Paesi Bassi (regione storica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Paesi Bassi

Paesi Bassi (in olandese Lage Landen o Nederlanden, in inglese Low Countries) è un'espressione che definisce una regione dell'Europa occidentale caratterizzata da una cultura e una storia comune.[1] Il termine è appropriato soprattutto per i periodi del medioevo e dell'era moderna in cui l'area si trovò ad essere più o meno unificata politicamente. L'espressione odierna più vicina è quella di Benelux.

I confini geografici della regione non sono chiaramente definiti, ma il suo territorio viene fatto corrispondere abitualmente ai regni belga e olandese, al Granducato del Lussemburgo, ai cosiddetti Paesi Bassi francesi e ad alcuni territori dell'ovest della Germania, come ad esempio la Frisia orientale.

Un movimento politico nazionalista, principalmente neerlandofono, milita per la riunificazione di questi territori in un unico stato, detto Grande Olanda. Versioni più ampie e meno comuni di tale movimento politico includono nella Grande Olanda anche il Suriname, le ex zone di lingua olandese di Meuse-Rhenish, che porrebbero il confine tra Germania e questo ipotetico stato approssimativamente sul Reno, e i territori etnicamente olandesi dei Boeri o di lingua afrikaans, che fanno parte del Sudafrica.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) «Each of the principalities retained its own identity and institutions, but all took increasing pride in their common culture and administrative organization, including the Order of the Golden Fleece, which became something of a symbol of their political unity.» Willem Pieter Blockmans, Walter Prevenier, The Promised Lands: The Low Countries Under Burgundian Rule, 1369-1530, University of Pennsylvania Press, 1999, p.231.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi