Special Activities Division

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Special Activities Division
Fulton system1.jpg
La Special Activities Division (SAD)[1] è una divisione del National Clandestine Service (CIA) preposta alle covert operations e alle black operations[2] oltre che ad altre "attività speciali" che comprendono azioni politiche occulte e operazioni speciali[3] paramilitari.[4]

Nella SAD coesistono due distinti gruppi, uno per le operazioni paramilitari e un altro per quelle politiche.[5] Pertanto, il Political Action Group si occupa delle azioni clandestine collegate all'influenza politica, guerra psicologica e guerra economica.[6] Analogamente, lo Special Operations Group (SOG) è incaricato delle operazioni paramilitari. Esse annoverano la raccolta di intelligence in paesi e zone ostili, e tutte le operazioni militari o di intelligence, concernenti gravi minacce alla sicurezza nazionale, con cui il governo degli Stati Uniti non desidera essere palesemente associato.[7]

La Special Activities Division è una divisione della CIA all'interno del Directorate of Operations (DO) responsabile delle operazioni segrete sotto copertura, conosciute come "attività speciali". All'interno SAD ci sono due gruppi distinti, SAD/SOG per le operazioni paramilitari tattiche e SAD/PAG per l'azione politica segreta. La Divisione Attività Speciali risponde direttamente al direttore generale responsabile del Directorate of Operations (DO).

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Nell'immagine, degli anni 1950, è mostrato un aereo Lockheed MC-130 "Combat Talon I" impegnato in una missione di recupero clandestina di un agente segreto mediante il cosiddetto "metodo Fulton". (Si veda: "Robert Fultons Skyhook and Operation Coldfeet".)
  2. ^ NPR, May 26, 2009
  3. ^ List of US Special Operations Forces Archiviato il 10 novembre 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Paramilitary News Archiviato il 1º marzo 2009 in Internet Archive.
  5. ^ Daugherty (2004)
  6. ^ Economic Warfare: Risks and Responses by Kevin D. Freeman
  7. ^ Tod Robberson, CIA commandos remain covert, in Dallas Morning News, 27 ottobre 2002.