Operazione Vespri siciliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'allora ministro della difesa Salvo Andò passa in rassegna le truppe impegnate nell'operazione Vespri siciliani

L'operazione Vespri siciliani fu un'operazione di ordine pubblico svolta dal 25 luglio 1992 all'8 luglio 1998 dalle Forze armate italiane in Sicilia, così intitolata perché ispirata al nome della rivolta popolare del XIII secolo denominata appunto Vespri siciliani. In tutta l’Operazione si sono avvicendati circa 150.000 militari, di cui 12.500 ufficiali, 12.500 sottufficiali e 125.000 militari di truppa.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Antefattimodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: strage di Capaci e strage di via d'Amelio.

Un parziale tentativo di impiego dell'esercito con compiti di ordine pubblico fu attuato qualche giorno prima, per un breve periodo in Sardegna con l'operazione denominata "Forza Paris" (luglio 1992), in occasione del rapimento di Farouk Kassam, ma si era trattato più che altro di un addestramento a pattugliamenti e rastrellamenti in ambienti impervi, possibile rifugio dei fuorilegge.

La presenza dell'esercito in Sicilia fu resa necessaria in appoggio alle normali forze di polizia dopo la tragica serie di eventi che insanguinarono l'isola nel 1992, come l'attentato mafioso che aveva provocato la morte del giudice Giovanni Falcone, ucciso anch'egli insieme con la sua scorta nell'attentato del 23 maggio denominato strage di Capaci. Circa due mesi dopo l'episodio fu seguito da un altro attentato dinamitardo, che provocò la morte del giudice Paolo Borsellino e della sua scorta avvenuto il 19 luglio, conosciuto come strage di via d'Amelio.

Svolgimento dell'operazionemodifica | modifica wikitesto

Si trattò del primo intervento in grandi forze, per ragioni di ordine pubblico, effettuato dalle Forze Armate italiane nel dopoguerra, e fu anche il più consistente numericamente. Fu composto in gran parte da militari di leva.

L'invio dell'Esercito venne deciso il 24 luglio 1992 dal consiglio dei ministri presieduto da Giuliano Amato, con il Decreto-legge 25 luglio 1992, n. 349 che conferiva al personale militare alcune funzioni proprie della qualifica di ufficiali e agenti di pubblica sicurezza. Il governo ebbe il via libera dal Parlamento (dopo accesi dibattiti parlamentari), e il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, generale Goffredo Canino, concordò con il capo della Polizia prefetto Vincenzo Parisi le modalità operative di intervento, tra cui il controllo delle postazioni fisse. Il coordinamento fu affidato ai singoli Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza, guidati dai prefetti, cui fu prevista la partecipazione di un ufficiale dell'Esercito[1].
Il 25 luglio 1992 i primi reparti furono impiegati a Palermo, con 120 soldati del 46º Battaglione trasmissioni "Mongibello" di stanza alla Caserma Turba[senza fonte]. Alla Brigata Aosta già di stanza in Sicilia, si aggiunse il 26 luglio la brigata Folgore. [2][3]

Il 14 agosto operavano in Sicilia oltre 8 mila militari: 1.000 paracadutisti della Brigata Folgore e 500 lancieri del 6º Gruppo Squadroni Lancieri di Aosta a Palermo; 1.800 alpini della Brigata Julia a Enna, Ragusa e Siracusa; 1.500 soldati della Brigata Aosta a Catania e Messina; 800 bersaglieri del 23º Battaglione bersaglieri "Castel di Borgo" e altri 1.500 soldati della Brigata Aosta a Trapani, mentre 1.800 soldati della Brigata Friuli ad Agrigento e Caltanissetta. Militari che svincolavano da tutta una serie di servizi i 24 mila uomini delle forze dell'ordine in servizio in Sicilia[4].

Nel 1994 in turni di 6 mila e 200 uomini, avevano già prestato servizio 45.000 militari dell'Esercito, appartenenti a quattordici diverse Brigate, scesi nel 1996 a 4.200. Fu utilizzata anche l’Aviazione dell'Esercito per il controllo del territorio, che effettuò 2.966 ore volo di elicotteri.​​

A partire dal febbraio del 1998 sono poi iniziate le operazioni per la sostituzione dei reparti militari con le forze di polizia. Nel giugno del 1998, gli ultimi reparti militari lasciavano i presidi di Catania e Palermo, decretando, di fatto, il termine dell’operazione. [5]

Compitimodifica | modifica wikitesto

  • Trasferimento dei principali mafiosi detenuti dal carcere di Palermo ad altri istituti di pena italiani
  • Protezione delle persone impegnate in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata
  • Rete di sorveglianza fissa e mobile per la protezione di obiettivi sensibili
  • Perquisizioni, pattugliamento dei quartieri cittadini e rastrellamento del territorio
  • Istituzione posti di blocco sulle strade di tutta l'isola

Bilanciomodifica | modifica wikitesto

L'operazione colpì duramente l'operatività della attività "militare" di cosa nostra e contribuì all'arresto di numerosi boss: Giuseppe Madonia (1992), Salvatore Riina, Salvatore Biondino, Raffaele Ganci, Calogero Ganci, Benedetto Santapaola, Francesco Onorato (1993), i fratelli Graviano (1994), Vittorio Mangano, Leoluca Bagarella, Francesco Giuliano (1995), Salvatore Biondo, Giuseppe Monticciolo, Giovanni Brusca, Enzo Salvatore Brusca, Giovanni Riina (1996), Michele Mercadante, Pietro Aglieri, Salvatore Grigoli e Gaspare Spatuzza (1997)[senza fonte].

I militari effettuarono o parteciparono a:

  • 1.647 rastrellamenti;
  • 21.512 attività di pattugliamento;
  • 39.014 posti di blocco stradali;
  • 62.847 controlli di edifici;
  • 665.407 controlli agli automezzi;
  • 813.439 persone identificate;
  • 786 attività di cinturazione di obiettivi;
  • 1.225 persone consegnate alle Autorità di P.S.;
  • 168 armi e 3.113 Kg. di esplosivo sequestrati.
La sede del Comando a Palermo

Comandantimodifica | modifica wikitesto

Il comandante dell'operazione Vespri Siciliani era un generale di corpo d'armata, che contemporaneamente aveva la carica di comandante della Regione Militare Sicilia. Esercitava il controllo operativo di tutte le unità militari poste alle sue dipendenze.

  • Gen. Paolo Cavanenghi (luglio 1992-settembre 1993)
  • Gen. Mario Buscemi (settembre 1993 - gennaio 1995)
  • Gen. Angelo Sion (gennaio 1995 - maggio 1996)
  • Gen Enzo Conte (maggio 1996 -1997)
  • Gen Giuseppe Bacco (1997 - giugno 1998)

Reparti operantimodifica | modifica wikitesto

Il nastrino, con il tricolore circondato dal rosso e giallo, colori della Sicilia

Nel corso dei sei anni hanno operato a rotazione i seguenti reparti:

Notemodifica | modifica wikitesto

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto