Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Olena Teliha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Olena Ivanivna Teliha (in ucraino: Олена Іванівна Теліга?) (Il'ïns'ke, 21 luglio 1906Kiev, 21 febbraio 1942) è stata una poetessa e attivista ucraina.

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Olena Teliha nacque con il nome Elena Ivanovna Šovgeneva (in russo: Елена Ивановна Шовгенева?) nel villaggio di Il'ïns'ke, nei pressi di Mosca in Russia dove i suoi genitori solevano trascorrere le vacanze. Vi sono diversi villaggi con quel nome nei dintorni e non è noto quale esattamente fosse il luogo di nascita di Olena[1]. Il padre era ingegnere civile mentre la madre proveniva da una famiglia di religiosi ortodossi russi.

Nel 1918 la famiglia si trasferì a Kiev dove il padre divenne ministro della neocostituita Repubblica Popolare Ucraina[2]. A Kiev vissero per tutto il periodo della guerra di indipendenza ucraina, quando i bolscevichi presero il potere il padre si trasferì in Cecoslovacchia seguito nel 1923 dal resto della famiglia[1]. Negli anni della Repubblica Popolare Ucraina Olena sviluppò un forte interesse per la lingua e la letteratura ucraina. A Praga frequentò l'istituto pedagogico ucraino[3] dove studiò storia e filologia. Incontrò un gruppo di giovani poeti ucraini e iniziò a comporre poesie.

Dopo il matrimonio si trasferì a Varsavia dove visse fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. Nel 1939, come molti altri giovani ucraini che frequentava, entrò nell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini, diventò un'attivista in ambito culturale e educativo[4].

Nel 1941, Olena e il marito Mychajlo Teliha tornarono a Kiev[4], dove lei prosegiuì la sua attività come attivista culturale e letteraria guidando l'unione degli scrittori ucraini e pubblicando un settimanale culturale e artistico nazionalista[5] chiamato "Litavry". Molte delle sue attività erano malviste dalle autorità naziste. Nonostante l'arresto dei suoi colleghi del quotidiano Ukrayins'ke Slovo ("mondo ucraino") dal quale dipendeva il suo settimanale, ignorò i rischi e proseguì la sua attività. Rifiutò la fuga dichiarando che mai più sarebbe andata in esilio[2].

Venne infine arrestata dalla Gestapo e uccisa, all'età di 35 anni a Babij Jar, Kiev[1] insieme al marito[4]. Nella cella in cui fu reclusa scrisse sul muro le sue ultime parole: "Qui fu sepolta e da qui andò alla sua morte Olena Teliha".

Commemorazionemodifica | modifica wikitesto

Babij Jar: la croce di legno eretta in memoria di Olena Teliha e degli altri nazionalisti ucraini uccisi nel 1942

Il 19 luglio 2007 la Banca nazionale ucraina emise una moneta commemorativa dedicata a Olena Teliha.[6]

Il 25 febbraio 2017 venne eretto un monumento commemorativo a Babij Jar consacrato dal primate della Chiesa ortodossa ucraina di Kiev Filarete.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b c (EN) Ukrainian poet-heroine Olena Teliha, 1906 – 1942], brama.com, 20 luglio 2006. URL consultato il 17 aprile 2017].
  2. ^ a b Life is not to be sold for a few pieces of silver – The life of Olena Teliha by Ludmyla Yurchenko, CYM, the Ukrainian Youth Association
  3. ^ (EN) Olena Teliha, Ukrainian Canadian Research and Documentation Centre. URL consultato il 17 aprile 2017.
  4. ^ a b c (EN) 1942: Mykhailo and Olena Teliha, Ukrainian artists, executedtoday.com. URL consultato il 17 aprile 2017.
  5. ^ (EN) 1942: Mykhailo and Olena Teliha, Ukrainian artists, executedtoday.com. URL consultato il 17 aprile 2017.
  6. ^ Jubilee Coin "Olena Teliha", Banca nazionale ucraina

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autorità VIAF: (EN20540183 · LCCN: (ENn81003875 · ISNI: (EN0000 0001 1749 3364 · GND: (DE12153796X