Papa Pio V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Pio V
Pio V
Papa Pio V ritratto da El Greco
225º papa della Chiesa cattolica
C o a Pius V
Elezione 7 gennaio 1566
Incoronazione 17 gennaio 1566
Fine pontificato 1º maggio 1572
Motto Utinam dirigantur viae meae ad custodiendas iustificationes tuas
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Pio IV
Successore papa Gregorio XIII
Nome Antonio (Michele) Ghislieri
Nascita Bosco Marengo, 17 gennaio 1504
Ordinazione sacerdotale 1528 dal cardinale Innocenzo Cybo
Nomina a vescovo 4 settembre 1556 da papa Paolo IV
Consacrazione a vescovo 14 settembre 1556 dal cardinale Giovanni Michele Saraceni
Creazione a cardinale 15 marzo 1557 da papa Paolo IV
Morte Roma, 1º maggio 1572
Sepoltura Basilica di Santa Maria Maggiore
San Pio V
Baldassarre Croce, San Pio V
Baldassarre Croce, San Pio V

Papa e Confessore

Nascita Bosco, 17 gennaio 1504
Morte Roma, 1º maggio 1572
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 27 aprile 1672 da papa Clemente X
Canonizzazione 22 maggio 1712 da papa Clemente XI
Ricorrenza 30 aprile
Patrono di Malta, Congregazione per la dottrina della fede, Bosco Marengo, Cattolica, Diocesi di Alessandria

Papa Pio V, al secolo Antonio (in religione Michele) Ghislieri (Bosco Marengo, 17 gennaio 1504Roma, 1º maggio 1572), è stato il 225º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica, sovrano dello Stato Pontificio, oltre agli altri titoli propri del romano pontefice, dal 7 gennaio 1566 alla sua morte.

Teologo ed inquisitore domenicano, operò per la riforma della Chiesa secondo i dettami del Concilio di Trento. Con san Carlo Borromeo e sant'Ignazio di Loyola è considerato tra i principali artefici e promotori della Controriforma. Durante il suo pontificato furono pubblicati il nuovo Messale romano, il Breviario e il Catechismo, furono intraprese le revisioni della Vulgata e del Corpus Iuris Canonici.

Intransigente tanto nel governo dello Stato Pontificio quanto nella politica estera, fondò la sua azione sulla difesa del Cattolicesimo dall'eresia e sull'ampliamento dei diritti giurisdizionali della Chiesa; nel tentativo di favorire l'ascesa al trono inglese della cattolica Maria Stuart, scomunicò Elisabetta I d'Inghilterra.

La sua figura è legata alla costituzione della Lega Santa e alla vittoriosa Battaglia di Lepanto (1571). Fu beatificato nel 1672 da papa Clemente X e canonizzato il 22 maggio 1712 da papa Clemente XI, essendo l'unico pontefice proclamato santo tra Celestino V (1313) e Pio X (1954).

Biografiamodifica | modifica wikitesto

Origini e carriera ecclesiasticamodifica | modifica wikitesto

Famiglia e formazionemodifica | modifica wikitesto

Antonio Ghislieri nacque a Bosco (oggi Bosco Marengo, in provincia di Alessandria, all'epoca villaggio appartenente alla diocesi di Tortona e al ducato di Milano) da Paolo e Dominina Augeri. A dispetto delle umili condizioni della sua infanzia e prima giovinezza, egli apparteneva al ramo primogenito della nobile e potente famiglia bolognese dei Ghislieri, esiliata da Bologna nel contesto delle discordie civili per il predominio della città, essendo entrata in contrasto con la nascente signoria dei Bentivoglio. Suo bisnonno era infatti quel Lippo di Tomaso, ricco banchiere e notaio, che aveva appoggiato Baldassarre Canetoli nell'uccisione di Annibale I Bentivoglio nel 1445. Esiliato, Lippo si era portato a Bosco con il figlio Antonio, omonimo nonno del futuro pontefice.

Ritratto di frate in veste di San Tommaso d'Aquino di Girolamo Mazzola Bedoli (1543) conservato nella Pinacoteca di Brera. Il frate è identificato con il domenicano Michele Ghislieri, ritratto forse durante il suo soggiorno a Parma.

Dopo i primi studi nel paese natale, Antonio entrò a quattordici anni nel convento domenicano di Voghera, assumendo il nome di Michele[1]. Compì in seguito il noviziato presso il convento di Vigevano, ove emise i voti solenni nel 1519, e completò la sua formazione umanistica e teologica presso lo studium conventuale. Notato dai superiori per la straordinaria vivacità d'ingegno e per l'austerità di vita, fu mandato allo studium teologico dell'Università di Bologna, dove ricevette una solida preparazione di stampo rigidamente tomista. Nel 1528 fu ordinato sacerdote a Genova dal cardinale Innocenzo Cybo.

Gli anni dell'insegnamento e gli incarichi nell'Ordinemodifica | modifica wikitesto

I primi anni di ministero di fra' Michele furono dedicati all'insegnamento della teologia, di cui fu lettore nei conventi domenicani di Pavia, Alba e Vigevano. Dal 1528 al 1544 insegnò inoltre filosofia presso l'Università di Pavia e fu per breve tempo docente di teologia presso l'Università di Bologna.

L'attività di insegnamento fu accompagnata nel corso degli anni Trenta da diversi incarichi di governo nell'Ordine domenicano: a Vigevano fu procuratore e priore del convento, quindi fu priore a Soncino, ad Alba e infine nuovamente a Vigevano. In questi anni si recò spesso fuori dai conventi per esercitare il ministero pastorale, predicare e giudicare controversie in alcuni capitoli provinciali. Nel luglio 1539 fu temporaneamente inviato a dirigere la ricostruzione del convento domenicano dell'isola di Sant'Erasmo a Venezia. Nel 1542 fu scelto per rivestire la carica di definitore nel capitolo generale della provincia "Utriusque Lombardia" tenutosi a Roma. Dalla stessa assemblea risulterà eletto Superiore provinciale per la Lombardia, carica che ricoprì per pochi mesi fino all'ingresso nel Sant'Uffizio.

La carriera ecclesiasticamodifica | modifica wikitesto

Il cardinale Ghislieri ritratto dal Domenichino

l'11 ottobre 1542 fu nominato commissario e vicario inquisitoriale per la diocesi di Pavia, ricevendo così il primo incarico nell'attività cui avrebbe dedicato fino alla morte tutte le sue energie. L'anno successivo, a Parma, si mise in luce pronunciando le conclusioni pubbliche del capitolo provinciale, consistenti in trentasei tesi contro l'eresia luterana.

In virtù della sua esemplare condotta di vita, fu nominato inquisitore a Como (1550) e quindi, per volere di papa Giulio III, ebbe la stessa qualifica a Bergamo, dove fu incaricato di condurre un'inchiesta sul vescovo Vittore Soranzo, sospettato di eresia. Il 5 dicembre 1550 la residenza del Ghislieri fu presa d'assalto e l'inquisitore fu costretto alla fuga verso Roma, dove giunse il 24 dicembre riuscendo a consegnare al cardinale Gian Pietro Carafa l'incartamento relativo al Soranzo.

Proprio grazie all'intercessione del cardinale Carafa, il Ghislieri fu nominato il 3 giugno 1551 commissario generale dell'Inquisizione romana, occupandosi da subito dei processi contro i cardinali Reginald Pole, Giovanni Morone e contro l'umanista fiorentino Pietro Carnesecchi.

L'elezione a pontefice del cardinale Gian Pietro Carafa, suo protettore, nel conclave del 1555, segnò un punto di svolta nel cursus honorum del Ghislieri. Paolo IV lo nominò presidente della commissione incaricata di redigere l'Indice dei libri proibiti e il 4 settembre 1556 lo elesse vescovo di Sutri e Nepi e inquisitore generale a Milano e in Lombardia. Fra' Michele ricevette l'ordinazione episcopale il 14 settembre dal cardinale Giovanni Michele Saraceni e l'anno successivo fu creato cardinale con il titolo di Santa Maria sopra Minerva, chiesa domenicana appositamente elevata a titolo cardinalizio.

Il 14 dicembre 1558, in concistoro, Paolo IV nominò il cardinale Ghislieri "Grande Inquisitore della Santa Romana e Universale Inquisizione" con facoltà illimitate e ad vitam.

L'anno successivo, alla morte del pontefice, il Ghislieri partecipò al suo primo conclave, aderendo al partito vicino ai Carafa. Dopo aver sostenuto la candidatura del cardinale Antonio Carafa, appoggiò Giovanni Angelo Medici, che sarà eletto con il nome di Pio IV. Il Ghislieri fu confermato nel suo ruolo di inquisitore ma le divergenze con il pontefice, distante dalla linea intransigente del predecessore, lo portarono a essere nominato vescovo di Mondovì il 17 marzo 1560, dove si recherà a risiedere il 4 giugno 1561.

Il conclave del 1565-1566modifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Conclave del 1565-1566.

Alla morte di Pio IV, entrato in conclave con il sostegno del cardinale Carlo Borromeo, Antonio Michele Ghislieri fu eletto il 7 gennaio 1566, incoronato il 17 gennaio (giorno del suo 62º compleanno) da Giulio Della Rovere, cardinale protodiacono e prese possesso della Basilica di San Giovanni in Laterano il 27.

Fu il terzo frate domenicano a salire al Soglio pontificio. Prima di lui erano stati eletti il cardinale Pietro di Tarantasia, che prese il nome di Innocenzo V (febbraio-giugno 1276) e il cardinale Nicola (o Niccolò) di Boccassio, che prese il nome di Benedetto XI (1303-1304). Dopo di lui un quarto domenicano, Pietro Francesco Orsini, verrà eletto papa con il nome di Benedetto XIII (1724-1730).

Il pontificatomodifica | modifica wikitesto

Relazioni con le istituzioni della Chiesamodifica | modifica wikitesto

Inquisizione romanamodifica | modifica wikitesto

Papa Pio V

Pio V scelse una nuova sede della congregazione, dopo che quella precedente era stata distrutta alla morte di Paolo IV. Tenne in elevata considerazione il lavoro degli inquisitori e alcune volte assistette personalmente alle riunioni. Riordinò i poteri dei cardinali inquisitori nella bolla Cum felicis recordationis. Nel 1571 istituì la Sacra Congregazione dell'Indice dei Libri Proibiti, attribuendole l'esclusivo compito di aggiornare l'elenco dei libri sottoposti alla censura ecclesiastica, separandolo dalle competenze dell'Inquisizione. Durante il suo pontificato si svolsero i processi agli umanisti Pietro Carnesecchi e Aonio Paleario, che si conclusero entrambi con una condanna a morte (rispettivamente nel 1567 e 1570). Nell'ambito della revisione del "processo Carafa" fu giustiziato il letterato Niccolò Franco (cui è attribuita tra l'altro una celebre pasquinata[2]), impiccato sulla pubblica piazza l'11 marzo 1570[3]).

Ordini religiosi

  • Pio V disciplinò la regola di clausura degli ordini monastici femminili con la bolla Circa pastoralis officii del 1º febbraio 1566.
  • Con la bolla Regularium personarum impose ai regolari il divieto di risiedere fuori da conventi e monasteri e di passare da un ordine all'altro.
  • Decretò la soppressione dell'ordine religioso degli Umiliati, che a Milano avversava le riforme operate dall'arcivescovo Carlo Borromeo (bolla del 7 febbraio 1571).
  • Soppresse la congregazione eremitica di Fonte Avellana, aggregando la comunità all'Ordine camaldolese.
Agostiniani scalzi

Con la lettera apostolica Lubricum vitae genus del 17 novembre 1568, il pontefice impose ai monaci di entrare in qualche ordine già approvato.

Carmelitani

Con la Bolla Superna dispositione del 18 febbraio 1566 Pio V approvò tutti i privilegi, le indulgenze e le grazie concesse all'Ordine Carmelitano, compreso il Privilegio Sabatino[4] Nel 1567 con il breve Superioribus mensibus il pontefice sottomise i Carmelitani ai vescovi che dovevanno essere assistiti nel loro compito da un piccolo gruppo di domenicani[5];

Domenicani

Nel 1566 promosse la costruzione del convento domenicano di Santa Croce e Ognissanti a Bosco Marengo, che nelle sue intenzioni avrebbe dovuto costituire il centro di una città di nuova fondazione, nonché suo luogo di sepoltura.

Francescani

Con la bolla Illa nos cura (23 giugno 1568), Pio V impose al Capitolo di una Provincia la nomina di un Superiore provinciale proveniente da un'altra provincia. Inoltre, al fine di custodire le cappelle della Porziuncola, del Transito e del Roseto e di altri luoghi resi sacri dalla memoria di san Francesco, nonché per accogliere i tanti pellegrini che da ogni luogo si recavano a visitarli, nel 1569 diede ordine di edificare ad Assisi la grande Basilica di Santa Maria degli Angeli, completata poi nel 1679;

Gesuiti

Con la bolla Dum indefessae (1571) acconsentì la raccolta di elemosine per il sostegno dell'ordine;

Ordini religiosi cavallereschi

Pio V confermò i privilegi accordati alla «Società dei Crociati per la protezione dell'Inquisizione» e ordinò loro di difendere le azioni dell'Inquisizione (1570). Stabilì che l'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro mantenesse in generale i privilegi ottenuti prima del pontificato del predecessore Pio IV; inoltre confermò che l'elezione del Gran Maestro venisse fatta dai Cavalieri, sotto riserva di approvazione pontificia.

Decisioni in materia teologicamodifica | modifica wikitesto

Decisioni in materia liturgicamodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Messa tridentina.
  • Pio V introdusse con la bolla Consueverunt Romani Pontifices del 17 settembre 1569[6] la devozione del rosario.
  • In attuazione dei decreti del Concilio di Trento, Pio V emanò la costituzione apostolica Quo primum tempore (14 luglio 1570), con la quale fissò la forma definitiva della Santa Messa pubblicando l'edizione riformata e unificata del Messale romano, conosciuto come "Messale di San Pio V" o "Messale tridentino".
  • Nel 1568, con la bolla Quod a Nobis, promulgò il Breviario romano riformato (noto anche come Breviario di san Pio V), imponendolo a tutto il clero cattolico secolare e regolare.
  • Furono emendate e corrette anche le orazioni dedicate alla Beata Vergine Maria (Officium Beatae Mariae Virginis, 5 aprile 1571)
  • Introdusse i due inni Salvete flores martyrum e Audit tyrannus anxius, tratti da Prudenzio[7]
  • Il predecessore, papa Pio IV, aveva iniziato la revisione della Vulgata, nominando una commissione di Cardinali e affidandole la consultazione di manoscritti. Pio V nominò una seconda commissione (1569), che ampliò la consultazione dei manoscritti ed esaminò con cura i testi originali[8].

Relazioni con gli ebrei e con i valdesimodifica | modifica wikitesto

L'istituzione del ghetto romano

Se la Spagna, la maggior potenza cattolica del tempo, aveva espulso gli ebrei dal proprio territorio rinunciando così a convertirli, la Santa Sede percorse una strada diversa. Pio V decise infatti di trattenere gli ebrei sul territorio italiano, puntando alla loro conversione[9]. Fu scelto il modello veneziano. Nella città lagunare gli ebrei arrivati dopo le espulsioni spagnole, erano stati confinati su un'isola[10] Gli ebrei romani furono rinchiusi in un'area della città, il ghetto, da cui furono espulsi i cristiani. Essi furono anche obbligati ad assistere a sermoni (tenuti da frati predicatori) volti alla loro "redenzione". Quindi, nel progetto papale, la sperata conversione sarebbe arrivata al termine di un lungo processo di logoramento[9].

Il 19 gennaio 1567 il pontefice pubblicò la bolla Cum nos nuper, con la quale revocò molte concessioni di Pio IV: obbligò gli ebrei a vendere tutte le loro proprietà e gli immobili acquistati durante il pontificato del predecessore[11]. Il 26 febbraio 1569 pubblicò la bolla Hebraeorum gens, che sancì l'espulsione di tutti gli Ebrei dallo Stato Pontificio, ad esclusione di coloro che accettavano di risiedere nei ghetti di Roma, Ancona e Avignone. Gli ebrei residenti nei centri più prossimi a Roma emigrarono nel ghetto romano, che in pochi anni divenne sovrappopolato.

La Strage dei Valdesi di Guardia Piemontese

Pio V «...perseguitò con furore ancor più sfrenato i protestanti veri e propri...»[12]. Dopo l'adesione alla riforma protestante dei Valdesi che, in seguito alle persecuzioni subite nelle valli d'origine, si erano trasferiti da Bobbio Pellice nel paese di Guardia Lombarda (oggi Guardia Piemontese) in Calabria, il cardinale Michele Ghislieri, deliberò che venissero annientati sia i valdesi del Piemonte che quelli della Calabria. Scatenò così contro di loro una crociata e li fece sterminare. La persecuzione religiosa giunse fin dentro le mura della parte antica di Guardia (il cosiddetto "paese") con inenarrabili violenze e l'uccisione di gran parte della popolazione, comprese donne e bambini, 118 persone in totale[13].

I pochi superstiti scampati al massacro furono costretti alla conversione. Rimane a testimonianza la "porta del sangue", chiamata così dal 5 giugno 1561, giorno del massacro di circa 2000 valdesi, che viene commemorato dal 2008 con la Giornata della Memoria.

Provvedimenti in materia di etica e morale cristianamodifica | modifica wikitesto

  • Il 30 agosto 1567 Pio V pubblicò la bolla Romani pontificis, con la quale vietò ai colonizzatori europei residenti nelle "Indie orientali ed occidentali" di praticare la poligamia e la bigamia;
  • Il 1º novembre dello stesso anno pubblicò la costituzione apostolica De salute, con la quale proibì la tauromachia e i maltrattamenti sugli animali da parte dell'uomo;
  • Proibì la questua (febbraio 1567 e gennaio 1570);
  • Il 30 agosto 1568 il pontefice emanò la bolla Horrendum illud scelus, nella quale condannava fermamente la sodomia (definita dirum nefas) nel clero, sia secolare che regolare;
  • Ordinò che le prostitute risiedessero in una determinata area di Roma, detta l'Hortaccio[14], pena l'espulsione dalla città. Inoltre espulse da Roma parecchie cortigiane;
  • Durante il suo pontificato, Pio V provvide alla distribuzione di viveri e denaro ai poveri e favorì la fondazione di numerose istituzioni deputate alla loro assistenza, come il Monte di Pietà e gli ospedali di San Pietro e di Santo Spirito[15]. Durante la carestia del 1566 e le epidemie che seguirono, fece distribuire ai bisognosi somme considerevoli e organizzare i servizi sanitari. Al fine di reperire le ingenti somme necessarie, provvide a sopprimere qualsiasi spesa superflua, addirittura facendo adattare alla sua statura gli abiti dei suoi predecessori. Premiò l'Associazione dei Fatebenefratelli, che si era distinta per carità cristiana durante la carestia, elevandola nel 1572 a ordine religioso.

Altri documenti del pontificatomodifica | modifica wikitesto

Pio V ritratto da Scipione Pulzone
  • Nel 1568 Pio V pubblicò la bolla In coena Domini, raccolta di provvedimenti sulla custodia della fede e la lotta alle eresie che si tramandavano sin dal XIII secolo. Per consuetudine, la bolla veniva pubblicata il giorno del Giovedì santo[16] Nella formulazione piana furono aggiunte alcune parole relativamente a gabelle e dazi: la Chiesa condannava l'abuso di tasse nei regni cattolici. Il Regno di Napoli bloccò la pubblicazione della bolla sul proprio territorio.
  • Pio V riabilitò il cardinale Carlo Carafa (26 settembre 1567), che era stato condannato a morte dal predecessore Pio IV;
  • Nel 1566 pubblicò l'edizione a stampa del Catechismo romano. Ne affidò la redazione a tre domenicani. Fu ristampato già dopo due anni.
  • Nello stesso anno pubblicò la costituzione apostolica Super Gregem Dominicum con la quale prescriveva che il malato, dopo essere stato visitato dal medico, doveva confessarsi entro tre giorni.
  • Ordinò ai sacerdoti di prendere domicilio nella parrocchia loro assegnata;
  • Ai vescovi fu imposto un previo esame di accertamento circa la loro idoneità: il pontefice creò una commissione per esaminare e valutarne le nomine (3 maggio 1567).

Relazioni con i monarchi europeimodifica | modifica wikitesto

L'intransigenza, l'inflessibilità e lo zelo di cui il Pontefice diede prova nelle relazioni con i potenti dell'Europa del tempo gli procurarono non pochi avversari[17]. Il nuovo pontefice vide riconosciute le decisioni del Concilio di Trento in Italia, Germania, Polonia e Portogallo; tra i monarchi cattolici, solo il re di Francia oppose un diniego[15]. Filippo II di Spagna recepì i decreti conciliari solo a patto che essi non contrastassero con le proprie prerogative regali.
Nel 1566 il Papa creò una rete di informatori formata da agenti dislocati presso tutte le corti europee e da sicari con lo scopo di contrastare i protestanti con tutti i mezzi. Fu denominata «Santa Alleanza» ed è considerato il primo servizio segreto pontificio[18].

Sacro Romano Impero

Il pontefice inviò in Germania come legato pontificio il cardinale Gian Francesco Commendone, tentando d'impedire che l'imperatore Massimiliano II potesse sottrarsi alla giurisdizione della Santa Sede.

Regno di Francia

Pio V aiutò Francesco II nella repressione degli Ugonotti. Nel 1569 inviò 6.000 uomini alla guida di Sforza I Sforza, conte di Santa Fiora[19]. Caterina de' Medici, regina consorte di origine fiorentina, inviò una lettera al pontefice (28 marzo 1569) in cui paventava il rischio che il conflitto avrebbe potuto degenerare in una guerra civile. Il pontefice ascoltò il suo consiglio e acconsentì alla pace, che venne firmata l'8 agosto 1570 (Pace di Saint-Germain). Successivamente nominò nunzio in Francia l'esperto Anton Maria Salviati (già vescovo di Saint-Papoul) e inviò come legato apostolico il cardinal nepote Michele Bonelli.

Regno d'Inghilterra

Il 25 febbraio 1570 il papa scomunicò la regina d'Inghilterra Elisabetta I Tudor per eresia, giudicandola inoltre decaduta dal diritto di governare (Regnans in Excelsis)[15]. Con questa decisione la Santa Sede troncò le relazioni ufficiali con il Regno d'Inghilterra, che furono riprese solamente nel XX secolo. Il Papa appoggiò la cattolica regina di Scozia, Maria Stuarda.

Contrasto all'espansionismo ottomanomodifica | modifica wikitesto

Nel 1571 gli ottomani conquistarono in successione le due città principali dell'isola di Cipro: Nicosia e Famagosta, quest'ultima difesa eroicamente dal veneziano Marcantonio Bragadin che, dopo la resa, fu scuoiato vivo. Pio V, comprendendo come l'avanzata turca rappresentasse una minaccia per la libertà dell'Europa, s'impegnò tenacemente a organizzare una coalizione dei principali Paesi europei. Fu così costituita la Lega Santa (1571), che il pontefice pose sotto la protezione della Madre di Dio. La Lega Santa organizzò la flotta che poi sconfisse gli ottomani nella famosa Battaglia di Lepanto (golfo di Corinto, 7 ottobre 1571).

