Portale:Unione europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Portale Unione europea
Flag of Europe.svg
Flag of Europe.svg




WIKIPEDIA
PORTALE UNIONE EUROPEA

L'Unione europea (UE) è un'organizzazione di tipo sovranazionale e intergovernativo, che comprende 28 stati membri indipendenti e democratici. La sua istituzione sotto il nome attuale risale al Trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992 (entrato in vigore il 1º novembre 1993), al quale tuttavia gli stati aderenti sono giunti dopo il lungo cammino delle Comunità europee precedentemente esistenti.

L'Unione consiste attualmente di una zona di libero mercato caratterizzata da una moneta unica, l'euro, regolamentata dalla Banca centrale europea e adottata da 19 dei 28 stati membri; essa presenta inoltre una unione doganale fra i paesi aderenti agli accordi di Schengen, che garantiscono ai suoi cittadini libertà di movimento, lavoro e investimento all'interno degli stati membri. L'Unione presenta, inoltre, una politica agricola comune, una politica estera e di sicurezza comune e una politica comune della pesca.

L'Unione europea non è una semplice organizzazione intergovernativa (come le Nazioni Unite) né una federazione di Stati (come gli Stati Uniti d'America), ma un organismo sui generis, alle cui istituzioni gli stati membri delegano parte della propria sovranità nazionale.

Leggi la voce

Sapevi che...
Presidente della Commissione europea
Ursula von der Leyen

Ursula Gertrud von der Leyen, nata Albrecht (Ixelles, 8 ottobre 1958), è una politica tedesca, membro della CDU (Unione Cristiano Democratica) e Presidente della Commissione Europea dal 1° dicembre 2019.

Dopo essere stata ministra per vari portafogli in tutti i governi presieduti da Angela Merkel, il 2 luglio 2019 è stata designata dal Consiglio europeo alla carica di presidente della Commissione europea. Il Parlamento europeo ha dato seguito a tale nomina il 16 luglio, eleggendola con 383 voti favorevoli, 327 contrari, 22 astensioni e una scheda nulla.

Leggi l'articolo

Presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea
Bandiera della Finlandia

La Presidenza del Consiglio dell'Unione europea consiste nella responsabilità di gestire e coordinare il funzionamento del Consiglio dell'Unione europea nelle sue varie formazioni. Tale carica ruota ogni sei mesi tra i diversi stati membri dell'Unione europea e non è ricoperta da una singola persona, ma è esercitata dall'intero governo del Paese che detiene la presidenza di turno. Dal 1º luglio 2019 la presidenza del Consiglio è detenuta dalla Finlandia che la conserverà fino al 31 dicembre 2019.

Leggi la voce

Presidente del Consiglio europeo
Charles Michel

Charles Yves Jean Ghislaine Michel (Namur, 21 dicembre 1975) è un politico belga, Primo ministro del Belgio dal 2014 al 2019, divenendo il primo premier di lingua francese a succedere a un altro Primo ministro di lingua francese (Elio Di Rupo) in quasi 50 anni, quando a Pierre Harmel successe Paul Vanden Boeynants. È stato inoltre presidente del Movimento Riformatore dal 14 febbraio 2011 al 10 ottobre 2014.

Si è dimesso nel dicembre 2018, una decina di giorni dopo che Nuova Alleanza Fiamminga ha lasciato la coalizione per denunciare la firma da parte del governo del Patto mondiale sulla migrazione. Il re lo ha incaricato di rimanere in carica per gli affari correnti fino alle elezioni parlamentari del 2019.

Il 2 luglio 2019 è stato eletto dal Consiglio europeo come presidente del Consiglio europeo, incarico che ha assunto allo scadere del mandato di Donald Tusk il 1º dicembre 2019.

Leggi l'articolo

Alto Rappresentante per la PESC
Josep Borrell i Fontelles

Josep Borrell i Fontelles (La Pobla de Segur, 24 aprile 1947) è un politico ed economista spagnolo, membro del PSOE (e dunque del Partito Socialista Europeo), Ministro degli affari esteri, Unione europea e cooperazione dal 2018 al 2019 e dal 1° dicembre 2019 Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Catalano, Josep Borrell ha scritto nel 2015, insieme ad un altro economista catalano, Joan Llorach, un libro dal titolo "Las cuentas y los cuentos de la independencia" in cui smonta le tesi indipendentiste, soprattutto sotto il profilo economico.

Leggi l'articolo

In evidenza


Il "Trattato di Lisbona" (noto anche come "Trattato di riforma") è il trattato redatto per sostituire la Costituzione europea bocciata dal no nei referendum francese e olandese del 2005.

L'intesa arriva dopo due anni del "periodo di riflessione" ed è stata preceduta dalla Dichiarazione di Berlino del 25 marzo 2007, in occasione dei 50 anni dell'Europa unita, in cui il cancelliere tedesco Angela Merkel e il premier italiano Romano Prodi esprimevano la volontà di sciogliere il nodo entro pochi mesi al fine di consentire l'entrata in vigore di un nuovo trattato nel 2009, anno delle elezioni del nuovo Parlamento europeo.

Nello stesso periodo nasce il cosiddetto "Gruppo Amato" (formato da politici europei), ufficialmente chiamato "Comitato d'azione per la democrazia europea" (Action Committee for European Democracy, ACED) supportato dalla Commissione europea che ha inviato due suoi rappresentanti alle riunioni. Il gruppo ha avuto il mandato (non ufficiale) di prospettare una riscrittura della Costituzione basata sui criteri che erano emersi durante le consultazioni della Presidenza tedesca con le cancellerie europee. Il risultato è stato presentato il 4 giugno 2007: il nuovo testo presenta in 70 articoli e 12.800 parole circa le stesse innovazioni della Costituzione che aveva 448 articoli e 63.000 parole diventando un punto di riferimento per i negoziati.

Il Consiglio europeo di Bruxelles, sotto la presidenza tedesca, il 23 giugno 2007 raggiunse l'accordo sul nuovo Trattato di riforma.

Leggi l'articolo

Biografia in evidenza
Altiero Spinelli
Altiero Spinelli (Roma, 31 agosto 1907 – Roma, 23 maggio 1986) è stato un politico e scrittore italiano, soventemente citato come padre fondatore dell'Europa per la sua influenza sull'integrazione europea post-bellica.

Fondatore nel 1943 del Movimento Federalista Europeo, poi co-fondatore dell'Unione dei Federalisti Europei, membro della Commissione europea dal 1970 al 1976, poi del primo Parlamento europeo eletto a suffragio universale nel 1979. Fu promotore di un progetto di trattato sull'Unione Europea adottato dal Parlamento europeo nel 1984. Viene generalmente attribuita a questo progetto la nascita di una costituzione europea con l'adozione dell'Atto unico europeo. Fu membro del parlamento europeo per dieci anni e rimase uno degli attori politici principale sulla scena europea attraverso il Club del coccodrillo, da lui co-fondato.

Leggi l'articolo

Citazioni

«La democrazia ha molti nemici in attesa tra le quinte, politici e movimenti per il momento costretti a giocare secondo le sue regole ma il cui intento reale è tutt'altro – populista, di manipolazione mediatica, intollerante e autoritario. Conquisteranno molto spazio, se non riformeremo rapidamente le nostre democrazie. E non c'è ambito in cui questa riforma sia più necessaria che in seno alla stessa Unione Europea. (Paul Ginsborg

Archivio

Altre citazioni su Wikiquote


Stati membri

Stati membri dell'Unione europea

Sistema politico
Istituzioni
Organismi giudiziari
Organismi finanziari
Organismi consultivi
Politiche dell'Unione Europea
Altro
Agenzie dell'Unione europea · Trattati sull'Unione europea · Diritto comunitario · Cronologia dell'integrazione europea · Storia dell'integrazione europea · Patto di bilancio europeo · Meccanismo europeo di stabilità
Immagine in evidenza
Progetti

Aiutaci a tenere aggiornato questo portale e a migliorare le voci inerenti attraverso:

Risorse utili
Categorie di riferimento
Unione europea - Elenchi
Portali collegati