Launch Complex 39A

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Complesso di lancio 39.

Una veduta aerea della rampa LA-39A con la Crew Dragon Endeavour della SpaceX presso il Kennedy Space Center vista mercoledì 27 maggio 2020 dall'Air Force One al suo arrivo allo Shuttle Landing Facility della NASA a Orlando, Florida

Il Launch Complex 39A (LC-39A) è la prima piattaforma di lancio del Launch Complex 39 che si trova al Kennedy Space Center a Merritt Island, Florida . Il pad, insieme al Launch Complex 39B, furono progettati per la per il veicolo di lancio Saturn V, che all'epoca era il razzo più potente degli Stati Uniti. Inizialmente utilizzato dalla NASA per lanciare le missioni Apollo, e successivamente le missioni dello Space Shuttle. Il 14 aprile 2014, la SpaceX ha firmato un contratto di locazione della durate di 20 anni per Launch Complex 39A (LC-39A), successivamente la società ha provveduto a modificare per supportare i lanci del Falcon 9 e del Falcon Heavy.[1][2]

Storiamodifica | modifica wikitesto

Programma Apollomodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Programma Apollo.

Nel 1961, il presidente americano John Fitzgerald Kennedy propose al Congresso l'obiettivo di far sbarcare l'uomo sulla Luna entro la fine del decennio. L'approvazione del Congresso ha portato al lancio del programma Apollo, che ha richiesto una massiccia espansione delle operazioni della NASA, inclusa un'espansione delle operazioni di lancio dal Capo all'adiacente Merritt Island a nord e ovest.[3]

Il Launch Complex 39A è stato progettato per gestire i lanci del razzo Saturn V, il più grande e potente veicolo di lancio, che avrebbe spinto la navicella Apollo sulla Luna. Il primo lancio dal Launch Complex 39A avvenne nel 1967 con il primo lancio del Saturn V, che trasportava la navicella spaziale Apollo 4 senza equipaggio. Anche il secondo lancio senza equipaggio, Apollo 6, utilizzò il pad 39A. Con l'eccezione dell'Apollo 10, che ha utilizzato il Pad 39B (a causa dei test "all-up" che hanno portato a un periodo di inversione di tendenza di 2 mesi), tutti i lanci dell'Apollo-Saturn V con equipaggio, a partire dall'Apollo 8, hanno utilizzato il Pad 39A.

Space Shuttlemodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Programma Space Shuttle.

Con l'avvento del programma Space Shuttle nei primi anni 80, la struttura originale delle piattaforme di lancio è stata rimodellata per le esigenze dello Space Shuttle . Il primo utilizzo del Pad 39A per lo Space Shuttle avvenne nel 1979, quando l'Enterprise fu usata per controllare le strutture prima del primo lancio operativo. Da allora, il Pad 39A ha ospitato tutti i lanci dello Space Shuttle fino al gennaio 1986, quando lo Space Shuttle Challenger sarebbe diventato il primo a decollare dal pad 39B durante la sfortunata missione STS-51-L.

Durante il lancio del Discovery su STS-124 il 31 maggio 2008, il pad dell'LC-39A ha subito ingenti danni, in particolare alla trincea di cemento utilizzata per deviare le fiamme degli SRB.[4] L'indagine successiva ha rilevato che il danno era il risultato della carbonatazione della resina epossidica e della corrosione degli ancoraggi in acciaio che tenevano in posizione i mattoni refrattari nella trincea. Il danno era stato aggravato dal fatto che l'acido cloridrico è un sottoprodotto di scarico dei propulsori che utilizzano propellente solido.[5]

Proprio come per i primi 24 voli shuttle, LC-39A ha supportato gli ultimi 18 voli dello Shuttle, iniziando con la missione STS-117 decollata l'8 giugno 2007 alle 23:38 UTC, e terminando con la missione STS-135 decollata l'8 luglio 2011 alle 16:29 UTC condotta dallo Space Shuttle Atlantis.

Utilizzo Futuro

La NASA rimosse l'Orbiter Servicing Arm con l'intento di utilizzare lo spazio in seguito per costruire un museo - e la stanza bianca da cui gli astronauti sono entrati nello Space Shuttle.[6]

La missione STS-135 fu l'ultima prima Abbandono dello Space Shuttle. Da allora il pad non subì alcuna modifica e fu lasciato esattamente come lo lasciò l'Atlantis immediatamente dopo il decollo, completa di una piattaforma di lancio mobile, fino al aprile del 2014 quando la SpaceX si aggiudicò un contratto di locazione della durata di 20 anni.

SpaceXmodifica | modifica wikitesto

Il direttore del KSC Bob Cabana annuncia la firma del contratto di locazione del pad 39A il 14 aprile 2014. Il direttore operativo di SpaceX Gwynne Shotwell è nelle vicinanze.

I colloqui per l'uso del pad erano in corso tra la NASA e Space Florida - l'agenzia di sviluppo economico dello Stato della Florida - già nel 2011, ma nessun accordo si è concretizzato nel 2012, e la NASA ha quindi perseguito altre opzioni per rimuovere il pad dal inventario governo federale.[7]

All'inizio del 2013, la NASA ha annunciato pubblicamente che avrebbe consentito ai fornitori di servizi di lancio commerciale di affittare LC-39A,[8] tale annuncio fu seguito nel maggio del 2013 con una richiesta formale per l'uso commerciale del pad.[9]

Furono presentate due offerte per l'uso commerciale del complesso di lancio rispettivamente da SpaceX e Blue Origin, SpaceX presentò un'offerta per l'uso esclusivo del complesso di lancio, Blue Origin invece presentò un'offerta per l'uso non esclusivo condivisa del complesso, in modo che il launch pad avrebbe gestito più veicoli, ed i costi potrebbe essere condiviso sulla lungo termine. Un potenziale utente condiviso nel piano Blue Origin era la United Launch Alliance.[10]

Prima della fine del periodo di offerta, e prima di qualsiasi annuncio pubblico da parte della NASA dei risultati del processo, Blue Origin ha presentato una protesta al General Accounting Office (GAO) degli Stati Uniti "su quello che dice essere un piano della NASA per aggiudicare un contratto di locazione commerciale esclusivo a SpaceX per l'utilizzo della piattaforma di lancio LC-39A". La NASA aveva programmato di completare l'aggiudicazione dell'offerta e di trasferire il blocco entro il 1 ottobre 2013, ma la protesta "ritarderà qualsiasi decisione fino a quando il GAO non avrà raggiunto una decisione, prevista per metà dicembre".[11] Il 12 dicembre 2013, il GAO ha negato la protesta avanzata dalla Blue Origin e si è schierato con la NASA, che ha sostenuto che la sollecitazione non conteneva alcuna preferenza sull'uso della struttura come multiuso o monouso. "Il documento [sollecitazione] chiede semplicemente agli offerenti di spiegare le ragioni per cui hanno scelto un approccio invece dell'altro e come gestirebbero la struttura".[12]

Il 13 dicembre 2013, la NASA annunciò di aver selezionato SpaceX come nuovo inquilino commerciale del Pad 39A.[13] Il 14 aprile 2014, SpaceX firmò un contratto di locazione esclusiva di 20 anni su LC-39A[14], nel contratto di locazione la NASA ha imposto come requisito che il bunker posto sotto il pad LC-39A[15], e le altre parti storiche del pad, fosse conservata come manufatti storici. SpaceX pianificò di lanciare i propri veicoli di lancio dalla piattaforma e costruire un nuovo hangar nelle vicinanze. Elon Musk, CEO di SpaceX, ha dichiarato di voler spostare la maggior parte dei lanci della NASA di SpaceX per LC-39A, compresi i carichi commerciali e le missioni dell'equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale.[16]

Modifiche del padmodifica | modifica wikitesto

Nel 2015, SpaceX ha costruito la Horizontal Integration Facility (HIF) simile a quella utilizzata nelle strutture SpaceX affittate presso la Cape Canaveral Air Force Station, e Vandenberg Air Force Base, l'integrazione orizzontale è nettamente diversa dall'Vehicle Assembly Building (VAB) presente nel complesso di lancio utilizzato per assemblare i veicoli Apollo e Space Shuttle della NASA.

Tale struttura fu costruita appena fuori dal perimetro della piattaforma di lancio esistente per ospitare e assemblare sia il Falcon 9 che i razzi Falcon Heavy, il loro hardware e il carico utile associato, durante la preparazione per il volo.[17] Furono posate delle rotaie per il Transporter Erector (TE) dall'HIF fino al pad 39A lungo l'ex percorso cingolato.[7]

Sempre nel 2015, il supporto di lancio per il Falcon Heavy è stato costruito sul pad 39A sull'infrastruttura esistente.[6][18] Il lavoro sia sull'edificio HIF che sul pad è stato sostanzialmente completato entro la fine del 2015.[19] Nel novembre 2015 è stato condotto un test di rollout del nuovo Transporter Erector[20]

Nel febbraio 2016, SpaceX ha indicato di aver "completato e attivato il Launch Complex 39A", ma aveva ancora altro lavoro da fare per supportare i voli con equipaggio. SpaceX originariamente aveva pianificato di essere pronto per eseguire il primo lancio del Falcon Heavy dal pad 39A già nel 2015,[21] poiché avevano architetti e ingegneri che dal 2013 lavoravano al nuovo design e alle modifiche da effettuare alla struttura di servizio fissa (FSS),[22][6] che intende estendere al di sopra della sua precedente altezza di 110 m. Non avendo bisogno della Rotating Service Structure (RSS) l'ha rimossa[7][23].

SpaceX ha indicato alla fine del 2014 che livelli aggiuntivi all'FSS non sarebbero stati aggiunti a breve termine[7], ma prevedeva di aggiungere eventualmente almeno due livelli aggiuntivi all'FSS, per fornire l'accesso all'equipaggio per i lanci di Dragon 2. Complesso di lancio del Kennedy Space Center 39A.

Entro la fine del 2014, una data preliminare per il lancio del Falcon Heavy era stata fissata non prima del 1 luglio 2015.[7] A causa di un fallimento del lancio del Falcon 9 avvenuto il 28 giugno 2015 durante la missione CRS-7, SpaceX ha dovuto ritardare il lancio del Falcon Heavy per concentrarsi sull'indagine sui guasti del Falcon 9 e sul suo ritorno al volo.[24] All'inizio del 2016, considerando l'affollato manifesto di lancio del Falcon 9, non è stato chiaro se il Falcon Heavy sarebbe stato il primo veicolo a essere lanciato dal Pad 39A o se una o più missioni del Falcon 9 avrebbero preceduto un lancio di Falcon Heavy.[25] Nei mesi successivi, il lancio del Falcon Heavy è stato ritardato più volte e alla fine è stato rinviato a 6 febbraio del 2018.[26]

Nel 2018, SpaceX ha apportato ulteriori modifiche al LC 39A per prepararlo ad ospitare la Dragon 2 con equipaggio. Ad agosto 2018 è stato installato il braccio di accesso dell'equipaggio (CAA) di su un nuovo livello, che è stato costruito all'altezza necessaria per far entrare l'equipaggio nella navicella spaziale Crew Dragon posta in cima a un razzo Falcon 9. Il braccio assomiglia alle jetways che si trovano spesso negli aeroporti.[27] La struttura di servizio fissa LC-39A è stata ridipinta durante questi lavori.

L'Emergency Egress Slidewire completamente rinnovato (simile a quello usato negli anni precedenti per lo Space Shuttle) è stato riproposto e installato al livello del nuovo braccio di accesso, a 265 piedi di altezza sulla torre al pad 39A, 70 piedi più in alto rispetto alla loro posizione durante l'era dello shuttle, per fornire un'uscita di emergenza sicura per l'equipaggio del Dragon in caso di emergenza sulla piattaforma che non richieda l'uso del sistema di interruzione del lancio dell'equipaggio. Il sistema è composto da 7 funi che si estendono dalla Struttura di Servizio Fissa posta sul pad, fino ad una zona di atterraggio posta a 370 metri (1.200 piedi) a ovest. Su ognuna delle 7 funi è collegato una cesto scorrevole che può trasportare fino a 3 persone, e una volta che le ceste vengono sganciate manualmente dalla struttura di servizio, scorrono lungo le funi ad una velocità di oltre 55 miglia all'ora (89 km/h) potando gli astronauti e le squadre di supporto alla zona di atterraggio sul perimetro occidentale della piattaforma dove li attende un veicolo blindato chiamato MRAP. Le squadre di terra e gli astronauti potrebbero quindi essere portati in salvo con il MRAP lontano dal complesso in totale sicurezza. Il 3 aprile, la NASA e SpaceX hanno condotto un'esercitazione di uscita di emergenza al Launch Complex 39A del Kennedy Space Center in Florida. Questa dimostrazione è stata completata per garantire che l'equipaggio della Crew Dragon Endeavour e le squadre di supporto sapessero come utilizzarlo in caso di necessità. Nei seguenti video (video 1 - video 2 ) si può vedere l'esercitazione condotta.[28]

Nell'agosto 2019, SpaceX ha presentato una valutazione ambientale per il sistema di lancio di navi stellari presso il Kennedy Space Center.[29] Questo documento includeva piani per la costruzione di strutture aggiuntive a LC-39A per supportare i lanci di Starship, tra cui una piattaforma dedicata, serbatoi di metano liquido e una zona di atterraggio.[30] Queste sono separate dalle strutture esistenti che supportano i lanci Falcon 9 e Falcon Heavy.

Nel 2019, SpaceX ha avviato modifiche sostanziali al pad LC-39A per iniziare i lavori sulla fase 1 della costruzione per preparare la struttura al lancio dei prototipi del Big Falcon Heavvy di Starship che volerà da 39A su traiettorie di volo di prova suborbitali con sei o meno motori Raptor .

Una seconda fase della costruzione è prevista per il 2020 per costruire una cavalcatura di lancio molto più capace in grado di lanciare l'intero veicolo di lancio di Starship,[31] alimentato da 43 motori Raptor e producendo un totale di 72 MN (16.000.000 lbf) spinta al decollo in partenza 39A.[32]

Utilizzo del padmodifica | modifica wikitesto

ll pad 39A sarà utilizzato per ospitare i lanci degli astronauti sulla versione con equipaggio della capsula spaziale Dragon in una partnership pubblico-privato con la NASA. Nel Aprile 2014, il piano della NASA prevedeva le prime missioni con equipaggio della NASA nel 2017.[22]

Storia dei lancimodifica | modifica wikitesto

Il primo lancio di SpaceX dal pad 39A è stato SpaceX CRS-10 il 19 febbraio 2017, utilizzando un veicolo di lancio Falcon 9; era la decima missione di rifornimento del carico della compagnia verso la Stazione Spaziale Internazionale[33] e il primo lancio senza equipaggio da 39A dai tempi di Skylab.

Mentre il Cape Canaveral Space Launch Complex 40 (SLC-40) era in fase di ricostruzione dopo la perdita del satellite AMOS-6 avvenuta il 1º settembre 2016, tutti i lanci della costa orientale di SpaceX provenivano dal Pad 39A fino a quando l'SLC-40 non è tornato operativo nel dicembre 2017. Questi includevano il 1º maggio 2017, il lancio di NROL -76, la prima missione SpaceX per il National Reconnaissance Office, con un carico utile classificato.[34]

Il 6 febbraio 2018, il Pad 39A ha ospitato il decollo con successo del Falcon Heavy al suo primo lancio, portando l'auto Tesla Roadster di Elon Musk nello spazio con alla guida il manichino Starman con in dosso la tuta usata dall'equipaggio della Crew Dragon.[35]

Il 2 marzo 2019 decollo il primo volo della navicella spaziale Dragon 2 con la missione Demo-1.

l'11 aprile 2019 il secondo Falcon Heavy, che trasportava il satellite di comunicazione Arabsat-6A per Arabsat dell'Arabia Saudita, è stato lanciato con successo. Il satellite fornirà servizi di comunicazione in banda K u e K a per il Medio Oriente e l'Africa settentrionale, nonché per il Sudafrica. Il lancio è stato notevole in quanto ha segnato la prima volta che SpaceX è stato in grado di atterrare con successo tutti e tre i primi stadi che vennero revisionati per i lanci futuri.[36]

I 30 maggio 2020 decollo con successo il volo di prova della Crew Dragon con l'equipaggio composto dagli astronauti Bob Behnken e Doug Hurley con la missione Demo-2, e il 31 maggio 2020 la navetta ha effettuato con successo l'attracco automatico all'adattatore di accoppiamento pressurizzato PMA-2 sul modulo Harmony della ISS.[37][38]

Galleria d'immaginimodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) Dante D'Orazio, After delays, SpaceX's massive Falcon Heavy rocket set to launch in spring 2016, su theverge.com, settembre 2015.
  2. ^ (EN) SpaceX seeks to accelerate Falcon 9 production and launch rates this year, su spacenews.com, febbraio 2016.
  3. ^ (EN) THE HISTORY OF CAPE CANAVERAL CHAPTER 3 NASA ARRIVES (1959-PRESENT), su spaceline.org. URL consultato il 22 novembre 2020.
  4. ^ (EN) NASA Eyes Launch Pad Damage for Next Shuttle Flight, su space.com, 2 giugno 2008.
  5. ^ Lilley, Steve K., Hit the Bricks (PDF), in System Failure Case Studies, vol. 4, n. 8, NASA, August 2010, pp. 1–4. URL consultato il 22 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  6. ^ a b c NASA signs over historic Launch Pad 39A to SpaceX, in collectSpace, 14 aprile 2014. URL consultato il 15 aprile 2014.
  7. ^ a b c d e Chris Bergin, Pad 39A – SpaceX laying the groundwork for Falcon Heavy debut, in NASA Spaceflight, 18 novembre 2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
  8. ^ "NASA not abandoning LC-39A" January 17, 2013, accessed February 7, 2013.
  9. ^ NASA requests proposals for commercial use of Pad 39A, NewSpace Watch, May 20, 2013, accessed May 21, 2013.
  10. ^ Mark K. Matthews, Musk, Bezos fight to win lease of iconic NASA launchpad, in Orlando Sentinel, 18 agosto 2013. URL consultato il 21 agosto 2013.
  11. ^ Doug Messier, Blue Origin Files Protest Over Lease on Pad 39A, in Parabolic Arc, 10 settembre 2013. URL consultato l'11 settembre 2013.
  12. ^ Doug Messier, Blue Origin Loses GAO Appeal Over Pad 39A Bid Process, in Parabolic Arc, 12 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  13. ^ Stephen Clark, SpaceX to begin negotiations for shuttle launch pad, in SpaceflightNow, December 13, 2013. URL consultato il December 13, 2013.
  14. ^ (EN) SpaceX takes over KSC pad 39A, su floridatoday.com. URL consultato il 22 novembre 2020.
  15. ^ (EN) Robert Z. Pearlman 15 April 2014, NASA Signs Over Historic Apollo-Era Launch Pad to SpaceX, su Space.com. URL consultato il 24 novembre 2020.
  16. ^ (EN) GAO decision opens door for commercial lease of pad 39A, su spaceflightnow.com, dicembre 2013.
    «Musk said he wants to launch SpaceX's commercial cargo and crew missions to the International Space Station from launch pad 39A».
  17. ^ Stephen Clark, Falcon Heavy rocket hangar rises at launch pad 39A, in Spaceflight Now, 25 February 2015. URL consultato il 28 February 2015.
  18. ^ (EN) Falcon Heavy into production as Pad 39A HIF rises out of the ground, su nasaspaceflight.com, febbraio 2015.
  19. ^ Chris Gebhardt, Canaveral and KSC pads: New designs for space access, in NASASpaceFlight.com, 8 ottobre 2015. URL consultato l'11 ottobre 2015.
  20. ^ Chris Bergin, SpaceX conducts test rollout for 39A Transporter/Erector, in NASASpaceFlight.com, 9 novembre 2015. URL consultato l'11 November 2015.
  21. ^ James Dean, With nod to history, SpaceX gets launch pad 39A OK, in Florida Today, 14 aprile 2014. URL consultato il 15 aprile 2014.
  22. ^ a b Stephen Clark, SpaceX's mega-rocket to debut next year at pad 39A, in SpaceflightNow, 15 aprile 2014. URL consultato il 16 aprile 2014.
  23. ^ SES-9's mission, su ses.com, marzo 2016.
  24. ^ Clark, Stephen, First flight of Falcon Heavy delayed again, su spaceflightnow.com, 21 luglio 2015.
  25. ^ Jeff Foust, SpaceX seeks to accelerate Falcon 9 production and launch rates this year, in SpaceNews, 4 febbraio 2014. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  26. ^ Investor's Business Daily, SpaceX Performs Falcon Heavy Rocket Static Fire Test After Delays | Stock News & Stock Market Analysis - IBD, in Investor's Business Daily, 24 gennaio 2018. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  27. ^ Stephen Clark, SpaceX's astronaut walkway installed on Florida launch pad, in Spaceflight Now, August 20, 2018. URL consultato il August 22, 2018.
  28. ^ (EN) Stephen Clark, Video: Slidewire basket crew egress system tested at pad 39A – Spaceflight Now, su spaceflightnow.com. URL consultato il 22 novembre 2020.
  29. ^ (EN) Draft Environmental Assessment for the SpaceX Starship and Super Heavy Launch Vehicle at Kennedy Space Center (KSC) (PDF), su NASA Public NEPA Documents, agosto 2019.
  30. ^ SpaceX prepares to break ground on Starship launch facilities at Pad 39A, su TESLARATI, settembre 2019.
  31. ^ https://www.nasaspaceflight.com/2019/10/construction-starship-39a-facility-pace/
  32. ^ Jamie Groh, SpaceX debuts Starship's new Super Heavy booster design, in Teslarati, 28 September 2019. URL consultato l'8 October 2019.
  33. ^ spacexcmsadmin, CRS-10 MISSION, in SpaceX, 29 gennaio 2016. URL consultato il 18 febbraio 2017.
  34. ^ Chris Bergin, SpaceX Static Fires Falcon 9 for EchoStar 23 launch as SLC-40 targets return, in NASASpaceFlight.com, March 9, 2017. URL consultato il March 18, 2017.
  35. ^ Jackie Wattles, SpaceX launches Falcon Heavy, the world's most powerful rocket, in CNNMoney. URL consultato il 6 febbraio 2018.
  36. ^ (EN) Launch Schedule, su Spaceflightnow.com, febbraio 2019.
  37. ^ NASA to Host Preview Briefings, Interviews for First Crew Launch with SpaceX, su NASA, maggio 2020.
  38. ^ (EN) NASA Astronauts Launch from America in Historic Test Flight of SpaceX Crew Dragon, su nasa.gov, 30 maggio 2020.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica