Louis Bertrand Castel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Louis Bertrand Castel (Montpellier, 15 novembre 16889 gennaio 1757) è stato un matematico gesuita francese.

Mathématique universelle abregée à l'usage et à la portée de tout le monde, 1728
Illustrazione dall'opera di Castel del 1740

Studiò letteratura, ma si dedicò poi interamente a matematica e filosofia naturale. Scrisse diverse opere scientifiche, fra cui ricevette massima attenzione l'Optique des couleurs (1740) dove criticò la descrizione spettrale che Newton aveva fatto del colore prismatico, osservando che i colori della luce suddivisi dal prisma dipendevano dalla distanza dal prisma e che quindi Newton stava considerando un caso particolare. Questo argomento fu poi riutilizzato da Goethe nella sua Teoria dei Colori.[1]. Lavorò per molti anni al suo clavicembalo oculare[2].

Operemodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Thomas L. Hankins and Robert J. Silverman, Instruments and the Imagination, Princeton University Press, 1995, ISBN 0-691-00549-4.
  2. ^ Benedetta Saglietti, Dal clavecin oculaire di Louis Bertrand Castel al clavier à lumières di Alexandr Skrjabin (PDF), Accademia University Press, 2012, ISBN 8897523102.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto


Controllo di autorità VIAF: (EN12405220 · LCCN: (ENn82137029 · ISNI: (EN0000 0000 6298 9839 · GND: (DE119382156 · BNF: (FRcb12462543h (data) · CERL: cnp00405760