Ras (titolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ras, in amarico ራስ (dalla radice triconsonantica semitica <r-'-s>, che origina ad esempio il sostantivo arabo raʾs, "testa"[1]) era un titolo aristocratico etiope tradizionale.

Storiamodifica | modifica wikitesto

Esso era dapprima attribuito ai signori feudali delle maggiori province ed in seguito ai dignitari di rango immediatamente inferiore al negus ed è stato uno dei titoli più nobili della corte imperiale etiope, probabilmente risale al 16 ° secolo. Questo titolo venne assegnato solo al capo più grande delle provincie dell'Etiopia ed è anche il grado militare più alto. Il Ras aveva il diritto a 24 tamburi di cerimonia (Negarits). Il titolo come significato è paragonabile a Duca. Anche alcuni dignitari della Chiesa ortodossa etiope tevahedo avevano il diritto di portare questo titolo.

Solo a partire dal XIX secolo il titolo ha cominciato a essere insignito frequentemente. Il Ras aveva una grande autorità nella zona in cui governava. Il titolo nobilare etiope più vicino era Degiasmacc.

Durante il regno dell'imperatore Menelik II, solo i capi delle province più importanti (Harar, Selale, Arsi, Bale, Begemder, Tigre, Ilubabor, Kaffa, Velega, Volo, Jegu Vadla, Delanta, Davunt, Sedho, Varo, Meket, Zobil, Lasta e Gojam) avevano questo grado.

Diviene Ras qualcuno che fa parte delle famiglie nobili etiopi, così come i membri della famiglia imperiale.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Sostantivo usato ancora in geografia per indicare, oltre a un promontorio, anche la cima di una montagna.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Africa Orientale Portale Africa Orientale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa Orientale