Pascià

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Col termine pascià (probabile mutazione della parola Pādishāh, «signore», in turco Paşa, in francese Pacha e in inglese Pasha o Bashaw[1]) si indicava il titolo onorifico posposto al nome proprio attribuito ai figli maggiori del sultano e ai funzionari ottomani di grado elevato (ministri, alti gradi militari) e a quanti fra i militari erano destinati a ricoprire, nelle province ottomane, la suprema carica governatoriale, responsabili del loro operato soltanto di fronte alla Sublime Porta. Al sultano spettava invece la carica di padiscià, da non confondere con quella di pascià.

Storiamodifica | modifica wikitesto

All'inizio del XIII secolo – quindi alla prima comparsa dell'Impero Ottomano – con questo termine furono chiamati anche alti esponenti religiosi e persino donne di alto rango. La valenza politico-militare si affermò solo a partire dalla fine di questo secolo, attribuito a piccoli sovrani turchi e ad alti funzionari di Istanbul.

Dopo l'avvio delle cosiddette «riforme» (tanẓīmāt) del XIX secolo, il titolo di pascià fu attribuito ai funzionari dei quattro gradi principali dell'amministrazione e militare, oltre a qualche altro importante notabile civile. Abolito in Turchia nel 1934, in Egitto si è conservato fino al 1953 per cariche civili e militari, e ordini onorifici.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ (EN) "Pasha" in Free Online Etymology Dictionary, Online Etymology Dictionary. URL consultato il 27 marzo 2010.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra