Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Kobe Bryant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kobe Bryant
Kobe Bryant 8.jpg
Kobe Bryant con il numero 8 indossato nella prima parte della sua carriera.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 96 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Ritirato 1º luglio 2016
Carriera
Giovanili
1994-1996Lower Merion High School
Squadre di club
1996-2016L.A. Lakers1346 (33.643)
Nazionale
2007-2012Stati Uniti Stati Uniti37 (504)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Pechino 2008
Oro Londra 2012
Transparent.png Campionati Americani
Oro Stati Uniti 2007
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Kobe Bean Bryant (Filadelfia, 23 agosto 1978) è un ex cestista statunitense.

Ha giocato prevalentemente nel ruolo di guardia tiratrice ed è considerato tra i migliori giocatori della storia dell'NBA.[1][2][3] Suo padre è l'ex cestista Joe Bryant, mentre sua madre Pamela Cox è sorella dell'ex cestista Chubby Cox ritiratosi nel 1983.[4] Ha due sorelle più grandi, Sharia e Shaya,[4] mentre suo cugino John Cox è anch'egli cestista.[5] Bryant è cresciuto cestisticamente in Italia,[6] dove ha imparato i fondamentali europei,[7] e ha militato per tutta la sua carriera NBA nei Los Angeles Lakers,[8] squadra con cui ha conquistato 5 titoli.[9] Bryant è stato il primo giocatore NBA a militare nella stessa squadra per 20 anni.[8] Con la Nazionale statunitense ha partecipato ai FIBA Americas Championship 2007 e ai giochi olimpici di Pechino 2008 e di Londra 2012, vincendo la medaglia d'oro in tutte e tre le manifestazioni.[9]

Il 4 marzo 2018 ha vinto il Premio Oscar insieme al regista e animatore Glen Keane, nella categoria miglior cortometraggio d'animazione per Dear Basketball, che ha sceneggiato ispirandosi alla sua lettera di addio al basket.[10]

Rientra tra gli sportivi più conosciuti al mondo[11][12][13] e la sua carriera è ritenuta una delle migliori nella storia dello sport professionistico.[14]

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica wikitesto

Kobe Bryant è terzo tra i migliori marcatori nella storia dell'NBA, alle spalle di Kareem Abdul-Jabbar e Karl Malone, con 33.643 punti.[15] È quarto, invece, per quanto riguarda i punti realizzati nei playoffs, con 5.640 (dietro a LeBron James, Michael Jordan e Kareem Abdul-Jabbar).[16]

Ha giocato solitamente come guardia tiratrice, ma all'occorrenza ha ricoperto i ruoli di playmaker e ala piccola.[17] Dal 1999 al 2013 è stato sempre incluso in almeno uno dei tre quintetti dell'All-NBA Team, mentre dal 1998 fino al ritiro ha sempre partecipato all'NBA All-Star Game. Eccellente difensore (dote talvolta messa in secondo piano dall'altrettanto spiccata abilità offensiva),[18] in 12 occasioni ha fatto parte di uno dei due NBA All-Defensive Team,[9][19] secondo (a pari merito con Kevin Garnett) per volte in cui è stato inserito negli All-Defensive Team dietro a Tim Duncan.[20] Si è distinto anche per la grande personalità, carisma e mentalità vincente con cui si approcciava alle partite.[21][22][23]

Ha una media di 25 punti a partita, da aggiungere a uno score di 4,7 assist, 5,3 rimbalzi e un totale di oltre 1.800 palle rubate.[24][25] Era bravo anche nei clutch-time[26] e a segnare i tiri contestati.[21][27] È stato anche un abile tiratore da tre punti: ha detenuto per anni il record NBA di triple realizzate in una sola partita, 12, prima solo, poi a pari merito con Donyell Marshall e infine con Stephen Curry,[28] che lo ha poi superato il 7 novembre 2016, realizzandone 13.[29] Il record verrà poi battuto da Klay Thompson il 29 ottobre 2018, con 14 triple.[30] Si è ispirato molto a Michael Jordan sia nello stile di gioco che nella mentalità, tanto che lo stesso Jordan si è complimentato con lui per la sua carriera oltre a sostenere di "avere rivisto in Bryant molto di sè stesso".[31]

Per via della sua mentalità e professionalità è stato d'ispirazione per molti cestisti: giocatori come Kevin Durant,[32] Dwyane Wade[33] e Derrick Rose hanno definito Bryant il Michael Jordan della loro generazione.[34] Anche LeBron James ha ammesso di essersi ispirato a lui sostenendo di volere essere come lui a inizio carriera.[35][36] Joel Embiid invece ha dichiarato che per il rientro dal suo lungo infortunio Bryant è stato un modello da seguire.[37] Bryant è stato d'ispirazione anche per tanti altri sportivi tra cui Roger Federer, Neymar e Serena Williams.[36][38][39]

Carrieramodifica | modifica wikitesto

Dall'Italia alla high schoolmodifica | modifica wikitesto

Bryant iniziò a giocare a basket sin dai 3 anni e visse in Italia dai 6 fino ai 13 anni di età,[4] spostandosi nelle varie città dei club per i quali giocava il padre.[40] Tra il 1984 e il 1991 passò da Rieti a Reggio Calabria, per proseguire a Pistoia e infine a Reggio Emilia.[4]

Tornato negli USA si iscrisse all'high school, dove guadagnò fama a livello nazionale vincendo il titolo statale con la Lower Merion High School, situata in un sobborgo di Filadelfia, infrangendo al contempo il record di punti nel quadriennio liceale per la zona di Philadelphia detenuto da Wilt Chamberlain, realizzandone 2.883.[41]

NBAmodifica | modifica wikitesto

Tredicesima scelta al Draft 1996modifica | modifica wikitesto

La maglia indossata da Bryant all'High School (Lower Merion) che è stata ritirata

Nel 1996, non ancora diciottenne, decise di fare il grande salto tra i professionisti e si dichiarò eleggibile per il Draft NBA senza passare per il college,[41][42] nonostante vi fossero state offerte per lui da parte di prestigiose università come Kentucky e Duke.[43]

Venne scelto dagli Charlotte Hornets al primo giro come numero 13 assoluto; subito dopo, però, gli Hornets cedettero ai Los Angeles Lakers i diritti su Bryant in cambio del ventottenne centro Vlade Divac, che dopo sette stagioni lasciò i gialloviola.[44] I californiani avevano appena messo sotto contratto il centro più forte sul mercato, Shaquille O'Neal, e non avevano più bisogno di Divac.[44] I Lakers, prima di orchestrare lo scambio, organizzarono un provino per testare le qualità del giovane Bryant (che tra l'altro sperava di essere scelto proprio dai Lakers) e ne furono conquistati.[45][46] Lo scambio fu architettato da Jerry West che convinse Divac ad andare a Charlotte nonostante lui non volesse venire scambiato per un giocatore che veniva dal college, minacciando addirittura di ritirarsi.[44][47]

Le prime stagioni (1996-1999)modifica | modifica wikitesto

Debuttò tra i professionisti il 13 novembre 1996 in una sfida contro i Minnesota Timberwolves,[48] senza segnare punti.[49] All'epoca era il debuttante più giovane nella storia dell'NBA a 18 anni e 72 giorni.[50] Durante la prima stagione a Los Angeles Bryant partì come riserva di Eddie Jones e di Nick Van Exel; in febbraio vinse lo Slam Dunk Contest precedendo Chris Carr e Michael Finley.[51] Il proprio minutaggio fu limitato a inizio stagione, ma aumentò nel corso di essa arrivando a tenere di media 15,5 minuti e 7,6 punti a partita.[52] Nei playoffs Bryant mostrò di essere ancora acerbo: nella partita decisiva della serie contro gli Utah Jazz (persa 4-1) tirò corto tre volte, e il compagno di squadra Nick Van Exel criticò la scelta del coach Del Harris di aver fatto gestire all'inesperto Bryant i possessi palla decisivi.[51] Diversa fu la reazione del suo compagno di squadra Shaquille O'Neal che prese le sue difese sostenendo che lui "sia stato l'unico che ha avuto il coraggio di prendersi quei tiri".[53] Comunque le sue prestazioni gli valsero l'ingresso nell'All-Rookie Second Team, diventando il più giovane della storia a esserci entrato.[54]

Le critiche dovute ai tiri sbagliati contro i Jazz fortificarono Bryant che nella stagione successiva giocò di più e meglio, partendo col piede giusto segnando 23 punti contro gli Utah Jazz (contro cui un anno prima sbagliò i tiri decisivi) facendo vincere i Lakers per 104-87.[52] Il 14 dicembre 1997 segnò il primo 30ello della sua carriera nel successo per 119-89 contro i Dallas Mavericks.[52] Solo 3 giorni più tardi segnò 33 punti nella sconfitta per 104-83 contro i Chicago Bulls di Michael Jordan che ne segnò 36.[55] A fine anno raddoppiò la sua media, che salì a 15,4 punti a partita.[24] Allo stesso tempo cominciò a mostrare le sue qualità: il voto dei tifosi lo inserì nel quintetto base per l'All-Star Game di New York (record come più giovane titolare nella storia della rassegna),[56] mentre al termine dell'annata arrivò secondo nelle votazioni come miglior 6° uomo dell'anno dietro a Danny Manning.[57] I Lakers si presentarono meglio ai playoffs con un record di 61-21, ed eliminarono Portland (4-0) e Seattle (4-1), arrivando sino alla finale di Conference dove vennero nuovamente sconfitti da Utah per 4-0.[52]

L'anno seguente, a causa delle cessioni di Van Exel e Jones,[58] il 20enne Bryant diventò la guardia titolare. Kurt Rambis, ex giocatore dei Lakers, sostituì il licenziato coach Del Harris.[52] Al termine del lungo lockout che posticipò l'inizio della stagione al 5 febbraio,[52] il 31 gennaio Bryant rinnovò il suo contratto per 6 anni a 71 milioni di dollari complessivi.[59] Nonostante la squadra avesse faticato durante l'anno, Bryant disputò una buona annata, e il club nei playoffs eliminò al primo turno gli Houston Rockets, con Bryant che nella definitiva gara-4 mise a referto 24 punti e 8 assist in 47 minuti d'impiego con la squadra che vinse 98-88 chiudendo la serie.[52] Il cammino della franchigia terminò al turno successivo nelle semifinali di Conference, dove venne eliminata dai San Antonio Spurs futuri campioni.[52] A fine anno venne incluso per la prima volta nell'All-NBA Team (precisamente nel terzo).[60]

Gli anni delle Finals (1999-2004)modifica | modifica wikitesto

Bryant a inizio carriera

Nell'estate 1999 Rambis fu degradato a vice-allenatore e come nuovo coach arrivò Phil Jackson, già 6 volte campione NBA con i Chicago Bulls.[61] Nonostante Jackson avesse pensato di tradarlo a Detroit in cambio di Grant Hill,[62][63] Bryant rimase in squadra e subito i Lakers vinsero il titolo nel 2000, dopo avere eliminato in ordine Sacramento Kings, Phoenix Suns e Portland Trail Blazers, contro gli Indiana Pacers.[64] Contro i Pacers i gialloviola vinsero in 6 gare, Bryant diede il suo contributo tenendo di media 15,6 punti,[65] e in gara-2 subì un infortunio alla caviglia;[66] non disputò gara-3, ma giocò in gara-4 seppur dolorante e contribuì alla vittoria della squadra per 120-118 con 28 marcature.[66][67] Venne anche inserito per la prima volta nell'All-Defensive Team (divenendo il più giovane a farne parte).[9]

Nel 2000-2001 Kobe si prese maggiori responsabilità iniziando a superare Shaquille O'Neal nelle gerarchie della squadra;[66] O'Neal non gradì e tra dicembre e gennaio si susseguirono voci che accostarono i due giocatori ad altre franchigie.[66] Dopo l'All-Star Game (in cui Bryant è stato il miglior finalizzatore dell'ovest)[68] i due si riappacificarono,[66] ma vi fu un altro problema per Bryant: in marzo venne riportata sul Chicago Sun-Times da Rick Telander un'indiscrezione su una presunta frase di Jackson, secondo il quale Bryant non si integrava col suo modo di giocare.[69] Oltre a questo i Lakers si piazzarono 2º a ovest, arrivando ai playoffs tra le perplessità,[70] che vennero spazzate in post-season in cui i lacustri vinsero tutte le 15 partite della Western Conference (3 contro i Trail Blazers, 4 contro i Kings e gli Spurs, e contro quest'ultimi fu protagonista di una prestazione da 36 punti, 9 assist e 8 rimbalzi in gara-3),[71][72] per raggiungere la finale dove incontrarono i Philadelphia 76ers dell'MVP della regular season Allen Iverson, che vinse il premio nonostante Bryant avesse disputato un'ottima stagione da 28,5 punti e 5 assist di media.[73] In finale Bryant vinse nuovamente l'anello in 5 gare.[71]

L'anno successivo Bryant vinse per la prima volta l'MVP dell'ASG, in cui segnò 31 punti.[74] In stagione totalizzò 25,2 punti e 5,5 rimbalzi e 5,5 assist.[24] I gialloviola nei playoffs, dopo avere eliminato agevolmente i Trail Blazers e gli Spurs (con Bryant che tenne 27 punti di media nelle 5 gare della serie, e che in gara-4 ne segnò 28 di cui 7 con la squadra sotto per 80-81), in finale di Conference riaffrontarono i Sacramento Kings dell'ex Vlade Divac e Chris Webber.[75] Questa volta la serie fu combattuta e, dopo un 30ello di Bryant nella vittoriosa gara-1, in gara-2 Bryant giocò male anche per via di un'intossicazione alimentare e i Kings vinsero;[75] Sacramento vinse anche gara-3, mentre in gara-4 i Lakers vinsero pareggiando la serie con 25 punti di Bryant[76] e un tiro allo scadere di Robert Horry.[75] La serie si protrasse fino a gara-7, con i Lakers che passarono il turno grazie anche a Bryant che realizzò 30 e 31 punti nelle ultime due gare della serie.[77][78] La finale si rivelò facile in quanto i gialloviola batterono i New Jersey Nets di Jason Kidd,[79] e questo fu il terzo three-peat per Jackson, dopo i due con i Chicago Bulls.[80]

Nel 2002-2003 Bryant disputò un grande mese di febbraio in cui tenne di media 40,6 punti in 14 partite,[81] con una striscia di 13 partite consecutive con 35 o più punti segnati,[82] oltre ad aver partecipato all'All-Star Game dove ne segnò 22.[83] Terminò la stagione (per la prima volta) a 30 punti di media,[84] superando anche O'Neal nella statistica del WS,[84][85] ma nei playoffs i gialloviola non riuscirono a ripetersi in quanto vennero sconfitti dai San Antonio Spurs al secondo turno.[86]

Dopo la sconfitta coi neroargento i Lakers decisero di rinforzarsi prendendo due fuoriclasse come Karl Malone e Gary Payton, giocatori storici della NBA entrati nella fase calante della carriera che si inserirono in un team già costruito per vincere l'anello, che non erano riusciti a vincere.[87]

Il soprannome "Black Mamba"

A seguito delle accuse di stupro ricevute nel 2003 Bryant decise di adottare il soprannome Black Mamba.

Bryant si autoattribuì questo soprannome dopo avere visto Kill Bill: Volume 2, pellicola in cui è presente il mamba nero (in inglese Black Mamba) e in cui vengono descritte le sue caratteristiche.

Dopo avere visto il film si documentò su questo serpente sostenendo che il suo modo di giocare e di agire sia simile a quello di adottato dall'animale menzionato nel film di Quentin Tarantino.[88]

I loro arrivi coincisero con lo scandalo che riguardò Bryant circa l'ipotesi di stupro e questo rovinò del tutto i rapporti con O'Neal, da sempre burrascosi,[89] e Bryant gettò benzina sul fuoco con delle frasi con cui chiamò in causa O'Neal.[19][90][91] Ad ogni modo, agli occhi di molti osservatori i rapporti fra i due peggiorarono negli anni anche a causa della crescita di Bryant come giocatore, a cui faceva da contraltare la fine della fase di assoluto dominio di O'Neal, con quest'ultimo accettava sempre meno l'ipotesi di dover lasciare la scena e diventare il "secondo" della coppia, permettendo a Bryant di prendere in mano la squadra nei momenti decisivi e garantendo, probabilmente, il prolungamento di una dinastia vincente a LA.[92] Kobe si presentò visibilmente scosso per quanto avvenuto in estate,[90] ma ciò non gli impedì di tenere (seppur con prestazioni incostanti) delle buone medie[93] e di entrare nell'All-NBA First Team e nell'All-NBA First Defensive Team.[94] Dopo avere regolato al primo turno gli Houston Rockets in 5 gare,[93] nelle semifinali i lacustri reincontrano gli Spurs; Bryant fu decisivo con 42 punti segnati in gara-4 dopo essere tornato da un'udienza.[95] La serie si chiuse per merito dello storico compagno Derek Fisher con un tiro a 0,4 secondi dalla fine di gara-6.[96] Dopo avere eliminato in 6 gare i Minnesota Timberwolves in finale di conference,[93] i gialloviola tornarono in finale NBA dove affrontarono i Detroit Pistons; in finale Bryant ebbe molte difficoltà, segnando 33 punti nell'unico successo del team in gara-2,[93] ma soffrì molto l'arcigna difesa di Tayshaun Prince e Rip Hamilton (seppur tenendo di media 22,6 punti), e la squadra perse così l'anello in 5 gare.[94] A seguito di questa sconfitta, Bryant decise di testare la free agency, ma il 15 luglio 2004 siglò un rinnovo con i Lakers per sette anni, per la cifra di 136,6 milioni di dollari.[97] Contestualmente, venuto a conoscenza del fatto che il proprietario dei lacustri Jerry Buss era intenzionato a tenere Bryant, O'Neal chiese di essere ceduto, ponendo fine di fatto ad una squadra che aveva dominato l'inizio del millennio.[98] Va notato che O'Neal vinse poi un titolo a Miami con gli Heat nel 2006, dove fece coppia con il nuovo astro nascente Dwyane Wade, a cui O'Neal non fece nessuna fatica a cedere la leadership del team, e fu proprio Wade ad essere meritatamente nominato MVP di quelle finali.[99] All'addio di Shaq, si accompagnarono quelli di coach Jackson (che nell'estate 2004 pubblicò un libro dove definì Bryant "inallenabile"),[100] Payton (che vinse poi l'anello a Miami con Shaq),[99] Malone e di alcuni giocatori del nucleo storico dei Lakers come Derek Fisher e Rick Fox facendo ripartire tutto da Bryant,[93] che rimase nonostante vi fosse la possibilità per lui di trasferirsi ai Clippers e ai Bulls.[97][101]

Gli anni d'attesa (2004-2007)modifica | modifica wikitesto

Dopo una dura stagione 2004-2005 sotto coach Rudy Tomjanovich e Frank Hamblen in cui i Lakers non arrivarono ai playoffs (nonostante Bryant avesse tenuto di media 27,6 punti),[93] Phil Jackson, nonostante le sue dure critiche a Bryant di un anno prima, tornò ad allenare i losangelini, che oltre a Bryant avevano poche sicurezze nel roster (sostanzialmente, quel che rimane della contropartita per la cessione di O'Neal, ovvero Lamar Odom).[100][102] Il 20 dicembre 2005, segnò 62 punti in tre quarti di gioco contro i Dallas Mavericks, di cui 30 nel solo terzo quarto.[103] Al momento di andare in panchina, senza più rientrare per l'ultimo quarto di gioco, Bryant aveva segnato appunto 62 punti contro i 61 dell'intera compagine avversaria, cosa mai accaduta in precedenza dopo tre quarti di gioco.[104]

Bryant in riscaldamento nel 2007

Il 22 gennaio 2006 stabilì il secondo miglior punteggio di tutti i tempi in una singola partita nella storia NBA, segnando 81 punti contro i Toronto Raptors, guidando i Lakers alla vittoria per 122-104. Significativo il fatto che i Lakers stessero perdendo di 18 punti nel terzo quarto: ciò valorizza ancor di più la prestazione di Bryant, ottenuta per far vincere la propria squadra; Bryant fece 21/33 da due punti, 7/13 da tre e 18/20 ai tiri liberi, ai quali vanno aggiunti 6 rimbalzi, 2 assist, 3 palle recuperate e 1 stoppata, 14 punti nel primo quarto, 12 nel secondo e due realizzazioni di 27 e 28 punti nei due quarti finali.[105] La sua prestazione è seconda solo ai 100 punti messi a segno da Wilt Chamberlain il 2 marzo 1962 con i Philadelphia Warriors contro i New York Knicks.[105] Fu anche grazie a questa prestazione che tenne di media nel mese 43,4 punti a gara, migliore nella storia per un giocatore dei Lakers.[9] Chiuse la stagione con la massima media[24] della sua carriera di 35,4 punti a partita, risultando essere il migliore marcatore della lega portando i Lakers ai playoffs da settimi,[106] rientrando nella top 10 per punti a partita segnati in una stagione, secondo solo a Michael Jordan, Elgin Baylor e a Wilt Chamberlain,[107] e fu il settimo giocatore in assoluto per marcature in una stagione (2.832).[108] A fine stagione, nonostante i gialloviola si piazzarono settimi a ovest, Bryant arrivò quarto nelle votazioni per l'MVP della stagione regolare, vinto da Steve Nash.[109] Fu proprio contro i Suns di Nash che i gialloviola si scontrarono ai playoffs;[110] Bryant disputò una grande serie segnando il tiro decisivo a 2 centesimi di secondo dalla fine della partita in gara-4, mentre in gara-6 segnò 50 delle 118 marcature dei gialloviola.[106] Tuttavia la sua prestazione fu vanificata in quanto i Suns di punti ne segnarono 126 portando la serie sul 3-3, e nella decisiva gara-7 non bastarono 24 realizzazioni di Bryant in quanto i Suns vinsero con un netto 121-90 eliminando i californiani.[110]

Nel luglio 2006 venne operato a un ginocchio, pertanto fu costretto a saltare i mondiali di pallacanestro che si tennero in Giappone tra agosto e settembre.[111] Il 22 marzo 2007 diventò il quarto giocatore nella storia a segnare almeno 50 punti in 3 partite consecutive (con Wilt Chamberlain, Michael Jordan ed Elgin Baylor), il primo a riuscirci dal 1987, quando ci riuscì Jordan.[112] Superò anche questo record due giorni dopo, segnando altri 50 punti che lo portarono a essere il secondo giocatore NBA dopo Wilt a fare un poker over 50 (65-50-60-50, in ordine contro Trail Blazers, Timberwolves, Grizzlies e New Orleans Hornets).[106][112] La partita successiva segnò 43 punti.[112] Le sue prestazioni fra l'altro valsero un record vittorie-sconfitte di 4-0 alla squadra (dopo un periodo molto negativo per la squadra con una serie di 6 sconfitte consecutive).[112] Tuttavia in stagione si rese protagonista di brutti episodi che lo portarono a più squalifiche: il 28 gennaio 2007 tirò una gomitata a Manu Ginóbili, reo di averlo stoppato e venne sospeso per una partita.[113] In marzo invece fu protagonista di 2 episodi simili in cui le vittime furono Marko Jarić e Kyle Korver, venendo sospeso in entrambi i casi per una partita.[114][115] La mancata acquisizione di Jason Kidd per non privarsi del giovane ma acerbo centro Andrew Bynum fece montare Bryant su tutte le furie,[116] tanto che nel marzo 2007 Bryant richiese nuovamente la cessione.[117] In più Bryant non aveva un buon rapporto con Bynum, visto che lui spinse per mandarlo via.[19] A fine stagione fu nuovamente il miglior realizzatore della lega con 31,6 punti portando i Lakers ai playoffs ancora da settimi;[106][118] ma in post-season i californiani reincontrarono i Suns, e questa volta, nonostante i 32,8 punti di media di Bryant, uscirono a gara-5.[106][119]

