Novembre (Pascoli)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Novembre
November,png.png
Autore Giovanni Pascoli
1ª ed. originale 1891
Genere poesia
Lingua originale italiano

Novembre è un componimento poetico di Giovanni Pascoli, tratto dalla raccolta poetica Myricae. Originariamente era intitolato San Martino come l'omonima poesia del maestro Carducci da cui trae l'ascendenza.[1]

Contenutomodifica | modifica wikitesto

Paesaggo autunnale di novembre

È l'11 novembre, la cosiddetta estate di San Martino; ma all'illusione dei richiami di luce e di gioia portati dall'aria la natura non risponde: tutto è secco, e il colore funebre dell'autunno fa da cornice al ricordo di coloro che non ci sono più.[2]

Gèmmea l'aria,[3] il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l'odorino amaro
senti nel cuore...

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. È l'estate
fredda, dei morti.

Analisimodifica | modifica wikitesto

Una prima osservazione concerne la forma metrica del componimento: sono tre strofe saffiche di tre endecasillabi più un quinario a rima alternata ABAB.[4]

Per "strofa saffica" si intende l'imitazione italiana (basata sul conteggio delle sillabe e la posizione degli accenti tonici) del modello ritmico creato dalla poetessa greca Saffo, basato sulla seguente successione di vocali lunghe e brevi: _ ~ _ _ _ / ~~ _ ~ _~.
Della struttura greca rimane la cesura - o pausa - dopo la quinta sillaba.
Questa rigorosa determinazione formale costituisce per Pascoli nello stesso tempo un'occasione per sperimentare una forma poetica rara (se ne trovano altri esempi in Giuseppe Parini e Giosuè Carducci), e per circoscrivere nei limiti di un modello severo e contenuto l'espressione di sentimenti altrimenti inafferrabili e oscuri.

Si tratta di una poesia simbolista che tende a isolare l'oggetto poetico nel "silenzio" del verso isolato, quando non della pagina bianca; lo stesso effetto Pascoli lo ottiene, in perfetta aderenza a quello che era il gusto italiano, restringendo i termini poetici nei limiti imposti dalle ferree regole della versificazione classica.

In quest'ottica va letto il primo verso: «gemmea l'aria / il sole così chiaro», il cui effetto diventa quello di isolare con estrema evidenza il tema poetico iniziale, l'estate di San Martino. La limitazione del numero dei termini, come l'isolamento grafico, genera concentrazione dei contenuti, aumenta la loro evidenza, li fornisce di un'aura di significato che favorisce la profondità della lettura simbolica.

All'inizio della poesia la frequente interruzione dei versi dà inoltre il senso di una realtà spezzettata e come frantumata in mille brandelli. Proprio come la vita quando viene contemplata nel suo momento autunnale, cioè vicino alla morte. Così è l'estate di San Martino: un'apparenza fugace di sole e di luce che bruscamente riportano alla realtà di una natura spoglia, di un cielo vuoto senza voli, di un silenzio invernale incombente.[5] Dall'inizio splendente di luci e colori si passa repentinamente all'«estate fredda dei morti».

Il tema della mortemodifica | modifica wikitesto

L'area semantica che caratterizza questo componimento è la stessa che predomina in tutta la produzione pascoliana: il culto della morte come «situazione di assenza» (Nava),[2] cioè come sistema di segni che rimandano costantemente al ricordo di chi non c'è più.[2] In questo senso Novembre è emblematica: qualunque sia l'occasione del componimento, in questo caso l'improvviso incanto dell'estate di san Martino (aria gemmea, sole chiaro, albicocchi in fiore), quel breve periodo di belle giornate che si hanno spesso ai primi di novembre, l'esito è ancora e sempre quello dello smarrimento e dell'angoscia: pruno secco, piante stecchite, cielo vuoto, terreno cavo.

Collocazione storicamodifica | modifica wikitesto

L'impressione di semplicità che si ricava dalla struttura linguistica (fonetica e sintassi) della poesia può essere spiegata alla luce della collocazione storica.

Pascoli è già un poeta del Novecento, e questo lo fa apparire semplice (fino al semplicismo) alla sensibilità del lettore. La novità della lingua pascoliana si fa evidente se si paragona la sua sintassi con quella dei poeti precedenti. Ciò che in Pascoli viene meno quasi completamente è l'ipotassi, ovvero i costrutti dipendenti da una proposizione principale; in Novembre è riconoscibile solo una consecutiva tra primo e secondo verso, mentre tutta la struttura del componimento si regge sull'uso assonanzato della congiunzione coordinante «e». L'agilità paratattica è funzionale all'effetto visivo che il poeta vuole ottenere nell'accavallarsi impressionistico delle apparizioni: la vicinanza improvvisa degli oggetti evoca analogie profonde.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Carla Chiummo, Guida alla lettura di «Myricae» di Pascoli, § 1.2, Laterza, 2014.
  2. ^ a b c Giuseppe Nava, Storia di Myricae, in Myricae, 2 voll., Firenze, sansoni, 1974.
  3. ^ Il verbo iniziale è metafora e sinestesia per indicare che l'aria ha le caratteristiche pure e limpide di una gemma.
  4. ^ Parafrasi della poesia.
  5. ^ Francesco Tateo, Nicola Valerio, Ferdinando Pappalardo, La letteratura nella storia d'Italia, volume 3, pag. 122, Napoli, Il Tripode, 1985.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura