Luigi Riccoboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Riccoboni

Luigi o Louis Riccoboni, noto anche con lo pseudonimo di Lélio, (Modena, 1º aprile 1676Parigi, 6 dicembre 1753[1]), è stato un attore e scrittore italiano naturalizzato francese.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Visse per molto tempo a Parigi, dove si recò su richiesta del duca d'Orléans ed esordì il 18 maggio 1716 al Palais-Royal; nel 1723, la sua compagnia ottenne il titolo di Comédiens de S. A. R. le Duc d'Orléans.[2]

Tra i maggiori teorici ed interpreti della Comédie Italienne, che diresse dal 1716 al 1731[3][4], tentò di riformare il teatro recuperando il testo scritto e coniugando la commedia regolare con i toni vivaci della commedia dell'arte.[5]

Mise in scena sia tragedie francesi (Corneille, Racine), che italiane (Torrismondo di Torquato Tasso, Merope di Scipione Maffei)[2]; e scrisse anche commedie, una Storia del Teatro Italiano e una raccolta di note sulla commedia e sul genio di Molière.[4]

Riccoboni si sposò due volte, la prima con l'attrice Gabriella Gardellini (nota come Argentina), e la seconda con Elena Balletti (1686–1771; nota come Flaminia). Il figlio Antoine-François Riccoboni (1707–1772) fu un attore che usò come nome di palcoscenico Lélio fils e nel 1734 sposò Marie-Jeanne de La Boras.[senza fonte]

Operemodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Beatrice Alfonzetti, RICCOBONI, Luigi Andrea, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2016. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  2. ^ a b Alberto Manzi, Riccoboni, su Enciclopedia Italiana - Treccani.it, 1936.
  3. ^ (EN) Edward Forman, Historical Dictionary of French Theater, Lanham, The Scarecrow Press, 2010, p. 150.
  4. ^ a b Luigi Riccoboni (1677-1753), in Bianco e Nero, 2-3, febbraio-marzo 1938, pp. 29-32.
  5. ^ Romano Luperini e Pietro Cataldi, ‪La scrittura e l'interpretazione: storia della letteratura italiana nel quadro della civiltà e della letteratura dell'Occidente, ‬II, Palermo, Palumbo, 1999, p. 398.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • ‪Salvatore Cappelletti, Luigi Riccoboni e la riforma del teatro, Ravenna, ‬Longo, 1986.
  • Paola Trivero, Luigi Riccoboni, detto Lelio, non solo attore, in Franco-Italica, nº 1, 1992, pp. 101-118.

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN2479973 · ISNI (EN0000 0001 1585 7945 · LCCN (ENn85279792 · GND (DE118788671 · BNF (FRcb11998321f (data) · NLA (EN35811080 · BAV ADV11197159 · CERL cnp00400323