Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Marocco spagnolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Protettorato spagnolo del Marocco
Protettorato spagnolo del Marocco – BandieraProtettorato spagnolo del Marocco - Stemma
Morocco-spanish-protectorate-1955-a.svg
Dati amministrativi
Nome ufficialeProtectorado español de Marruecos
حماية إسبانيا في المغرب
Lingue ufficialiarabo, spagnolo
Lingue parlatearabo, berbero
CapitaleTetuán
Dipendente daSpagna Spagna
Spagna Spagna
Spagna Spagna
Politica
Forma di StatoProtettorato
Nascita1912
CausaTrattato di Fez
Fine1956
CausaIndipendenza del Marocco
Territorio e popolazione
Bacino geograficoMarocco
Territorio originaleMarocco
Economia
ValutaPeseta spagnola
Commerci conSpagna
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Morocco 1666 1915.svg Sultanato del Marocco
Succeduto daMarocco Marocco

Il Marocco Spagnolo o, ufficialmente, Protettorato spagnolo del Marocco (in spagnolo: Marruecos español o Protectorado español de Marruecos; in arabo: حِمَاية إسبَانِيَا بالمَغْربْ‎, Himāyat Isbāniyā bi-l-Maghrib) è stata la porzione del Marocco amministrata dalla Spagna in regime di protettorato dal 1912 al 1956.

In rosa nella cartina i territori del Protettorato spagnolo del Marocco

Storiamodifica | modifica wikitesto

Creato per effetto del trattato di Fez, il protettorato del Marocco Spagnolo servì da contrappeso alla presenza francese nel Marocco centrale. La regione non fu tuttavia interamente sotto il controllo spagnolo fino al 1926, quando venne stroncata la resistenza di Abd el-Krim nella zona del Rif. Dal Marocco Spagnolo ebbe inizio la guerra civile spagnola: l'Alzamiento del generale Francisco Franco del 17 luglio 1936 ebbe difatti luogo a Tetuán e le truppe da Ceuta partirono verso la Spagna.

Il protettorato spagnolo del Marocco ebbe fine nel 1956, quando assieme all'ex protettorato francese andò a formare lo stato indipendente del Marocco. La parte meridionale del protettorato rimase tuttavia sotto sovranità spagnola fino al 1958.

Solo Ceuta e Melilla e Ifni rimasero alla Spagna dopo il 1956 in quanto territori metropolitani spagnoli da secoli prima dell'inizio del protettorato le prime due, la terza in quanto sotto sovranità diretta spagnola. Ifni venne ceduta al Marocco nel 1969.

Geografiamodifica | modifica wikitesto

Il protettorato si componeva di due territori nettamente distinti e separati dal protettorato francese: il Marocco settentrionale, corrispondente alle montagne del Rif, alla costa mediterranea e ad una breve porzione di costa atlantica a sud di Tangeri, nonché la regione di Villa Bens (Tarfaya) nell'estremo sud marocchino, delimitata a nord dal fiume Draa e a sud dalla colonia del Sahara Spagnolo. Non ne facevano parte le città di Ceuta e Melilla ed alcune plazas de soberanía, territorio metropolitano spagnolo, e nemmeno la città di Tangeri che fu dichiarata zona internazionale (occupata militarmente dalla Spagna nel 1940). Parimenti non ne faceva parte il territorio di Ifni, posto sotto la diretta sovranità spagnola.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto