Peñón de Vélez de la Gomera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Peñón de Vélez de la Gomera
Velez de la Gomera.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar Mediterraneo
Coordinate35°10′20″N 4°17′58″W / 35.172222°N 4.299444°W35.172222; -4.299444Coordinate: 35°10′20″N 4°17′58″W / 35.172222°N 4.299444°W35.172222; -4.299444
Superficie0,019 km²
Altitudine massima87 m s.l.m.
Geografia politica
StatoSpagna Spagna
SuddivisioneSpagna Plazas de soberanía
Demografia
Abitanti60 soldati
Cartografia
Velez de la Gomera map.jpg
Mappa di localizzazione: Spagna
Peñón de Vélez de la Gomera
Peñón de Vélez de la Gomera
voci di isole della Spagna presenti su Wikipedia

Peñón de Vélez de la Gomera è una piccola penisola rocciosa situata sulla costa mediterranea del Marocco, appartenente politicamente alla Spagna.

Assieme ad altri territori spagnoli sulla costa del Nord Africa, è considerata una plaza de soberanía (piazza, posto di sovranità) ed è dipendente, a livello amministrativo, dalla città autonoma di Melilla. Analogamente alle altre plazas de soberanía spagnole in Nordafrica, è rivendicata dal Marocco.

Geografiamodifica | modifica wikitesto

Con una estensione di 19.000 m², e situata a circa 117 km a sudest di Ceuta, la maggiore exclave spagnola del Nord Africa, il Peñón de Vélez de la Gomera era in origine un'isola, fino a che nel 1930 (o nel 1934, a seconda delle fonti) gli apporti del fiume Bades e una forte scossa sismica non favorirono la formazione di un istmo sabbioso, largo al minimo 85 metri, che la collegò permanentemente alla costa marocchina, costituendo di fatto il confine terrestre più corto tra i due stati, nonché il confine tra due paesi sovrani più corto del mondo. La penisola non ospita insediamenti urbani, ma una roccaforte (Peñón) con una guarnigione militare di circa 60 soldati.

Peñón de Vélez de la Gomera nel 1920, quando era ancora staccata dalla terraferma.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Storicamente l'isola divenne proprietà della Spagna nel 1508, a seguito di una vittoriosa campagna militare condotta dal conte Pedro Navarro contro un gruppo di pirati che la controllavano. Fu occupata successivamente dal Marocco nel 1522, ma fu riconquistata definitivamente alla Spagna nel 1564, da García Álvarez de Toledo, viceré di Catalogna.

Il toponimo trae origine dalle parole "Hades" (il nome - deformato in Vélez dagli spagnoli - di un fiume nelle vicinanze, alla cui foce sorgeva l'omonimo insediamento berbero) e "Ghomara" (divenuto "Gomera" in spagnolo), il nome della tribù berbera che abitava la regione.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Carmona Portillo, Antonio. Análisis de sociedades atípicas. Las Islas San Agustín y San Carlos de las Alhucemas y Vélez de la Gomera. Siglos XV-XIX. Ciudad Autónoma de Ceuta. Consejería de Educación y Cultura. Ciudad Autónoma de Melilla. Servicio de publicaciones.Ceuta 2017. ISBN 978-84-15243-65-6.
  • (ES) Historia de Peñón de Vélez de la Gomera archiviato dalla pagina originale sul sito dell'esercito spagnolo.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN235687949 · GND (DE4724546-3