Resistenza romana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Resistenza italiana.

La Resistenza romana fu il movimento di liberazione che operò a Roma durante l'occupazione tedesca della città, durata dall'8 settembre 1943 (per la mancata difesa da parte dei vertici del Regio Esercito e dopo la battaglia di Porta San Paolo, del 10 settembre) al 4 giugno 1944, data della liberazione della città da parte degli Alleati.

La resistenza coinvolse un gran numero di cittadini romani, i quali si opposero, in modo palese o nascosto (talora passivamente e senza l'uso delle armi, oppure auto-organizzandosi in formazioni paramilitari)[1] alle forze tedesche e alle varie milizie fasciste.

L'occupazione tedescamodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Mancata difesa di Roma.
10 settembre 1943 soldati granatieri italiani del generale Gioacchino Solinas cercano di contrastare i tedeschi presso porta San Paolo

Dopo l'annuncio via radio dell'Armistizio di Cassibile (ore 19.45 dell'8 settembre 1943) e la fuga da Roma del re Vittorio Emanuele III, il territorio italiano venne occupato dalle truppe tedesche.

Il controllo di Roma[2] fu ottenuto con uno sforzo abbastanza limitato da parte dei tedeschi che, la sera dell'8 settembre erano già pronti ad attaccare, mentre le truppe italiane rimaste fedeli a Casa Savoia furono prese alla sprovvista. L'attacco tedesco si sviluppò partendo dal mare, sin dalla sera stessa, ad opera soprattutto della 2ª divisione paracadutisti, di stanza all'aeroporto di Pratica di Mare e forte di circa 14.000 uomini. Solo nella mattina del 9 settembre i militari italiani della Divisione Piacenza, di stanza sui Castelli romani, ormai aggirata, s'impegnarono in un duro scontro tra Albano Laziale e Cecchina, ininfluente ai fini della difesa della Capitale[3].

Tuttavia, nonostante la mancanza di ordini precisi[4] o addirittura intimanti di evitare scontri con le truppe tedesche[5], già nella sera dell'8 settembre, molti reparti dell'Esercito, dei Carabinieri ed alcuni della polizia, affiancati da alcune decine di cittadini volontari spontaneamente armati, tentarono invano di opporsi all'attacco delle truppe tedesche.
La Granatieri di Sardegna reagì con forza all’avanzata tedesca ed al tentativo di disarmo ed ingaggiò furiosi combattimenti: gli scontri più accesi si ebbero nella giornata del 9, intorno alla zona del Ponte della Magliana, dell'E42 (l'attuale quartiere EUR) e del forte Ostiense; ed il 10, tra Porta San Paolo e la Passeggiata Archeologica. Nonostante la resistenza dei Granatieri di Sardegna, spronati dal generale Gioacchino Solinas e coadiuvati da altri reparti, primi tra tutti i Lancieri di Montebello, paracadutisti del X reggimento Arditi e da alcuni gruppi di civili, i tedeschi continuarono ad avanzare. La battaglia di Porta San Paolo, dove si ebbero 597 caduti, di cui 414 militari e 183 civili[6], è il primo evento della Resistenza italiana.

Le divisioni italiane schierate a nord della città ricevettero ordini contraddittori e quando iniziarono a muoversi verso il teatro degli scontri principali era troppo tardi: nel pomeriggio del 10 i paracadutisti tedeschi avevano già superato ogni difesa e raggiunto il centro della città.
A quel punto il comando italiano accettò la richiesta tedesca di cessare il fuoco e di trasformare Roma in una città aperta, presidiata solo da pochi soldati italiani.
Subito dopo i tedeschi rinnegarono gli accordi e presero in pratica il controllo di Roma; qualche giorno dopo il primo atto della appena proclamata Repubblica Sociale Italiana (RSI) di Mussolini fu di far disarmare le ultime truppe regie rimaste a Roma ed il controllo tedesco divenne totale.

L'11 settembre apparve sui muri di Roma il seguente editto di Albert Kesselring:

«IL COMANDANTE IN CAPO TEDESCO DEL SUD
ORDINANZA

  1. Il territorio dell'Italia a me sottoposto è dichiarato territorio di guerra. In esso sono valide le Leggi Tedesche di guerra.
  2. Tutti i delitti commessi contro le Forze Armate Tedesche saranno giudicati secondo il diritto Tedesco di guerra.
  3. Ogni sciopero è proibito e sarà giudicato secondo il Tribunale di guerra.
  4. Gli organizzatori di scioperi, i sabotatori ed i franchi tiratori saranno giudicati e fucilati per giudizio sommario.
  5. Sono deciso a mantenere la calma e la disciplina e a sostenere le Autorità italiane competenti con tutti mezzi, per assicurare alla popolazione il nutrimento.
  6. Gli operai italiani, i quali si mettono volontariamente a disposizione dei servizi Tedeschi saranno trattati secondo i principi Tedeschi e pagati secondo le tariffe Tedesche.
  7. I Ministeri Amministrativi e le Autorità Giudiziarie continuano a lavorare.
  8. Saranno subito rimessi in funzione il servizio ferroviario, le comunicazioni e le poste.
  9. È proibita fino a nuovo ordine la corrispondenza privata. Le conversazioni telefoniche, che dovranno essere limitate al minimo, saranno severamente sorvegliate.
  10. Le Autorità e le organizzazioni civili italiane sono verso di me responsabili per il funzionamento dell'ordine pubblico. Esse compiranno il loro dovere solamente se impediranno ogni atto di sabotaggio e di resistenza passiva contro le misure Tedesche e se collaboreranno in modo esemplare con gli Uffici Tedeschi.
    Roma 11 settembre 1943.
    Firmato: Feldmaresciallo Kesselring[7]

Osserva Claudio Fracassi che tale editto «fissava le nuove regole per la vita a Roma, tradendo esplicitamente l'accordo sulla "Città aperta" raggiunto appena un giorno prima con gli ex alleati italiani»[8].

Il giornalista e scrittore Paolo Monelli ha tracciato il seguente quadro dell'occupazione nazista di Roma:

«Arrestato Calvi di Bergolo, arrestati o fuggiti gli ultimi ufficiali che dalla sede del comando della città aperta avevano tentato di opporsi alle prepotenze dei tedeschi, disarmati i carabinieri, Roma divenne città occupata, città di retrovia di un esercito impegnato in disperata guerra sul Volturno; e subito cominciò quella paurosa progressione di angherie, di torsioni, di violenze che durò trentacinque settimane. L'uno dopo l'altro tutti i flagelli della guerra si abbatterono sulla città; che fatta bivacco di truppe, sosta di carovane di carri e di rifornimenti, offrì di nuovo pretesto agli angloamericani per bombardamenti dall'alto; fu devastata, rastrellata, messa a sacco, affamata, stretta alla gola da sempre nuove minacce. Non era più sicura la casa, la chiesa, il convento. Ogni pretesto era buono per i tedeschi, o per gli sbirri della polizia fascista, per penetrare di giorno e di notte negli appartamenti, portar via uomini e cose e vettovaglie. Ogni tanto correva il grido, l'avvertimento che nella tale strada, nel tale quartiere avevano sbarrato gli sbocchi e stavano razziando, fuggivano i giovani inseguiti dalle raffiche delle mitragliatrici[9]

(Paolo Monelli)
Carro armato tedesco Tiger I di fronte all'Altare della Patria a Roma, nel febbraio 1944

Il Fascio repubblicano costituito nella capitale rappresentò l'unico centro di raccolta dei pochi fascisti romani[10]. Un segno di scollamento della città dal fascismo e dello strapotere tedesco è stato rilevato nel maggior tasso di renitenza alla leva registrato a Roma rispetto al resto della RSI. I tedeschi tentarono infatti a più riprese di sabotare ogni tentativo fascista di ricostituire forze armate autonome, preferendo gestire autonomamente le risorse umane italiane attraverso retate di uomini atti al lavoro da inviare a elevare fortificazioni sui fronti di Anzio e Cassino, in Germania o, nell'Organizzazione Todt, anche in Alta Italia[11].
La renitenza alla leva fu superiore del 15-20% alla media, mentre, secondo i dati dei Servizi segreti USA, solo il 2% dei cittadini romani si presentò spontaneamente alle chiamate al lavoro o alle armi imposte dai comandi del Reich[12].

I vertici militari e politici italiani furono in seguito incolpati di gravi negligenze ed omissioni nella mancata difesa di Roma.

Oltre alle deportazioni verso i lager nazisti, la città eterna - ancora ufficialmente "città aperta" - patì l'eccidio delle Fosse Ardeatine (335 uccisioni), il martirio dei 66 patrioti fucilati a Forte Bravetta ed altre violenze.

La città fu liberata dagli Alleati il 4 giugno 1944, lo stesso giorno in cui le truppe tedesche, durante la loro fuga lungo la via Cassia, nei pressi della località La Storta, assassinarono, con un colpo di pistola alla testa, 14 uomini politici e partigiani già prigionieri del carcere di Via Tasso, tra cui il sindacalista socialista Bruno Buozzi.

Caratteristiche ed eventi principalimodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cronologia della Resistenza romana.
Truppe e mezzi statunitensi sbarcano nel settore di Anzio, durante il lungo periodo di stallo operativo sulla testa di ponte.

Il 9 settembre alle ore 16.30, a battaglia ancora in corso, sorse a Roma, in via Carlo Poma, il CLN - Comitato di Liberazione Nazionale, con la presenza di Pietro Nenni per il PSIUP, Giorgio Amendola per il PCI, Ugo La Malfa per il Partito d'Azione, Alcide De Gasperi per la Democrazia Cristiana, Meuccio Ruini per Democrazia del Lavoro e Alessandro Casati per i liberali.

La resistenza romana fu caratterizzata dalla varietà di riferimenti ideologici cui facevano capo i gruppi che la animarono: monarchici, azionisti, socialisti, comunisti, i militari del Fronte Militare Clandestino ed altre formazioni minori antifasciste che avevano come obiettivo soprattutto quello di essere riconosciuti come combattenti contro i tedeschi al momento dell'arrivo degli alleati a Roma, che si riteneva imminente soprattutto dopo lo sbarco di Anzio nel gennaio del 1944. Solo dopo la svolta di Salerno (aprile 1944)[13] vi fu un'organizzazione vera e propria, tendente a fondare una disciplina condivisa dei partigiani che fino ad allora avevano operato isolatamente e talora in contrasto gli uni con gli altri[14]. La città inoltre era un crocevia per tutte le principali organizzazioni di spionaggio dei belligeranti[15].

Sebbene il compito del CLN fosse quello di animare e coordinare la resistenza civile e militare, il suo contributo a Roma fu scarso ed episodico, cosicché l'iniziativa militare veniva presa dai singoli partiti e in particolare da quelli di sinistra, i quali – meglio organizzati e più forti – si muovevano in sostanziale autonomia, o dai gruppi che non facevano capo ai sei partiti del CLN[16]. I motivi per i quali la Giunta militare del CLN non riuscì a produrre un'azione efficace furono principalmente due: in primo luogo, l'entità del contributo alle azioni militari fu estremamente diversa da partito a partito, così da rendere irrealistico attribuire il medesimo peso a ciascun partito in sede di deliberazione collegiale; in secondo luogo, vi era una fondamentale divergenza politica, in seno alla Giunta, sul tipo di azioni da compiere: comunisti, socialisti e azionisti erano infatti intenzionati ad effettuare veri e propri atti di guerra, inclusi gli attentati terroristici, contro i nazifascisti; per contro democristiani, liberali e demolaburisti (concordi, in questo, con il Vaticano) intendevano limitarsi ad atti di propaganda non armata e di sabotaggio[17]. La Chiesa aveva una posizione molto sfavorevole alle azioni armate di resistenza, perché non le riteneva utili alla causa e anche perché temeva che tali azioni potessero aumentare l'influenza della componente di estrema sinistra[18].

Tale disaccordo di fondo nel CLN (che nel 1963 il comunista Amendola definì «più un centro di discussioni, spesso anche accademiche, che un organo di lavoro e di lotta»[19]) fece sì che, nella pratica, ciascun partito decidesse in modo autonomo quali azioni intraprendere, sebbene il carattere unitario del CLN rimanesse formalmente impregiudicato; il ruolo più importante fu allora giocato dal PCI, che, nei nove mesi di occupazione tedesca, poté contare, nella capitale, sull'apporto di circa tremila militanti[18] (si consideri che il totale dei partigiani di ogni tendenza nella provincia di Roma, inclusi i comunisti, fu poi riconosciuto in seimiladuecento[20]).

In generale, quella dei partigiani a Roma durante l'occupazione tedesca fu la lotta di «un'eroica minoranza», che non riuscì a coinvolgere attivamente la grande massa della popolazione; la maggioranza dei romani condivise infatti un atteggiamento di tipo attendista e fu poco propensa alla resistenza attiva contro i nazifascisti, pur desiderando una rapida fine della guerra[21].

L'esponente comunista Giorgio Amendola ha così rievocato l'atteggiamento generale della popolazione romana nei confronti dei partigiani:

«C'era, a proteggerci, la crisi del vecchio apparato statale, e c'era il generale atteggiamento di solidarietà assunto dalla popolazione. [...] La grande maggioranza della popolazione romana era attesista, ben decisa a lasciar passare le settimane e i mesi prima dell'arrivo degli alleati senza farsi trascinare in faccende rischiose. Perciò nessuno parlava e tutti, tranne qualche spregevole eccezione, si facevano i fatti loro. Se poi nasceva il problema di aiutare un italiano, un patriota, un soldato a nascondersi per sfuggire alla persecuzione e all'arresto, allora generalmente non si tiravano indietro, e molti cittadini romani furono trascinati così, quasi per caso, senza averlo deciso deliberatamente, nel vortice della lotta clandestina[22]

(Giorgio Amendola)

I Gruppi di Azione Patriottica (GAP) erano formati principalmente da uomini del Partito Comunista Italiano che li impiegava in piena autonomia dal CLN. Organizzati in una efficiente struttura militare clandestina, che suddivideva la città in otto settori ciascuno dei quali affidato a un GAP, queste formazioni continuarono la guerra parallela allo sforzo alleato intensificando le proprie attività per attaccare militarmente l'occupante. I due comandanti dei GAP centrali, dai quali dipendeva la rete clandestina, Franco Calamandrei "Cola" e Carlo Salinari "Spartaco", ebbero un ruolo decisivo nella preparazione dell'attacco che si decise di condurre a via Rasella contro un numeroso reparto tedesco.

Gli altri partiti, fra quelli del CLN che optarono per la resistenza armata, non riuscirono a sviluppare azioni altrettanto numerose: il Partito d'Azione realizzò un attentato dinamitardo contro una caserma della Milizia il 20 settembre 1943, ma in seguito si dedicò in prevalenza ad azioni di sabotaggio; il PSI realizzò svariati sabotaggi e attentati individuali soprattutto in alcuni quartieri periferici; tra le formazioni della Resistenza romana che operarono al di fuori del CLN la più notevole fu il gruppo Bandiera Rossa (di Antonino Poce, Celestino Avico, Giordano Amidani, Ezio Malatesta, Gabriele Pappalardo, Raffaele De Luca, Felice Chilanti, Filiberto Sbardella): fra le sue numerose azioni si può menzionare l'assalto al Forte Tiburtino del 22 ottobre 1943, che si concluse con l'arresto di ventidue militanti, di cui dieci furono fucilati il giorno successivo[23].

Secondo una testimonianza di Orfeo Mucci, vi era una sorta di tacito accordo fra i GAP e i partigiani di Bandiera Rossa, in base al quale i primi agivano principalmente nel centro della città, mentre i secondi combattevano perlopiù in periferia e nelle borgate[24].

Il 22 gennaio 1944, in concomitanza con lo sbarco di Anzio, il comando alleato diffuse il seguente appello rivolto ai partigiani:

«Per Roma e per tutti gli italiani è giunta l'ora di combattere in tutti i modi possibili e con tutte le loro forze. Sabotate il nemico, bloccategli le vie della ritirata, distruggete le sue vie di comunicazione fino all'ultimo cavo, colpitelo dovunque, continuate a battervi instancabilmente senza pensare alle questioni politiche fino a quando saranno arrivate le nostre truppe. Informate tutte le bande e tutti i partiti.[25]»

A seguito dello sbarco di Anzio l'occupazione tedesca di Roma si fece viepiù dura e la repressione si intensificò; aumentarono le condanne a morte e le fucilazioni, mentre si fecero sempre più frequenti i rastrellamenti contro la popolazione civile finalizzati a prelevare uomini per il servizio di lavoro obbligatorio; circa duemila uomini vennero catturati il 31 gennaio 1944 in un vasto rastrellamento nel centro della città; la razzia, e la deportazione nei campi di sterminio, di più di mille ebrei del Ghetto aveva già avuto luogo il 16 ottobre 1943[26].

Occorre aggiungere che i tedeschi erano esasperati dall'atteggiamento non collaborativo da parte della popolazione civile romana, la cui resistenza passiva si manifestava anche dando ricetto e nascondiglio alle persone a rischio di deportazione: uomini in età da lavoro, soldati sbandati, prigionieri di guerra in fuga[27].

Il rastrellamento al Portico di Ottaviamodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rastrellamento del ghetto di Roma.
L'ingresso al portico di Ottavia

Il 16 ottobre 1943, principalmente in via del Portico d'Ottavia e nelle strade adiacenti ma anche in altre differenti zone della città di Roma[28][29] le truppe tedesche della Gestapo effettuarono una retata di 1259 persone, di cui 363 uomini, 689 donne e 207 bambini appartenenti alla comunità ebraica. Dopo il rilascio di un certo numero di componenti di famiglie di sangue misto o stranieri, 1023 deportati furono avviati ad Auschwitz[30]; soltanto 16 di loro sopravvissero allo sterminio (15 uomini e una donna)[31]. 2.091 fu il numero complessivo dei deportati ebrei negli otto mesi dell'occupazione tedesca[32].

Il tenente colonnello delle SS Herbert Kappler, comandante dell'SD e della Gestapo a Roma, riferì che «l'atteggiamento della popolazione italiana è stato inequivocabilmente di resistenza passiva. Mentre la polizia tedesca irrompeva in alcune case, tentativi di nascondere gli ebrei in appartamenti vicini sono stati osservati per tutto il tempo e in molti casi si crede con successo. La parte antisemita della popolazione non è comparsa durante l'azione, ma grandi masse, in episodi isolati, hanno addirittura tentato di trattenere singoli poliziotti lontano dagli ebrei»[30]. Il prof. Giovanni Borromeo, priore dell'Ospedale San Giovanni Calibita all'Isola Tiberina, ricoverò oltre un centinaio di ebrei romani per una malattia inventata di sana pianta, chiamata Morbo di K (Sindrome di Kesselring), riuscendo a salvar loro la vita[33].

Non mancarono forme di resistenza passiva da parte del clero, con l'accoglimento clandestino nei conventi, scuole e altre strutture religiose cristiane di 4.447 ebrei censiti[34][35]. Il Collegio San Giuseppe - Istituto De Merode, secondo la testimonianza di Dennis Walters, diede rifugio a una quarantina di persone tra ebrei perseguitati, ufficiali antifascisti, e monarchici[36]. Numerosissime analoghe forme di accoglimento della popolazione ebraica furono effettuate da parte di comuni cittadini.

La liberazione di Pertini e Saragatmodifica | modifica wikitesto

Una delle azioni più eclatanti della Resistenza romana avvenne il 25 gennaio 1944. Nell'ottobre del 1943 i due dirigenti socialisti Sandro Pertini e Giuseppe Saragat erano stati catturati dalle SS e condannati a morte per la loro attività partigiana. Tuttavia la sentenza non venne eseguita grazie all'azione delle formazioni socialiste che permise loro la fuga durante la detenzione nel carcere di Regina Coeli. L'azione, dai connotati rocamboleschi, fu organizzata da Giuliano Vassalli (che aveva lavorato come avvocato presso il tribunale militare italiano, trafugando timbri e carte intestate), con l'aiuto di altri partigiani socialisti delle Brigate Matteotti, tra cui Giuseppe Gracceva, Massimo Severo Giannini, Filippo Lupis, Ugo Gala[37] e il medico del carcere Alfredo Monaco[37][38].

Si riuscì così prima a far passare Saragat e Pertini dal "braccio" tedesco del carcere a quello italiano e quindi a produrre degli ordini di scarcerazione falsi, redatti dallo stesso Vassalli, per la loro liberazione (a conferma dell'ordine arrivò anche una falsa telefonata dalla questura, fatta da Marcella Ficca, moglie di Alfredo Monaco[39]). I due furono dunque scarcerati insieme a Luigi Andreoni, anziano padre dell'altro vice-segretario del PSIUP Carlo Andreoni (poi leader di un'altra formazione socialista rivoluzionaria denominata "Unione Spartaco") e a quattro ufficiali del Fronte Militare Clandestino, prelevati da partigiani travestiti da militari.

Via Rasella e Fosse Ardeatinemodifica | modifica wikitesto

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Attentato di via Rasella ed Eccidio delle Fosse Ardeatine.
La scena principale del film Roma città aperta: l'uccisione della popolana Pina (Teresa Gullace), interpretata da Anna Magnani

Il più sanguinoso attacco alle truppe tedesche di occupazione avvenne il 23 marzo 1944, da parte dei Gruppi di azione patriottica al comando di Carlo Salinari (Spartaco) e Franco Calamandrei (Cola) in via Rasella, durante il transito di una compagnia del III battaglione del Polizeiregiment "Bozen", composta da 156 uomini[40]. All'azione, iniziata con lo scoppio di una bomba al tritolo deposta da Rosario Bentivegna, parteciparono altri undici gappisti[41], che effettuarono anche un fuoco di copertura con bombe da mortaio brixia[42]. L'attentato provocò la morte immediata di trentadue poliziotti e il ferimento di altri cinquantasei (uno dei quali sarebbe morto in ospedale il giorno seguente). I gappisti non subirono perdite; nell'esplosione rimasero uccisi anche due civili (tra cui il dodicenne Piero Zuccheretti); altri civili morirono uccisi dal fuoco di reazione tedesco. Per rappresaglia, il giorno successivo, senza nessun preavviso i tedeschi uccisero 335 prigionieri o rastrellati italiani, quasi tutti civili, nell'eccidio delle Fosse Ardeatine.

Numero delle vittimemodifica | modifica wikitesto

Oltre alle 335 vittime delle Fosse Ardeatine e ai 1.023 ebrei deportati al Portico d'Ottavia, la città contò, durante l'occupazione tedesca, 947 deportati nel rastrellamento del Quadraro, 66 patrioti fucilati a Forte Bravetta, dieci fucilati a Pietralata, dieci donne uccise presso il Ponte dell'Industria per aver assaltato un forno e quattordici ex-detenuti a Via Tasso, massacrati a La Storta, proprio il giorno della Liberazione (4 giugno 1944)[43].

Icona cinematografica del presente periodo storico è il film Roma città aperta, di Roberto Rossellini, che narra in forma romanzata le vicende dell'uccisione di Teresa Gullace e della fucilazione di Don Giuseppe Morosini, interpretati, rispettivamente, da Anna Magnani e Aldo Fabrizi. Più di recente un altro film, A luci spente, di Maurizio Ponzi ha narrato quel periodo, con il particolare punto di vista del mondo del cinema durante l'occupazione.

Onorificenzemodifica | modifica wikitesto

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«Per aver sempre operato con spirito altruistico e di solidarietà, nell’opera di conservazione della memoria della tragica deportazione dei 2.091 ebrei catturati all’alba del 16 ottobre 1943 e dello sterminio nei lager; mirabile esempio di virtù civili, di espressione dei sentimenti di fratellanza umana, di dedizione alla Patria italiana. 16 ottobre 2003»
— Comunità Ebraica Romana
Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«Centro dei più attivi e organizzati dell'antifascismo, il quartiere Quadraro fu teatro del più feroce rastrellamento da parte delle truppe naziste. L'operazione, scattata all'alba del 17 aprile 1944 e diretta personalmente dal maggiore Kappler, si concluse con la deportazione in Germania di circa un migliaio di uomini, tra i 18 e i 60 anni, costretti a lavorare nelle fabbriche in condizioni disumane. Molti di essi vennero uccisi nei campi di sterminio, altri, fuggiti per unirsi alle formazioni partigiane, caddero in combattimento. Fulgida testimonianza di resistenza all'oppressore ed ammirevole esempio di coraggio, di solidarietà e di amor patrio. 17 aprile 1944/Quartiere Quadraro – Roma, 17 aprile 2004»
— Municipio Roma X

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ La renitenza alla leva della RSI fu a Roma circa il 15-20% superiore alla media. Secondo i dati dei Servizi segreti USA, solo il 2% dei cittadini romani si presentò spontaneamente alle chiamate al lavoro o alle armi imposte dai comandi del Reich (Cfr.Umberto Gentiloni Silveri, Maddalena Carli, Bombardare Roma - Gli Alleati e la «città aperta» (1940-1944) - Il Mulino - Biblioteca storica, Bologna, 2007, ISBN 978-88-15-11546-1, pag. 13).
  2. ^ Anthony Majanlahti, Amedeo Osti Guerrazzi, Roma occupata 1943-1944. Itinerari, storia, immagini, Il Saggiatore 2010
  3. ^ Vedi anche: Battaglia di Villa Doria
  4. ^ La Memoria OP 44, a firma del generale Mario Roatta, posta a conoscenza dei Comandanti di armata tra il 2 e il 5 settembre 1943, ordinava «di interrompere a qualunque costo, anche con attacchi in forze ai reparti armati di protezione, le ferrovie e le principali rotabili alpine» e di «agire con grandi unità o raggruppamenti mobili contro le truppe tedesche», ma era condizionata ad ordini successivi, che non vennero mai. Cfr.: Ruggero Zangrandi,1943: 25 luglio - 8 settembre, Feltrinelli, Milano, 1964, pagg. 486-7.
  5. ^ Alle ore 0.20 del 9 settembre, il Comandante generale delle Forze Armate, generale Vittorio Ambrosio diramò un dispaccio radio nel quale si prescriveva alle forze armate di non aprire il fuoco sulle truppe tedesche, se non in caso di attacco di queste ultime e di permettere comunque il loro transito inoffensivo. Cfr. Ruggero Zangrandi, cit., pagg. 480 e succ.ve
  6. ^ Prospetto statistico riassuntivo pubblicato in: Albo d'oro dei caduti nella difesa di Roma del settembre 1943, a cura dell'Associazione fra i Romani, Roma, 1968, pag. 79
  7. ^ Editto di Albert Kesselring, riprodotto in Capponi 2009, tavole fotografiche fuori testo. Il testo, con lievi inesattezze, è riportato anche in Fracassi 2013, p. 110.
  8. ^ Fracassi 2013, p. 110.
  9. ^ Monelli 1993, p. 283.
  10. ^ Secondo la deposizione di Pietro Koch al processo contro di lui celebrato dopo la liberazione, poco prima di quest'ultima l'elenco degli «aderenti alla Rsi» a Roma contava circa tremila persone: citato in Bentivegna-De Simone 1996, p. 112.
  11. ^ Cfr. R. De Felice, Rosso e Nero, a cura di P. Chessa, Baldini&Castoldi, Milano, 1995, pag. 60, e Mussolini l'alleato, tomo II, Einaudi.
  12. ^ Cfr.Umberto Gentiloni Silveri, Maddalena Carli, "Bombardare Roma - Gli Alleati e la «città aperta» (1940-1944)", Il Mulino, Biblioteca storica, Bologna, 2007, ISBN 978-88-15-11546-1, pag. 13).
  13. ^ La "Svolta di Salerno" di Secchia
  14. ^ Alberto Berzoni, Attentato e rappresaglia. Il PCI e via Rasella
  15. ^ Sulla "guerra segreta" condotta a Roma e dai contorni tuttora oggetto di studio, vedere Peter Tompkins, L'altra Resistenza. Servizi segreti, partigiani e guerra di liberazione nel racconto di un protagonista, Il Saggiatore - 2005
  16. ^ De Felice 1997, pp. 150-151.
  17. ^ Ranzato 2000, pp. 415-6.
  18. ^ a b Ranzato 2000, p. 416.
  19. ^ Luigi Cortesi, Bonomi, Ivanoe, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 12, 1971.
  20. ^ Ranzato 2000, p. 412.
  21. ^ Gabriele Ranzato, Via Rasella, logica di un'azione partigiana, in la Repubblica, 26 marzo 1999.
  22. ^ Amendola 1973, p. 178. Il passo è citato in Fracassi 2013, pp. 134-5.
  23. ^ Ranzato 2000, p. 417.
  24. ^ Portelli 2012, p. 159.
  25. ^ Comunicato alleato, 22 gennaio 1944, citato in Fracassi 2013, p. 298.
  26. ^ Ranzato 2000, p. 419.
  27. ^ Ranzato 2000, pp. 419 e 412.
  28. ^ Marisa Musu, Ennio Polito, Roma ribelle. La resistenza nella capitale. 1943-1944, Teti Editore, Milano, 1999, p. 91
  29. ^ Robert Katz, Roma Città Aperta. Settembre 1943-Giugno 1944, Il Saggiatore, Milano, 2004, pag. 130.
  30. ^ a b Robert Katz, cit., p. 140
  31. ^ Robert Katz, cit., p. 429
  32. ^ Cfr. la lapide commemorativa in Largo 16 ottobre 1943 (Portico d'Ottavia)
  33. ^ Adriano Ossicini, Un'isola sul Tevere, Editori Riuniti, Roma, 1999, pag. 203
  34. ^ Ebrei rifugiati nelle case religiose maschili di Roma Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive.
  35. ^ Ebrei rifugiati nelle case religiose femminili di Roma Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive.
  36. ^ Dennis Walters, interprete dei partigiani romani durante l'occupazione tedesca, su roma.corriere.it.
  37. ^ a b Giuliano Vassalli e Massimo Severo Giannini, Quando liberammo Pertini e Saragat dal carcere nazista, Patria Indipendente, Pubblicazione ANPI
  38. ^ Davide Conti (cur.), Le brigate Matteotti a Roma e nel Lazio, Roma, Edizioni Odradek, 2006, ISBN 88-86973-75-6. - Vedi anche Recensione dell'ANPI
  39. ^ Marcella Monaco - I protagonisti della Resistenza a Roma[collegamento interrotto]
  40. ^ Le modalità dell'attacco di Via Rasella
  41. ^ Oltre a Bentivegna: Franco Calamandrei all'angolo di via del Boccaccio, Carlo Salinari nei pressi del Traforo, poco distante Silvio Serra; in Via Rasella: Carla Capponi, Raul Falcioni, Fernando Vitagliano, Pasquale Balsamo, Francesco Curreli, Guglielmo Blasi, Mario Fiorentini e Marisa Musu. Non parteciparono Lucia Ottobrini, malata, e Maria Teresa Regard, perché contraria alla scelta del luogo dell'attentato.
  42. ^ Parla Mario Fiorentini
  43. ^ Alessandro Portelli, L'ordine è già stato eseguito, Donzelli editore, Roma, 2005, p. 13.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Giorgio Amendola, Lettere a Milano. Ricordi e documenti 1939-1945, Roma, Editori Riuniti, 1973.
  • A. Baldinotti, Il Fronte Militare Clandestino di Montezemolo, in Roma alla macchia. Personaggi e vicende della Resistenza, Avagliano Editore, Napoli, 1996
  • Rosario Bentivegna. Achtung Banditen! Prima e dopo via Rasella. Mursia, 2004. ISBN 978-88-425-3218-7.
  • Rosario Bentivegna. Via Rasella. La storia mistificata. Carteggio con Bruno Vespa. Roma, Manifestolibri, 2006. ISBN 978-88-7285-447-1.
  • Rosario Bentivegna, Cesare De Simone, Operazione via Rasella. Verità e menzogne, Roma, Editori Riuniti, 1996, ISBN 88-359-4171-7.
  • Enzo Biagi, Uno per ventidue. Salvo D'Acquisto, Cartedit, 2000.
  • Carla Capponi, Con cuore di donna. Il Ventennio, la Resistenza a Roma, via Rasella: i ricordi di una protagonista, Milano, Il Saggiatore, 2009 [2000], ISBN 88-565-0124-4.
  • Giuseppe Castellano, Roma kaputt, Casini, 1967
  • Ascanio Celestini. Storie di uno scemo di guerra. Torino, Einaudi, 2005. ISBN 978-88-06-17089-9
  • Gloria Chilanti Bandiera rossa e borsa nera La Resistenza di una adolescente, Mursia
  • Coen, Fausto. 16 ottobre 1943 : la grande razzia degli ebrei di Roma. Firenze, Giuntina, 1993. ISBN 88-85943-85-3.
  • Silverio Corvisieri, Bandiera Rossa nella resistenza romana, Odradek Edizioni
  • Silverio Corvisieri, Il re Togliatti e il gobbo. 1944: la prima trama eversiva, Roma, Odradek, 1998, ISBN 978-88-86973-05-2.
  • Costanzo, E. "Sicilia 1943. Breve storia dello sbarco alleato", Le Nove Muse Editrice, 2003
  • Costanzo, E. "Mafia & Alleati. Servizi segreti americani e sbarco in Sicilia. Da Lucky Luciano ai sindaci uomini d'onore", Le Nove Muse, 2006
  • Antonio D'Assergio, Memoria sulla difesa di Roma, Penne, 1963
  • Walter De Cesaris. La borgata ribelle. Il rastrellamento nazista del Quadraro e la Resistenza popolare a Roma. Roma, Odradek, 2004. ISBN 978-88-86973-56-4.
  • D'Este, C. 1943. Lo sbarco in Sicilia. Milano, Mondadori 1990. ISBN 978-88-04-33046-2
  • Debenedetti, Giacomo. 16 ottobre 1943. Prefazione di Natalia Ginzburg. Torino, Einaudi, 2005. ISBN 978-88-06-17309-8.
  • Renzo De Felice, Mussolini l'alleato. II. La guerra civile 1943-1945, Torino, Einaudi, 1997, ISBN 88-06-11806-4.
  • De Simone, Cesare. Venti angeli sopra Roma. I bombardamenti aerei sulla Città Eterna (19 luglio 1943 e 13 agosto 1943). Milano, Mursia Editore, 1993.
  • Giovanni Di Capua, Il biennio cruciale (luglio 1943-giugno 1945): l'Italia di Charles Poletti, Rubbettino Editore srl, 2005 ISBN 88-498-1202-7.
  • Eugen Dollmann, Roma nazista 1937-1943. Un protagonista della storia racconta, Trad. Zingarelli Italo , Editore: Rizzoli, Collana: Superbur , 2002
  • Claudio Fracassi, La battaglia di Roma. 1943. I giorni della passione sotto l'occupazione nazista, Milano, Mursia, 2013, ISBN 978-88-425-5269-7.
  • Gentiloni Silveri, Umberto e Carli, Maddalena. Bombardare Roma. Gli Alleati e la «Città aperta» (1940-1944). Bologna, Il Mulino, 2007. ISBN 978-88-15-11546-1.
  • Alberto Giovannetti, Roma città aperta, Libreria Vaticana, 1962
  • R. Gremmo, I partigiani di Bandiera Rossa, Biella, Edizioni ELF, 1996
  • Massimiliano Griner - La "banda Koch". Il reparto speciale di polizia 1943-44. - Torino - Bollati Boringhieri, 2000 - [1] con foto di Koch
  • Robert Katz, Roma città aperta: settembre 1943-giugno 1944, Il saggiatore, Milano 2003
  • Robert Katz. Morte a Roma. Il massacro delle Fosse Ardeatine. Net/Il Saggiatore, 2004. ISBN 978-88-515-2153-0.
  • Albert Kesselring. Soldato fino all'ultimo giorno. Gorizia, LEG, 2007
  • Gabrio Lombardi, Montezemolo e il Fronte Militare Clandestino di Roma, Edizioni del lavoro, Roma, 1947
  • Diego Meldi, La Repubblica di Salò, Santarcangelo di Romagna, Casini Editore, 2008 ISBN 978-88-6410-001-2
  • Paolo Monelli, Roma 1943, Torino, Einaudi, 1993 [1945], ISBN 88-06-13377-2.
  • Gianni Oliva - L'ombra nera , Le stragi nazifasciste che non ricordiamo più.- Milano -2007- Arnoldo Mondadori Editore- pag.155
  • Amedeo Osti Guerrazzi. Caino a Roma. I complici romani della Shoah. Cooper, 2004
  • Arrigo Petacco, La seconda guerra mondiale, 6 voll. Armando Curcio Editore, Roma, 1979
  • Enzo Piscitelli, Storia della resistenza romana, Laterza, 1965
  • Alfredo Pizzoni, Alla guida del CLNAI, Bologna, Il Mulino, 1995, ISBN 978-88-15-04837-0.
  • Rita Pomponio, Salvo D'Acquisto. Il martire in divisa, Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 2008, ISBN 978-88-215-6187-0.
  • Alessandro Portelli, L'ordine è già stato eseguito. Roma, le Fosse Ardeatine, la memoria, Roma, Donzelli Editore, 1999, ISBN 88-7989-457-9. URL consultato il 21 marzo 2009. Riedizione: Milano, Feltrinelli Editore, 2012, ISBN 978-88-07-723421.
  • Gabriele Ranzato, Roma, in Enzo Collotti, Renato Sandri e Frediano Sessi (a cura di), Dizionario della Resistenza, vol. I: Storia e geografia della Liberazione, Torino, Einaudi, 2000, pp. 412-23, ISBN 88-06-14689-0.
  • Mario Roatta, Memoria sulla difesa di Roma, relazione all'Ufficio Operazioni dello Stato Maggiore Esercito, Brindisi, 18 gennaio 1944
  • Alfredo Sanzi, Il generale Carboni e la difesa di Roma visti ad occhio nudo, Vogliotti, 1946
  • Fabio Simonetti, Via Tasso: Quartier generale e carcere tedesco durante l’occupazione di Roma, Odradek, Roma, 2016.
  • Gerald Steinacher, Roma, Marzo 1944: il Polizeiregiment Bozen e l'attentato di Via Rasella, in: Carlo Romeo, Piero Agostini (a cura di), Trentino e Alto Adige, Province del Reich, Trento 2002, pag. 283-288.