Strobilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la forma di riproduzione asessuata per segmentazione trasversale del corpo, vedi Strobilazione.
Strobilo di Pinus nigra
Strobilo di Dioon edule

Lo stròbilo[1], volgarmente chiamato cono[2] o pigna[2], è una struttura vegetale formata da brattee legnose nelle quali alloggiano i semi delle Gimnosperme. In questo antico gruppo di piante non si può parlare ancora di frutti, che appaiono solo nelle Angiosperme (divisione Magnoliophyta). Gli strobili sono le strutture che producono gli elementi delle serie maschile e femminile, e possono essere presenti sulla stessa pianta (specie monoica) o su piante diverse (specie dioica).

I coni o strobili maschili sono formati da foglie pollinifere (squame) dette microsporofilli, disposti ad elica o in verticilli su un asse centrale. All'ascella di ogni microsporofillo sono portati i microsporangi (o sacche polliniche) in cui per meiosi, a partire da cellule madri (2n), si formano le microspore o granuli pollinici (n).

I coni o strobili femminili sono costituiti da foglie fertili dette macrosporofilli inserite ad elica su un asse centrale. I coni femminili sono portati in genere in posizione ascellare e sono formati da un numero ridotto di macrosporofilli. Ciascun macrosporofillo porta all'ascella uno o più ovuli, che costituiscono il macrosporangio o sporangio femminile.

Possono essere distinti differenti tipi di strobilo:

  • semplice, come il cono delle conifere;
  • galbulo carnoso, pseudobacca di colore brunastro; squamosa e pruinosa, è composta da 4 squame carnose saldate tra loro contenenti da 1 a 3 semi angolosi ricchi di un olio essenziale aromatico (es. Juniperus);
  • galbulo legnoso, piccole palline di colore verde chiaro e squamate da giovani, che dopo una maturazione lunga due anni cambiano colore diventando marroni, lignificano e si aprono lungo le fenditure delle squame per far cadere i semi alati (es. Cupressus sempervirens);
  • arillo, pseudobacca di colore acceso che circonda il seme (es. Taxus baccata).

Simbologiamodifica | modifica wikitesto

La pigna possiede una lunga tradizione iconografica e simbolica risalente alle civiltà più antiche del mondo. I suoi significati sono molteplici a seconda della cultura, ma anche della posizione in cui viene posta su edifici e monumenti. Il significato della pigna è spesso legato all’immortalità e all’eternità, dovute soprattutto alla sua associazione con l’albero della vita. Questo specifico significato simbolico è proposto soprattutto nell’arte figurativa cristiana. La pigna rappresenta anche la fertilità e l’abbondanza, essendo colma di semi, i pinoli. Secondo alcune culture la pigna è associata alla ghiandola pineale del cervello, sede dell’anima, a causa della sua forma ovoidale. La pigna è importante simbolo di città italiane come ad esempio Ravenna. Nella città l’elemento pigna è diffuso su molti importanti edifici: Mausoleo di Galla Placidia, Tomba di Dante, Sant’Apollinare Nuovo, Municipio, Mercato Coperto.

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Strobilo, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b Strobilo, in Treccani.it – Sinonimi e contrari, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica