Teoria energetico-pulsionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Teoria Energetico-pulsionale)
Jump to navigation Jump to search

In psicoanalisi, la teoria energetico-pulsionale rappresenta la teorizzazione che Sigmund Freud elaborò per spiegare le origini, lo sviluppo e il funzionamento della mente umana. Può essere anche identificata con quella specifica parte che Freud chiamò metapsicologia. Freud escogitò questa teorizzazione dapprima per spiegare la sessualità (pulsione), e poi la estese a tutto il funzionamento psichico.

Nelle sue opere tardive Freud denominò questa sua teoria "la strega", per indicare una sua pur ambigua ubiquitarietà nella spiegazione dei processi psichici.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • S. Freud (1905). Tre saggi sulla teoria sessuale, in Opere, IV, Bollati Boringhieri, Torino.
  • S. Freud (1920). Al di là del principio di piacere, in Opere, IX, Bollati Boringhieri, Torino.
  • S. Freud (1938). Compendio di Psicoanalisi, in Opere, XI, Bollati Boringhieri, Torino.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

  Portale Psicologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Psicologia