L'anno successivo, il 7 ottobre venne celebrato il primo anniversario della vittoria di Lepanto. Pio V consacrò la vittoria ottenuta «...per intercessione dell'augusta Madre del Salvatore, Maria», intitolando il giorno 7 ottobre a «Nostra Signora della Vittoria», successivamente rinominata da papa Gregorio XIII in Nostra Signora del Rosario[20]. Il Senato veneto fece dipingere la scena della battaglia nella sala delle adunanze con la scritta: Non la forza, non le armi, non i comandanti, ma il Rosario di Maria ci ha resi vittoriosi!.

Governo dello Stato pontificiomodifica | modifica wikitesto

Il documento più importante per quanto riguarda l'amministrazione dei territori pontifici fu la bolla Admonet nos (29 marzo 1567), con la quale veniva dichiarata l'inalienabilità delle terre di pertinenza della Chiesa e il divieto di infeudarle[15]. Oltre ad affermare i diritti della Chiesa, la bolla ebbe anche l'effetto di porre fine al periodo noto come "grande nepotismo", ovvero la cessione da parte del pontefice di ampie giurisdizioni ai propri parenti, una pratica che si era rivelata foriera di sperperi.

Relazioni con gli altri Stati italianimodifica | modifica wikitesto

Battaglia di Lepanto

Il 23 maggio 1567 Pio V pubblicò la bolla Prohibitio alienandi et infeudandi civitates et loca Sanctae Romanae Ecclesiae. Con essa il papa vietava ai figli illegittimi l'investitura di feudi della Chiesa. Per alcune casate nobiliari, che amministravano feudi ecclesiastici come quella Estense, il provvedimento ebbe effetti decisivi: infatti nel giro di due generazioni si esaurì la lista dei successori del Ducato di Ferrara[21].
Il 21 agosto 1569 il pontefice accordò a Cosimo I de' Medici il titolo di granduca di Toscana, premiandolo per lo zelo nella lotta contro l'eresia e per il suo impegno nella guerra in Francia contro gli Ugonotti[15]. Ciò d'altra parte non fu senza conseguenze nei rapporti con i re di Francia e Germania: Cosimo I, infatti, era loro vassallo e il conferimento del titolo avrebbe dovuto ottenere il preventivo assenso di entrambi. Massimiliano II, infatti consegnò una protesta formale, cui il papa rispose nominando un'apposita commissione presieduta dal cardinale Giovanni Gerolamo Morone.

Pio V e la culturamodifica | modifica wikitesto

Lotta al nepotismomodifica | modifica wikitesto

Pio V fu rigido oppositore del nepotismo. Ai numerosi parenti accorsi a Roma con la speranza di qualche privilegio, Pio V disse che un parente del papa può considerarsi sufficientemente ricco se non conosce l'indigenza. Siccome i cardinali ritenevano opportuna la presenza di un nipote del papa nel Collegio dei Principi della Chiesa, Pio V si lasciò indurre a dare la porpora a Michele Bonelli, nipote di una sua sorella e domenicano pure lui, purché lo aiutasse nel disbrigo degli affari[22]. A Paolo Ghislieri, figlio di suo fratello, permise invece di entrare nella milizia pontificia, ma lo cacciò persino dallo Stato, appena seppe che coltivava illeciti amori[22].

Morte e sepolturamodifica | modifica wikitesto

Pio V, spossato da una grave ipertrofia prostatica di cui, per pudicizia, non volle essere neanche visitato[1], si spense la sera del 1º maggio 1572, all'età di 68 anni, dopo aver detto ai cardinali radunati attorno al suo letto: «Vi raccomando la santa Chiesa che ho tanto amato! Cercate di eleggermi un successore zelante, che cerchi soltanto la gloria del Signore, che non abbia altri interessi quaggiù che l'onore della Sede Apostolica e il bene della cristianità». Spesso è riportato erroneamente che egli sia il primo Papa a vestire di bianco, volendo indossare l'abito dei domenicani anche dopo l'elezione a Sommo Pontefice; in realtà i Papi indossavano già da secoli la talare bianca e papa Pio V si limitò a indossare il saio bianco del suo Ordine sotto le vesti papali.

Fu sepolto nella Basilica Vaticana. Il 9 gennaio 1588 le sue spoglie furono trasferite nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

Pio V rimane l'unico piemontese ad essere stato elevato al soglio di Pietro nei primi duemila anni di cristianesimo, se si esclude papa Francesco, nel 2013, piemontese solo di discendenza.

Culto e canonizzazionemodifica | modifica wikitesto

Tomba di Pio V in Santa Maria Maggiore

Nel 1616 papa Paolo V, su istanza dell'Ordine domenicano, firmò il decreto di autorizzazione dell'istruttoria ordinaria, dando così inizio al processo canonico di beatificazione di Pio V. Nel 1624 papa Urbano VIII acconsentì ad aprire i processi che riconobbero la fama di santità del papa e otto miracoli, di cui due compiuti in vita. Esaminati ed approvati i fascicoli processuali dalla Sacra Congregazione dei Riti, Pio V fu beatificato da papa Clemente X il 1º maggio 1672.

Nel 1695 il maestro generale dell'Ordine dei Predicatori Antonin Cloche richiese l'esame di altri due miracoli: le guarigioni della bambina paralitica Margherita Massi e di Isabella Ricci, in pericolo di vita a causa di un aborto spontaneo. Approvata la relazione dei miracoli presentata dal cardinale Giovanni Maria Gabrielli in concistoro il 4 agosto 1710, Pio V fu canonizzato nella Basilica di San Pietro il 22 maggio 1712 da papa Clemente XI insieme ad Andrea Avellino, Felice Porri e Caterina da Bologna.

La sua festa liturgica fu fissata al 5 maggio; nel 1969, con la riforma del calendario liturgico, la ricorrenza fu degradata a memoria facoltativa e fissata il 30 aprile.

Diocesi erette da Pio Vmodifica | modifica wikitesto

Nuove diocesimodifica | modifica wikitesto

Ripristino di sedi soppressemodifica | modifica wikitesto

Separazione di diocesimodifica | modifica wikitesto

Concistori per la creazione di nuovi cardinalimodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Pio V.

Papa Pio V durante il suo pontificato ha creato 21 cardinali nel corso di 3 distinti concistori[23].

Canonizzazionimodifica | modifica wikitesto

Pio V il 18 dicembre 1570 proclamò santo Ivo di Chartres (1040-1115).

Con la bolla Mirabilis Deus, l'11 aprile 1567 proclamò Tommaso d'Aquino dottore della Chiesa, imponendo a tutte le università lo studio della Summa Theologiae e promuovendo nel 1570 l'edizione dell'opera omnia del santo.

Il 20 settembre 1568 dichiarò inoltre dottori della Chiesa Basilio il Grande, Atanasio il Grande, Giovanni Crisostomo e Gregorio Nazianzieno.

Genealogia episcopalemodifica | modifica wikitesto

Successione apostolicamodifica | modifica wikitesto

Ascendenzamodifica | modifica wikitesto

Antonio Michele Ghislieri

(papa Pio V)

Padre:

Paolo Ghislieri

Nonno paterno:

Antonio Ghislieri

Bisnonno paterno:

Filippo (Lippo) Ghislieri

Trisnonno paterno:

Tomaso III Ghislieri

Trisnonna paterna:

Cleofe Griffoni

Bisnonna paterna:

Gentile Canetoli

Trisnonno paterno:

Galeotto Canetoli

Trisnonna paterna:

Cecilia Gozzadini

Nonna paterna:

Caterina Guasconi

Bisnonno paterno:

Lorenzo Guasconi

Trisnonno paterno:

Giovanni Guasconi

Trisnonna paterna:

?

Bisnonna paterna:

Margherita Peruzzi

Trisnonno paterno:

Giovanni Peruzzi

Trisnonna paterna:

Elisabetta Bardi

Madre:

Domnina Augeri

Nonno materno:

Francesco Augeri

Bisnonno materno:

Ferrant d'Augery

Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Bisnonna materna:

?

Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Nonna materna:

?

Bisnonno materno:

?

Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Bisnonna materna:

?

Trisnonno paterno:
Trisnonna materna:

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Gran Maestro dell'Ordine supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine supremo del Cristo

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ a b San Pio V (Antonio Ghislieri) Papa, santiebeati.it. URL consultato il 27/06/2015.
  2. ^ Un giorno fu trovato questo cartello affisso a una latrina: «Pio V, avendo compassione per tutto ciò che si ha sullo stomaco, eresse come opera nobile questo cacatoio». Cfr. Pasquinate.
  3. ^ Claudio Rendina, I papi, p. 654
  4. ^ San Pio V, materdecorcarmeli.it. URL consultato il 24/06/2015.
  5. ^ La riforma del Carmelo scalzo tra Spagna e Italia, dprs.uniroma1.it. URL consultato il 23/06/2015.
  6. ^ Padre Livio con Saverio Gaeta, Il Santo Rosario, SugarCo Edizioni, 2016, p. 7
  7. ^ http://mb-soft.com/believe/tihm/holyinno.htm
  8. ^ Volgata, paginecattoliche.it. URL consultato il 23/06/2015.
  9. ^ a b Anna Foa, Andare per ghetti e giudecche, Bologna, il Mulino, 2014., pag. 62 e segg.
  10. ^ Si trattava di Cannaregio. Vi era una dismessa fonderia di bronzo. Dal nome geto derivò il termine ghetto, oggi diffuso in tutto il mondo.
  11. ^ Riccardo Calimani, Storia degli erei italiani, Mondadori, 2013 versione digitalizzata.
  12. ^ Leopold von Ranke, Storia dei Papi, p. 269
  13. ^ Cesare Cantù, Gli eretici d'Italia, Volume 2, Unione Tipografico-Editrice, Torino 1866, p. 359.
  14. ^ Simona Feci, Pio V santo, op. cit..
  15. ^ a b c d e Biografia di Papa Pio V nell'Enciclopedia dei papi Treccani
  16. ^ Storia del regno di Napoli dell'architetto Giuseppe Cassetta, Napoli 1838, Vol. IV, pag. 120 versione digitalizzata.
  17. ^ «...[Pio V] diceva di essere stanco di vivere: procedendo senza rispetti umani si era fatto molti nemici; da quando era Papa subiva soltanto sgarbi e persecuzioni». Vedi: Leopold von Ranke, op. cit., p. 260
  18. ^ https://books.google.com/books?isbn=8842816043 , pag. 17
  19. ^ Sforza Sforza, decimo conte di Santa Fiore, geni.com. URL consultato il 24/06/2015.
  20. ^ Niccolò Capponi, Lepanto 1571. La Lega santa contro l'Impero ottomano, Milano, Il Saggiatore, 2012, pag. 246.
  21. ^ Romolo Quazza, ALFONSO II d'Este, duca dì Ferrara, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 12 marzo 2016.
  22. ^ a b Claudio Rendina, I papi, p. 653
  23. ^ Salvador Miranda, http://www2.fiu.edu/~mirandas/consistories-xvi.htm#PiusV. URL consultato il 31 luglio 2015.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Biografie e agiografiemodifica | modifica wikitesto

Saggimodifica | modifica wikitesto

  • Maurilio Guasco e Angelo Torre (a cura di), Pio V nella società e nella politica del suo tempo, Bologna, Il Mulino, ISBN 88-15-10672-3
  • Carlo Bernasconi (a cura di), San Pio V nella storia. Convegno in occasione del terzo centenario di canonizzazione di papa Pio V Ghislieri (Pavia, Collegio Ghislieri, 24 maggio 2012), Pavia, Ibis Edizioni, 2012, ISBN 978-88-7164-419-6
  • Maurizio Gattoni, Pio V e la politica iberica dello Stato Pontificio, Roma, Edizioni Studium, 2006, ISBN 9788838239908
  • Fulvio Cervini e Carla Enrica Spantigati (a cura di), Il tempo di Pio V. Pio V nel tempo. Atti del convegno internazionale di studi (Bosco Marengo, 11-13 marzo 2004), Alessandria, Edizioni dell'Orso, ISBN 88-7694-891-0
  • Gianpaolo Angelini e Luisa Giordano (a cura di), L'immagine del rigore. Committenza artistica di e per Pio V a Roma e in Lombardia, Pavia, Ibis Edizioni, 2012, ISBN 978-88-7164-418-9
  • Innocenzo Venchi, San Pio V. Il pontefice di Lepanto, del rosario e della liturgia tridentina, Roma, Edizioni Studio Domenicano, 1997, ISBN 9788870942774
  • Massimo Firpo e Dario Marcatto, I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi (1557-1567). Edizione critica. Volume II: il processo sotto Pio V (1566-1567), Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 1998, ISBN 88-85042309
  • Charles Hirschauer, La politique de st. Pie V en France, Paris 1922
  • Vita e cultura a Mondovì nell'età del vescovo Michele Ghislieri (San Pio V), Torino, Deputazione Subalpina di Storia Patria, 1967
  • San Pio V e la problematica del suo tempo, Alessandria 1972
  • Nicole Lemaître, Saint Pie V, Paris, Fayard, 1994, ISBN 9782213592336

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Pio IV 7 gennaio 1566 - 1º maggio 1572 Papa Gregorio XIII
Predecessore Vescovo di Sutri e Nepi Successore BishopCoA PioM.svg
Antonio Simeoni, O.S.B.Cam. 4 settembre 1556 - 27 marzo 1560 Girolamo Gallarati
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva Successore CardinalCoA PioM.svg
- 24 marzo 1557 - 14 aprile 1561 se stesso I
se stesso 15 maggio 1565 - 7 gennaio 1566 Michele Bonelli, O.P. II
Predecessore Grande Inquisitore della Congregazione della Romana e Universale Inquisizione Successore Emblem Holy See.svg
Gian Pietro Carafa 14 dicembre 1558 - 7 gennaio 1566 Diego Espinosa Arévalo
Predecessore Vescovo di Mondovì Successore BishopCoA PioM.svg
Bartolomeo Pipero 27 marzo 1560 - 7 gennaio 1566 Vincenzo Lauro
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Sabina Successore CardinalCoA PioM.svg
Ottone di Waldburg 14 aprile 1561 - 15 maggio 1565 Simone Pasqua
Controllo di autorità VIAF: (EN76309925 · LCCN: (ENn79086294 · ISNI: (EN0000 0001 2096 6134 · GND: (DE118792423 · BNF: (FRcb11919954n (data) · NLA: (EN50067479 · BAV: ADV12376862 · CERL: cnp01303743