Placenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Placenta (disambigua).
Rappresentazione grafica della placenta

La placenta (dal latino classico placenta, cioè "focaccia"; termine a sua volta derivato dal greco πλακοῦς -οῦντος[1] - "che ha forma schiacciata"[2]) è un organo vascolare temporaneo tipico dell'apparato riproduttivo femminile nella sottoclasse dei mammiferi detti placentati.

La placenta è formata da un lato da tessuti originati dall'embrione (faccia corionica, che volge verso l'embrione o il feto), dall'altro da tessuti originati dalla madre (faccia basale, che volge verso il viscere materno: l'utero).

Essa collega il sistema circolatorio del concepito e della donna gravida e funge da "barriera" di separazione tra l'ambiente amniotico del feto e l'ambiente della cavità uterina. È in oltre un organo endocrino in quanto produce ormoni e li riversa nel torrente circolatorio della madre, come ad esempio la gonadotropina corionica.

La placenta si forma soltanto in età adulta come organo comune tra l'organismo madre e l'organismo figlio, ed è destinata all'eliminazione con il parto.

Struttura della placenta umanamodifica | modifica wikitesto

Sopra: endometrio di una donna durante la fase "quiescente" del ciclo mestruale Sotto: endometrio di una donna durante il "periodo finestra" che consentirà l'annidamento della blastocisti. La porzione di endometrio che accoglierà il concepito verrà denominata decidua.

La placenta è formata da due porzioni che andranno ad annidarsi tra loro durante la gestazione:

  • porzione materna, derivata dalla tonaca mucosa dell'utero (detta endometrio);
  • porzione embrionale, derivata dal corion dell'embrione (dal latino chorion, cuoio; in istologia si usa per indicare qualsiasi tessuto connettivale sottostante agli epiteli. Un esempio è il derma della cute, che può anche essere denominato corion).[3]

Queste strutture in un primo momento si svilupperanno autonomamente e solo successivamente si andranno ad unire per formare il primo abbozzo della placenta. Il processo di unione rientra in quella fase embrionale descritta come annidamento.

Porzione materna della placenta (Pars basalis)modifica | modifica wikitesto

La porzione materna della placenta è denominata anche "pars basalis" ed è composta dalla tonaca mucosa (endometrio) dell'utero, quindi da un epitelio cilindrico semplice e da un connettivo sottostante. Questi due tessuti assumono degli aspetti eterogenei in base alla fase della gravidanza che sono principalmente determinati da:

  • ormoni sessuali femminili;
  • presenza del concepito sottoforma di morula o blastocisti.

Endometrio durante il "periodo finestra": pre-decidualizzazionemodifica | modifica wikitesto

Durante il 14° giorno del ciclo mestruale l'endometrio è soggetto a regolazione ormonale da parte dell'ovaio. Nello specifico, la formazione del corpo luteo in seguito all'ovulazione permette alla donna di possedere un livello ematico sempre più alto di progesterone. Da un punto di vista istologico il corpo luteo altri non è che un follicolo di Graaf trasformato:

Ex follicolo

di Graaf

Corpo luteo

neoformato

Presenza di

Aromatasi

Ormoni

prodotti

Cellule della

Teca

Cellule teca

-luteiniche

No Androgeni;[4]

Progesterone[5]

Cellule della

granulosa

Cellule granulosa

-luteiniche

Progesterone;[6]

Estrogeni (per la maggiore);[6]

Inibina A[6][7]

Grazie al progesterone l'ovaio regola l'attività proliferativa delle cellule endometriali, inizializzando la fase proliferativa del ciclo mestruale.

A livello molecolare questo ormone:

  • si lega alle cellule stromali endometriali (ESCs), inizializzando la reazione pre-deciduale: questi fibroblasti accumulano glicogeno e nutrienti; ne consegue che il connettivo endometriale diventa edematoso;[8]
  • modifica la composizione del muco cervicale: da acido e denso diventa basico e meno viscoso (ciò per consentire allo spermatozoo di risalire dall'utero verso la tuba uterina)

I livelli di progesterone sono destinati a crollare in casi di mancata fecondazione; ne conseguirà che l'endometrio non sarà più una struttura adatta ad ospitare il futuro embrione. Ecco perché si parla di periodo "finestra" ideale per consentire la fecondazione della cellula uovo con lo spermatozoo.

Porzione embrionale della placenta: chorion frondosummodifica | modifica wikitesto

Lo zigote (fecondato solitamente nell'ampolla della tuba uterina) è destinato a discendere verso il corpo dell'utero per mezzo di due meccanismi:

  • Movimento peristaltico della tonaca media della tuba uterina;
  • Movimento delle ciglia della tonaca mucosa della tuba uterina;

Durante la sua discesa egli acquisirà per mezzo di numerosi processi mitotici (definiti "segmentazioni") diversi fenotipi, passando per lo stadio di:

  • morula;
  • blastocisti;

La blastocisti attraverso la "seconda grande scelta differenziativa" darà origine a due tessuti extraembrionali:

  • sinciziotrofoblasto;
  • citotrofoblasto

Saranno queste le strutture che si annideranno nell'endometrio uterino, che di tutta risposta avvierà la cosiddetta "reazione deciduale".

Placentazionemodifica | modifica wikitesto

La placenta si forma con la penetrazione dei villi coriali nell'endometrio e permette, durante la gestazione, la regolazione del passaggio dei gas respiratori, dei nutrienti, degli anticorpi e delle sostanze di rifiuto tra madre ed embrione. Funge inoltre da barriera, impedendo il passaggio di proteine estranee e microrganismi, ed è coinvolta, in questa funzione filtrante, nell'impedire le reazioni di rigetto dell'embrione da parte dell'organismo ospitante.

Infine, ha funzioni endocrine con la produzione di ormoni, diversi, e non sempre presenti, nei differenti organismi, ma principalmente gonadotropina corionica, che riveste la superficie esterna del trofoblasto, estrogeni, progesterone, ormone lattogeno placentare. La funzione della placenta è quindi quella di ossigenare, nutrire, difendere e disintossicare l'organismo durante lo sviluppo prenatale. Assieme ad allantoide, corion, amnios, sacco vitellino e cordone ombelicale fa parte dei cosiddetti "annessi embrionali" dei mammiferi euteri.

Anatomia comparatamodifica | modifica wikitesto

L'importanza a livello tassonomico, evolutivo e di conseguenza funzionale di questo importante organo, attraverso il quale avvengono gli scambi tra il corpo materno e l'embrione, è fondamentale. Data l'elevata biodiversità dei mammiferi, con tempi e modi di gestazione anche molto variabili, le placente hanno subito processi evolutivi di specializzazione che ne hanno originato diverse tipologie.

La sottoclasse dei mammiferi placentati è detta dei terii, (il cui nome deriva dal greco θηρίον = bestia); essa si suddivide nelle infraclassi dei metaplacentati e degli euplacentati.

In alcuni mammiferi, quali equini, bovini, felini, la madre libera il piccolo appena nato dalla placenta e dal sacco amniotico, e se ne ciba in quanto essi rappresentano una grande risorsa di proteine e di nutrimento per riacquistare le forze spese per il parto e dalla perdita di sangue che ne deriva.

Una forma di placenta esiste analogamente anche in alcuni altri animali vivipari, ed in genere è soltanto analoga a livello funzionale con la vera placenta tipicamente mammaliana.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ all'accusativo πλακοῦντα plakùnta
  2. ^ Placenta, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  3. ^ (IT) còrion in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 10 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Auckland Bioengineering Institute - The University of Auckland, su www.bioeng.auckland.ac.nz. URL consultato il 12 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Auckland Bioengineering Institute - The University of Auckland, su www.bioeng.auckland.ac.nz. URL consultato il 12 novembre 2017.
  6. ^ a b c Boron, p. 1300.
  7. ^ (EN) Auckland Bioengineering Institute - The University of Auckland, su www.bioeng.auckland.ac.nz. URL consultato il 12 novembre 2017.
  8. ^ (EN) T. F. Kruger e M. H. Botha, Clinical Gynaecology, Juta and Company Ltd, 2007, ISBN 9780702173059. URL consultato il 12 novembre 2017.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia