Portenschlagiella ramosissima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Finocchiella di Lucania
Portenschlagiella ramosissima (Trentinara16).jpg
Stazione di Finocchiella di Lucania a Trentinara
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Apiales
Famiglia Apiaceae
Genere Portenschlagiella
Specie P. ramosissima
Nomenclatura binomiale
Portenschlagiella ramosissima
(Port.) Tutin, 1967
Sinonimi

Athamanta ramosissima[1][2][3]
Port.
Athamanta javescens[3]
Vis.
Athamanta verticillata[3]
Portenschl.
Portenschlagia ramosissima
Vis.
Seseli ramosissima
Cesati
Seseli lucanum
Barbazita

La finocchiella di Lucania (Portenschlagiella ramosissima (Port.) Tutin, 1967) è una pianta della famiglia delle Apiaceae. Al 2015, il Catalogue of life la indica come l'unica specie del genus Portenschlagiella[4]. Non ne sono descritte sottospecie[3]

Fu descritta per la prima volta dal botanico austriaco[5] Franz von Portenschlag-Ledermayer (1772-1822).

Descrizionemodifica | modifica wikitesto

È una specie erbacea eretta perenne, alquanto pubescente[6]. Le foglie, in gruppi da 4 a 5, sono pennate, con lobi acuminati lineari-filiformi[6]. L'ombrello è sub-globuloso, spesso in forma di voluta al culmine dello stelo principale, in 30-50 raggi, pubescente. Numerose le brattee[6].

Il fiore è a petali gialli, di forma oblungo-spatolata, emarginati e ciliati inferiormente, con apice involuto e piccoli sepali[6]. La fioritura è estiva, tra luglio e agosto.

Il frutto è un achenio di forma cilindrico-ovoidale, non compresso, ispido, irto di peluria stellata[6] che ne aiuta la disseminazione da parte di animali.

Distribuzione e habitatmodifica | modifica wikitesto

Si tratta di un rarissimo endemismo spiccatamente rupestre (casmofita), a distribuzione puntiforme, che vive «in condizioni ecologiche veramente 'estreme'»[7].

Cresce in ambiente mediterraneo/montano, in area tirrenica (Sud Italia[6]) e area adriatica dalmato-nord illirica[6](Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, nord dell'Albania[2]), in ambiente rupestre arido, su rocce con orientazione Nord-Est, fino a circa 1200 metri di elevazione.

Il suo areale, in Italia, tocca alcune specifiche zone dell'appennino lucano-campano[7], nelle regioni della Campania, della Basilicata e della Calabria. Una stazione, ad esempio, è segnalata sulle pareti calcaree occidentali del Monte Bulgheria (in località Limbida)[7], nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, non lontano da Palinuro. Sempre nel Parco del Cilento, la specie è presente sulle pareti calcaree presso la gola del torrente Sammaro, tra i comuni di Sacco e Roscigno[7]

Contenuto in oli essenzialimodifica | modifica wikitesto

I semi di questa Umbellifera hanno un contenuto al 15% in oli essenziali, in cui il composto dominante è l'etere aromatico miristicina[8], dai noti effetti piscotropi, a cui si aggiungono le segnalazioni di funzioni epatoprotettive e anti-carcinogenetiche[2]. Analisi con risonanza magnetica nucleare, cromatografia, spettrometria di massa, compiute su esemplari provenienti dall'allora Yugoslavia, hanno rivelato un contenuto in miristicina pari al 70% del totale degli oli essenziali e al 10% della massa totale dei semi[8].

Analisi compiute negli anni 2000 hanno confermato l'alto contenuto in miristicina, ma hanno dato risultati inferiori riguardo all'incidenza[2].

Tali risultati non sono considerati definitivi e abbisognano di ulteriori analisi[2]. Altri studi, infatti, compiuti in precedenza, hanno dato risultati contraddittori e in alcuni casi non è stata nemmeno rilevata la presenza della miristicina[2][8]. Potrebbe trattarsi dell'erronea individuazione della particolare specie da parte degli sperimentatori[8] o della variabilità del chemotipo, dovuta a fattori genetici o ambientali, o a diversa modalità di coltivazione[2].

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Portenschlagia ramosissima (Port. ex Spreng.) Vis., da Tropicos.org
  2. ^ a b c d e f g Ž. Maleš, M. Plazibat, F. Bucar, Essential Oil of Portenschlagiella ramosissima from Croatia, a Rich Source of Myristicin, in «Croat. Chem. Acta» 82 (4) (2009) p. 725
  3. ^ a b c d Portenschlagiella ramosissima (Portenschl.) Tutin (accepted name), dal Catalogue of Life, gennaio 2015
  4. ^ Genus Portenschlagiella da Catalogue of life, 2015
  5. ^ Portenschlag-Ledermayer, Franz von (1772-1822), Botaniker, ÖBL-Österreichisches Biographisches Lexikon 1815-1950, Vol. 8, p. 213
  6. ^ a b c d e f g V. H. Heywood, D. H. Valentine, T. G. Tutin, N. A. Burges, Flora Europaea, Vol. 1 (Roasaceae to Umbelliferae), 1964 p. 340
  7. ^ a b c d Giovanna Abbate, Francesco Corbetta, Anna Rita Frattaroli, Gianfranco Pirone, Il Parco del Cilento. Ambiente, flora e vegetazione, in Natura e Montagna, n. 1/2, a. XLIII.
  8. ^ a b c d Maerean B. Bohannon, Robert Kleiman, Myristicin. The Major Volatile Component in Mature Seed of Portenschlagia ramosissima Archiviato il 26 ottobre 2011 in Internet Archive., in «Lipids», Vol. 12, No. 3, (1977), p. 321

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto