Mariano Romiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mariano Romiti

Mariano Romiti (Vejano, 10 agosto 1927Roma, 7 dicembre 1979) è stato un poliziotto italiano, maresciallo di pubblica sicurezza vittima di un attentato delle Brigate Rosse.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Maresciallo comandante della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato Centocelle da ben undici anni, Romiti aveva partecipato alla costituzione del primo sindacato della Polizia di Stato.

Il 7 dicembre 1979 doveva recarsi al Tribunale di Roma, per testimoniare ad un processo; per tale motivo, intorno alle otto meno un quarto del mattino, stava raggiungendo a piedi e in borghese la fermata dell'autobus che l'avrebbe portato a destinazione. All'improvviso comparvero dei terroristi che gli spararono contro dei colpi di arma da fuoco: uno dei terroristi, allontanandosi, gli diede il colpo di grazia.

In seguito le Brigate Rosse rivendicarono l'omicidio, che rientrava in una campagna messa in atto in quel periodo volta a colpire gli apparati dell'anti-terrorismo; già il 9 novembre era stato assassinato a Roma l'agente di Polizia Giudiziaria del Commissariato San Lorenzo Michele Granato, il 27 dello stesso mese, sempre a Roma, il maresciallo comandante della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato Appio Nuovo Domenico Taverna, mentre il 25 gennaio 1980 furono assassinati l'appuntato dei Carabinieri Antonino Casu e il tenente colonnello dei Carabinieri Emanuele Tuttobene.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie