Munich (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Munich
Munich-1.jpg
I protagonisti del film
Titolo originaleMunich
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2005
Durata163 min
Rapporto2.35:1
Generestorico, thriller, drammatico
RegiaSteven Spielberg
SoggettoGeorge Jonas
SceneggiaturaTony Kushner, Eric Roth
ProduttoreSteven Spielberg, Kathleen Kennedy, Barry Mendel
FotografiaJanusz Kaminski
MontaggioMichael Kahn
MusicheJohn Williams
ScenografiaRick Carter
CostumiJoanna Johnston
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Munich è un film storico del 2005 diretto da Steven Spielberg e interpretato da Eric Bana, Daniel Craig e dal premio Oscar Geoffrey Rush.

Tramamodifica | modifica wikitesto

«Nel 1972 il mondo è testimone dell'assassinio di 11 atleti israeliani alle olimpiadi di Monaco, questa è la storia di quanto accadde dopo..»

(Prologo del film)

Monaco, sede delle Olimpiadi del 1972. Sono le prime ore del 5 settembre. Un gruppo di 8 palestinesi dall'aria sospetta, con indosso tute sportive e borsoni in mano, scavalca un'alta staccionata che cinge il villaggio olimpico. Il gruppo si ferma nel giardino e si cambia i vestiti, togliendosi quello che era effettivamente un travestimento per eludere sorveglianze di sorta. Dopo essere riusciti a penetrare all'interno di un edificio, armati di mitra gli arabi sfondano la porta delle residenze in cui dormono gli atleti israeliani: 11 di essi vengono aggrediti, 2 subito uccisi e gli altri 9 presi in ostaggio.

L'attenzione globale di radio e televisione segue il primo assalto terroristico dell'era mediatica, che si scopre compiuto dall'organizzazione palestinese Settembre Nero come rivalsa su Israele.

Mentre i popoli di tutto il mondo stanno col fiato sospeso, nell'incertezza sul destino degli ostaggi (alla fine anche i restanti 9 rimarranno uccisi, così come 5 terroristi e un poliziotto tedesco), il primo ministro israeliano, la signora Golda Meir, decide di vendicare i primi ebrei assassinati in terra tedesca dai tempi dello Shoah ed incarica così i vertici del Mossad di dare inizio alla missione in codice denominata "Operazione Ira di Dio", al fine di eliminare fisicamente - nelle principali città d'Europa e del Vicino Oriente - 11 alti esponenti del terrorismo palestinese che si ritengono in qualche modo implicati nell'attentato come organizzatori e mandanti. Golda Meir convince un riluttante ufficiale del Mossad, Avner Kaufmann, a presiedere il commando che dovrà recarsi in diverse città d'Europa per stanare ed eliminare i terroristi arabi; il gruppo è composto, oltre che da Avner, da Steve, Carl, Robert e Hans.

La squadra si reca così dapprima a Roma, poi a Parigi, tuttavia di fronte agli omicidi di Stato la CIA e il KGB finiscono per reagire intervenendo contro il Mossad, cioè Avner ed i suoi uomini, alcuni dei quali vengono perciò eliminati (Carl, Robert e Hans).

Cresce intanto in Avner in particolare il dubbio che gli eliminati abbiano in effetti avuto qualcosa a che vedere con i fatti di Monaco 1972. Avner infatti comincia a sospettare che il suo gruppo (ormai ridotto da cinque agenti speciali a due), sia stato utilizzato strumentalmente in un complicato gioco di pedine tra opinione pubblica israeliana, fazioni terroristiche palestinesi e controspionaggio internazionale. Solo alla fine, fatto ritorno in Israele con Steve dopo aver eliminato 6 terroristi su 11, e dopo aver cercato di spiegare ai vertici del Mossad che appena loro uccidono un terrorista, esso viene subito rimpiazzato da qualcun altro, scoprirà che il cieco amore verso il proprio Paese in nome di un fanatico ideale politico gli ha fatto tradire e smarrire il senso di una più alta giustizia, rendendolo non molto dissimile dalle belve assassine di Monaco, e che il vero amore è quello che si riserva verso la propria famiglia e i propri cari. Il film infatti finisce con la scena in cui Avner (sposato e con una figlia) ritrova la moglie negli Stati Uniti e torna ad avere con lei un rapporto sessuale, mentre nel frattempo vengono mostrate le immagini della conclusione dei fatti di Monaco, con l'uccisione dei restanti 9 atleti all'aeroporto. In un ultimo dialogo con Ephraim, anch'egli membro del Mossad, Avner trova conferma che le persone che ha contribuito ad uccidere probabilmente non erano responsabili di quanto accaduto.

Produzionemodifica | modifica wikitesto

Sceneggiaturamodifica | modifica wikitesto

La sceneggiatura del film è stata adattata dal vincitore del Premio Pulitzer Tony Kushner, insieme a Eric Roth, dal libro-inchiesta Vendetta (Vengeance: The True Story of an Israeli Counter-Terrorist Team) del giornalista canadese George Jonas.

