali
Partito politico Partito Democratico-Repubblicano

John Dickinson (Trappe, 13 novembre 1732Wilmington, 14 febbraio 1808) è stato un politico e avvocato statunitense.

Fu uno dei padri fondatori degli Stati Uniti, noto come "Penman of the Revolution" ("scrittore della rivoluzione") per le sue dodici Letters from a Farmer in Pennsylvania, pubblicate individualmente nel 1767 e nel 1768. In qualità di membro del Primo congresso continentale, dove era un firmatario dell'Associazione Continentale, Dickinson redasse la maggior parte della Petizione del 1774 al re Giorgio III, e poi, come membro del Secondo congresso continentale, scrisse la Olive Branch Petition del 1775. Quando questi due tentativi di negoziare con il re Giorgio III di Gran Bretagna fallirono, Dickinson rielaborò il linguaggio di Thomas Jefferson e scrisse la bozza finale della Dichiarazione delle cause e della necessità di prendere le armi del 1775. Quando il Congresso decise poi di cercare l'indipendenza dalla Gran Bretagna, Dickinson fece parte della commissione che scrisse il Trattato modello, e poi scrisse la prima bozza degli Articoli della Confederazione e dell'Unione Perpetua del 1776-1777.

Dickinson in seguito servì come presidente della Convenzione di Annapolis del 1786, che richiedeva la Convenzione costituzionale del 1787. Dickinson partecipò alla Convenzione come delegato del Delaware.

Ha scritto "The Liberty Song" nel 1768, fu un ufficiale della milizia durante la rivoluzione americana, presidente del Delaware, presidente della Pennsylvania, ed era tra gli uomini più ricchi delle colonie britanniche americane. Alla morte di Dickinson, l'allora presidente statunitense Thomas Jefferson lo riconobbe "tra i primi sostenitori dei diritti del suo Paese quando viene assalito dalla Gran Bretagna il cui nome verrà consacrato nella storia come uno dei grandi degni della rivoluzione".[1]

Insieme a sua moglie, Mary Norris Dickinson, gli è stato intitolato il Dickinson College (originariamente John and Mary's College), nonché la Dickinson School of Law della Pennsylvania State University, il Dickinson Complex dell'Università del Delaware e la John Dickinson High School, aperta nel 1959 come parte delle scuole pubbliche nel nord del Delaware.

Storia della famigliamodifica | modifica wikitesto

Stemma di John Dickinson.

Dickinson nacque[2] a Croisadore, la piantagione di tabacco della sua famiglia vicino al villaggio di Trappe nella contea di Talbot, provincia del Maryland.[3] Era il pronipote di Walter Dickinson che emigrò dall'Inghilterra in Virginia nel 1654 e, dopo essere entrato a far parte della Society of Friends, arrivò con diversi correligionari nella contea di Talbot, sulla costa orientale della baia di Chesapeake nel 1659. Lì, con 400 acri sulle rive del fiume Choptank, Walter iniziò una piantagione, Croisadore, "croce d'oro". Walter acquistò anche 800 acri a St. Jones Neck in quella che divenne la contea di Kent, Delaware.[4]

Croisadore passò attraverso il figlio di Walter, William, a suo nipote, Samuel, il padre di John Dickinson. Ogni generazione aumentò le proprietà terriere, così che Samuel ereditò 2.500 acri in 5 fattorie in 3 contee del Maryland e nel corso della sua vita lo aumentò a 9.000 acri. Acquistò anche la proprietà nella contea di Kent da suo cugino e la ampliò a circa 3.000 acri, estesi lungo il fiume St. Jones da Dover alla baia del Delaware. Lì iniziò un'altra piantagione e la chiamò Poplar Hall. Queste piantagioni erano grandi e redditizie imprese agricole lavorate da schiavi fino al 1777, quando John Dickinson liberò gli schiavi di Poplar Hall.[5]

Samuel Dickinson sposò per la prima volta Judith Troth (1689–1729) l'11 aprile 1710. Ebbero nove figli; William, Walter, Samuel, Elizabeth, Henry, Elizabeth "Betsy", Rebecca e Rachel. I tre figli maggiori morirono di vaiolo mentre erano a Londra in cerca di istruzione. Rimasto vedovo, con due figli piccoli, Henry e Betsy, Samuel sposò Mary Cadwalader nel 1731. Era la figlia di Martha Jones (nipote del dottor Thomas Wynne) e dell'importante quacchero John Cadwalader che era anche nonno del generale John Cadwalader di Filadelfia. I loro figli, John, Thomas e Philemon nacquero negli anni successivi.

Per tre generazioni la famiglia Dickinson era stata membro del Third Haven Friends Meeting nella contea di Talbot e i Cadwaladers erano membri del Meeting a Philadelphia. Ma nel 1739, la sorellastra di John Dickinson, Betsy, si sposò in una chiesa anglicana con Charles Goldsborough in quello che fu chiamato un "matrimonio disordinato" dal Meeting. La coppia avrà come nipote il governatore del Maryland Charles Goldsborough.

Lasciando Croisadore al figlio maggiore Henry Dickinson, Samuel si trasferì a Poplar Hall, dove aveva già assunto un ruolo di primo piano nella comunità come giudice del tribunale della contea di Kent. La mossa mise anche Mary più vicina ai suoi parenti di Filadelfia.

Poplar Hall si trovava su un'ansa ora raddrizzata del fiume St. Jones. C'era molta attività per fornire il necessario e spedire i prodotti agricoli. Gran parte di questo prodotto era grano che, insieme ad altro grano della regione, veniva macinato in una farina "superfine".[6]

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Gioventù e primi successimodifica | modifica wikitesto

Dickinson venne educato a casa dai suoi genitori e da immigrati recenti impiegati a tale scopo. Tra loro c'era il ministro presbiteriano Francis Alison, che in seguito fondò la New London Academy nella contea di Chester, in Pennsylvania.[7] Il suo tutore, William Killen, divenne in seguito divenne il primo capo della giustizia e cancelliere del Delaware. Dickinson era precoce ed energico e, nonostante il suo amore per Poplar Hall e la sua famiglia, fu attratto da Filadelfia.

A 18 anni iniziò a studiare legge sotto John Moland a Filadelfia. Lì fece amicizia con studenti come George Read e Samuel Wharton, tra gli altri. Nel 1753, John andò a Londra per tre anni di studio al Middle Temple. Trascorse quegli anni studiando le opere di Edward Coke e Francesco Bacone alle Inns of Court, seguendo le orme del suo amico di una vita, il procuratore generale della Pennsylvania Benjamin Chew,[8] e nel 1757 fu ammesso al Pennsylvania Bar iniziando la sua carriera come avvocato e procuratore legale.

In segno di protesta contro i Townshend Acts, Dickinson pubblicò le Letters from a Farmer in Pennsylvania. Pubblicate per la prima volta nel Pennsylvania Chronicle, le lettere di Dickinson vennero ristampate da numerosi altri giornali e divennero uno dei documenti politici americani più influenti prima della Rivoluzione americana. Dickinson sostenne che il Parlamento aveva il diritto di regolamentare il commercio, ma non aveva il diritto di imporre dazi per le entrate. Dickinson inoltre avvertì che se le colonie avessero acconsentito ai Townshend Acts, il Parlamento avrebbe imposto ulteriori tasse alle colonie in futuro.[9] Dopo aver pubblicato queste lettere, fu eletto nel 1768 all'American Philosophical Society come membro.[10]

Il 19 luglio 1770, Dickinson sposò Mary Norris, conosciuta come Polly, una 30enne eminente e ben istruita a Filadelfia con una consistente tenuta di beni immobili e proprietà personali (inclusa una biblioteca di 1500 volumi, una delle più grandi nelle colonie dell'epoca) che gestiva da diversi anni la tenuta della sua famiglia, Fair Hill, da sola o con sua sorella. Era la figlia di un ricco quacchero di Philadelphia e presidente dell'Assemblea generale della Pennsylvania, Isaac Norris e di Sarah Logan, la figlia dello statista e sindaco James Logan, entrambi deceduti.[11] Era anche cugina della poetessa quacchera Hannah Griffitts. Dickinson e Norris ebbero cinque figli, ma solo due sopravvissero fino all'età adulta: Sarah Norris "Sally" Dickinson e Maria Mary Dickinson. Dickinson non si unì mai formalmente al Quaker Meeting, perché, a differenza dei quaccheri, credeva nella "liceità della guerra difensiva".[12] Lui e Norris si sposarono con rito civile.

A Filadelfia Dickinson visse nella proprietà di sua moglie, Fair Hill, vicino a Germantown. Nel frattempo, costruì un'elegante villa in Chestnut Street, ma non vi abitò mai poiché fu confiscata e trasformata in un ospedale durante la sua assenza nel 1776-77 in Delaware.[13] Divenne poi la residenza dell'ambasciatore francese e ancora più tardi la casa di suo fratello, Philemon Dickinson. Fair Hill vene bruciata dagli inglesi durante la battaglia di Germantown. Mentre era a Filadelfia come presidente dello Stato, visse nella villa confiscata di Joseph Galloway a Sixth and Market Street, ora stabilita come residenza presidenziale dello Stato.

Dickinson visse a Poplar Hall, per lunghi periodi solo nel 1776-77 e nel 1781-82. Nell'agosto 1781 fu saccheggiata dai lealisti e gravemente bruciata nel 1804. Questa casa è ora di proprietà dello Stato del Delaware ed è aperta al pubblico.[14] Dopo il suo servizio come presidente della Pennsylvania, tornò a vivere a Wilmington, nel Delaware, nel 1785 e costruì un palazzo all'angolo nord-ovest tra l'8a e la Market Street.

Congresso continentalemodifica | modifica wikitesto

Ritorno alla Poplar Hallmodifica | modifica wikitesto

Scrittura degli articoli della Costituzionemodifica | modifica wikitesto

Primo femminismomodifica | modifica wikitesto

Presidente del Delawaremodifica | modifica wikitesto

Presidente della Pennsylvaniamodifica | modifica wikitesto

John and Mary's Collegemodifica | modifica wikitesto

Costituzione statunitensemodifica | modifica wikitesto

Morte e lascitomodifica | modifica wikitesto

Educazione e religionemodifica | modifica wikitesto

Nella cultura di massamodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ UD Library discovers Thomas Jefferson letter, su www1.udel.edu. URL consultato il 19 marzo 2021.
  2. ^ Varie fonti indicano come data di nascita l'8 novembre, il 12 novembre o il 13 novembre, ma il suo più recente biografo, Flower, offre il 2 novembre senza dubbi.
  3. ^ (EN) America's Founding Documents, su National Archives, 30 ottobre 2015. URL consultato il 20 marzo 2021.
  4. ^ The Duke of York Record 1646–1679, Printed by order of the General Assembly of the State of Delaware, 1899.
  5. ^ John Dickinson: timeline, su www.historyhome.co.uk. URL consultato il 20 marzo 2021.
  6. ^ Hoffecker, Carol E. "Democracy in Delaware: The Story of the First State's General Assembly." Cedar Tree Books (2004), 39.
  7. ^ (EN) History | University of Delaware, su www.udel.edu. URL consultato il 20 marzo 2021.
  8. ^ Publications of the Historical Society of Pennsylvania: Life and Writings of John Dickinson [vol. 1], pag. 28.
  9. ^ Middlekauff, Robert (2005). The Glorious Cause: The American Revolution 1763–1789. Oxford University Press. pp. 161-162.
  10. ^ Bell, Whitfield J., and Charles Greifenstein, Jr. Patriot-Improvers: Biographical Sketches of Members of the American Philosophical Society. 3 vols. Philadelphia: American Philosophical Society, 1997, 1:383–390.
  11. ^ (EN) Charles Janeway Stillé, The Life and Times of John Dickinson, 1732-1808, Historical Society of Pennsylvania, 1891. URL consultato il 20 marzo 2021.
  12. ^ (EN) Milton Embick Flower, John Dickinson, Conservative Revolutionary, Friends of the John Dickinson Mansion, 1983, ISBN 978-0-8139-0966-0. URL consultato il 20 marzo 2021.
  13. ^ Ferling, John (2011). Independence: The Struggle to Set America Free. New York, NY: Bloomsbury Press. p. 132. ISBN 9781608193974.
  14. ^ John Dickinson Plantation, su history.delaware.gov.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Calvert, Jane E. (luglio 2007). "Liberty Without Tumult: Understanding the Politics of John Dickinson". The Pennsylvania Magazine of History and Biography. Philadelphia: Historical Society of Pennsylvania. CXXXI (3): 233–62.
  • (2008). Quaker Constitutionalism and the Political Thought of John Dickinson. Cambridge, England, and New York: Cambridge University Press. ISBN 9780521884365.
  • Colbourn, Trevor H. "John Dickinson, Historical Revolutionary." The Pennsylvania Magazine of History and Biography 83, no. 3 (1959).
  • Conrad, Henry C. (1908). History of the State of Delaware. Lancaster, Pennsylvania: Wickersham Company.
  • Flower, Milton E. (1983). John Dickinson – Conservative Revolutionary. Charlottesville, Virginia: University Press of Virginia. ISBN 0-8139-0966-X.
  • Hoffecker, Carol E. (2004). Democracy in Delaware. Wilmington, Delaware: Cedar Tree Books. ISBN 1-892142-23-6.
  • Martin, Roger A. (1984). History of Delaware Through its Governors. Wilmington, Delaware: McClafferty Press.
  • (1995). Memoirs of the Senate. Newark, Delaware: Roger A. Martin.
  • Munroe, John A. (1954). Federalist Delaware 1775–1815. New Brunswick, New Jersey: Rutgers University.
  • (2004). Philadelawareans. Newark, Delaware: University of Delaware Press. ISBN 0-87413-872-8.
  • Powell, John H. "John Dickinson and the Constitution." The Pennsylvania Magazine of History and Biography 60, no. 1 (1936).
  • Racino, John W. (1980). Biographical Directory of American and Revolutionary Governors 1607–1789. Westport, CT: Meckler Books. ISBN 0-930466-00-4.
  • Rodney, Richard S. (1975). Collected Essays on Early Delaware. Wilmington, Delaware: Society of Colonial Wars in the State of Delaware.
  • Richards, Robert Haven (1901). The life and character of John Dickinson. Wilmington : The Historical society of Delaware.
  • Scharf, John Thomas (1888). History of Delaware 1609–1888. 2 vols. Philadelphia: L. J. Richards & Co.
  • Smith, Page (1962). John Adams. Volume I, 1735–1784. New York, NY: Doubleday & Company, Inc.
  • Stillé, Charles J. (1891). The life and times of John Dickinson.
  • Ward, Christopher L. (1941). Delaware Continentals, 1776–1783. Wilmington, DE: Historical Society of Delaware. ISBN 0-924117-21-4.
  • Bushman, Claudia L.; Hancock, Harold Bell; Homsey, Elizabeth Moyne (1988). Proceedings of the House of Assembly of the Delaware State, 1781–1792, and of the Constitutional Convention of 1792. Newark, DE: University of Delaware Press. ISBN 978-0-87413-309-7.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN28316376 · ISNI (EN0000 0001 2209 750X · LCCN (ENn50027268 · GND (DE137908261 · BNF (FRcb161759516 (data) · BNE (ESXX4664929 (data) · NLA (EN35035487 · CERL cnp01403215 · WorldCat Identities (ENlccn-n50027268