Locationmodifica | modifica wikitesto

Sebbene il film sia ambientato in almeno otto nazioni o città diverse (Monaco di Baviera, Israele, Francia, Roma, Cipro, Beirut, Atene e Paesi Bassi, oltre al finale negli Stati Uniti), gli esterni sono stati girati quasi esclusivamente in Ungheria e a Malta. Uno studio su luci e colori è stato preventivamente effettuato, per dare ad ogni luogo la caratterizzazione desiderata.

Israelemodifica | modifica wikitesto

  • La passeggiata di Avner e Ephraim sul lungomare di Tel Aviv è girata a Sliema, Malta. Sono riconoscibili la costa rocciosa, i palazzi del lungomare e i tipici autobus maltesi, sebbene camuffati con scritte israeliane.

Romamodifica | modifica wikitesto

  • L'uccisione dello scrittore Abdel Wael Zwaiter avvenne realmente a Roma, dove risiedeva in quanto traduttore in italiano di autori mediorientali. Per il Mossad era considerato uno dei membri di Settembre Nero, anche se l'OLP e lo scrittore Alberto Moravia, suo carissimo amico, hanno puntualmente negato ogni suo coinvolgimento.
  • La prima scena romana è girata nella centrale Republic Square della capitale maltese La Valletta. Il palazzo sullo sfondo è la locale Biblioteca Nazionale, dove si riconosce la statua dedicata alla Regina Vittoria.
  • Nel film lo scrittore tiene una conferenza in una via centrale di Roma, tra dei palazzi in stile inizio Novecento, che può ricordare vagamente via dei Sabini, presso l'attuale Galleria Alberto Sordi. In vero si tratta di una strada a ridosso della Cattedrale di Budapest, .
  • L'autore fu ucciso nell'atrio davanti all'ascensore della sua abitazione in piazza Annibaliano, nel quartiere Trieste, dai casamenti e dallo stile di edilizia popolare anni Trenta, dissimile dal palazzo in stile primo Novecento della scena.
  • Lo scrittore ucciso cade prono su delle buste della spesa ma nella scena successiva appare giacere supino e fumante per i colpi di pistola all'addome.
  • Le targhe delle auto sono quadrate con fondo nero come all'epoca ma hanno la grafia delle vecchissime targhe francesi[1].
  • La sequenza del loro incontro dopo l'esecuzione, è stata girata a Malta nella città di Rabat, sebbene rappresenti una cittadina fuori della Capitale, come suggerito dal Tricolore nelle strade[2] e dall'auto Alfa Romeo Giulia guidata da Daniel Craig[3]
  • Ricorrente poster pubblicitario della Invernizzi con la celebre immagine del salumiere in camicia bianca.

Parigimodifica | modifica wikitesto

Cipromodifica | modifica wikitesto

  • Anche le scene ambientate a Cipro sono state girate a Malta. L'hotel "Olympic" è in realtà l'hotel Primera che si trova nella località di Buġibba. Il peschereccio su cui si ritrovano dopo l'esplosione si trova nel porticciolo maltese di Marsaxlokk.

Beirutmodifica | modifica wikitesto

  • La cruenta spedizione notturna nella capitale libanese - scena girata nel porto maltese di Cospicua - si tinge di grottesco in quanto, per eludere la sorveglianza, i membri del commando si servirono di un improbabile travestimento femminile, carenza probabilmente colmata dal buio. Tra questi vi era il futuro primo ministro israeliano Ehud Barak, allora ufficiale dei corpi speciali Sayeret Matkal. In una sua intervista all'epoca dell'uscita del film, raccontava di come sua moglie avesse scoperto in casa la parrucca e gli abiti femminili. Non potendo dare spiegazioni, preferì farsi credere dedito al travestitismo.

Atenemodifica | modifica wikitesto

  • La scena della bomba nell'albergo è stata girata a Malta e precisamente a La Valletta[4]; anche in queste scene, se si osserva con attenzione si vede passare la sagoma inconfondibile di un tradizionale bus giallo maltese. Inoltre erroneamente per la Grecia le auto hanno la guida a destra e circolano sulla corsia di sinistra.

Londramodifica | modifica wikitesto

  • Le scene nell'hotel di Londra sono state girate a Budapest all'hotel Marriott.

New Yorkmodifica | modifica wikitesto

  • La scena finale mostra un panorama di Manhattan con le appena completate Torri Gemelle, un artificio grafico digitale.

Riconoscimentimodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Le targhe recano tutte la sigla "AN" della provincia di Ancona, quasi vi fosse un concentramento di automobilisti anconetani nella Capitale. In quel tempo la targa non era relativa al veicolo bensì al proprietario e alla sua residenza. Era infatti obbligo cambiare immatricolazione con il cambio della residenza.
  2. ^ L'esposizione al di fuori degli edifici pubblici era allora illecita e perseguibile quale "vilipendio alla bandiera".
  3. ^ In una scena dove viene inquadrata dal retro, si tratta di una Fiat 1500 dello stesso colore.
  4. ^ Munich - Filming Locations, imdb.com. URL consultato il 9 aprile 2014.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN308616227 · GND (DE7690567-6