Il ritorno alle Finals, gli ultimi due titoli e il declino della squadra (2007-2013)modifica | modifica wikitesto

Bryant con il nuovo numero 24

Nella stagione 2007-2008, nonostante i suoi malumori e le voci di trade con i Minnesota Timberwolves (da cui i Lakers volevano prendere Kevin Garnett in cambio, ma non si concretizzò in quanto Garnett andò ai Boston Celtics durante il Draft 2007)[106] e i Chicago Bulls (che avrebbero ceduto Luol Deng per avere il Mamba in novembre),[120] Bryant rimase e, oltre ad avere cambiato numero (da 8 a 24),[84] fu tra gli artefici della bella stagione della squadra, vincendo il premio di MVP della regular season, riuscendoci dopo 12 anni di carriera NBA tenendo di media 28,3 punti.[106] I Lakers, grazie anche all'innesto di Pau Gasol arrivato nel febbraio 2008,[106] tornarono alle finali per la prima volta dalla sconfitta del 2004, ma vennero sconfitti dai Boston Celtics 4-2.[121]

La stagione 2008-09 confermò i Lakers come una delle migliori squadre, e nella regular season ottennero il 2° record assoluto una partita solamente dietro i Cleveland Cavaliers.[122] La stagione partì molto bene sia per lui che per la squadra che vinse 17 delle prime 19 partite,[123] in cui tenne 24,7 punti di media.[24] Il 2 febbraio 2009 realizzò una prestazione da incorniciare al Madison Square Garden contro i New York Knicks mettendo a referto 61 punti che rappresentarono il record nella lunga storia dello stadio della Grande Mela,[124] prima che Carmelo Anthony ne realizzasse 62 proprio con i Knicks il 25 gennaio 2014;[125] il precedente record di punti apparteneva a Bernard King che il giorno di Natale dell'84 ne totalizzò 60.[126] Diventò anche co-MVP dell'ASG 2009 a pari merito con l'ex-compagno di squadra Shaquille O'Neal, riproponendo per una gara la coppia del three-peat vista tra il 2000 e il 2002 con Phil Jackson in panchina.[127] Al termine della stagione regolare i lacustri si piazzarono al primo posto a ovest grazie anche al suo contributo.[24] Il 14 giugno 2009 vinse per la prima volta il premio di MVP delle finali, giocate dai Lakers contro i sorprendenti Orlando Magic (4-1 il risultato finale della serie), diventando il primo giocatore dai tempi di Jerry West nel 1969 a mantenere una media di almeno 32,4 punti e 7,4 assist in una serie[128][129] e il primo dopo Michael Jordan ad avere una media di almeno 30 punti, 5 rimbalzi e 5 assist per una squadra che abbia vinto il titolo.[130] I suoi 162 punti totali lo videro al 4º posto assoluto della storia per un singolo giocatore in una serie di finale di 5 partite giocate.[131] In tutti i playoffs tenne invece di media 30,2 punti.[24]

Bryant affronta Courtney Lee degli Orlando Magic

La successiva stagione si aprì subito con un Bryant che segnò 40 punti in 4 delle prime 11 partite quando Gasol era assente per infortunio.[132][133] Il 17 novembre 2009 contro i Detroit Pistons Bryant mise a referto proprio 40 punti: fu la centesima volta nella sua carriera che ne realizzò almeno 40;[134] meglio di lui hanno fatto Michael Jordan, 173 volte sopra i 40, e Wilt Chamberlain, 271 volte.[135] Il 1º febbraio 2010, Bryant diventò il miglior marcatore dei Los Angeles Lakers con 25.208 marcature in carriera, sorpassando Jerry West.[136] Durante l'annata solidificò il proprio rapporto con coach Jackson elogiandone le capacità gestionali.[137] In stagione ebbe comunque dei problemi fisici: in dicembre rimediò una frattura dell'indice, mentre in febbraio ebbe un problema alla caviglia che lo costrinse a stare fermo contro la sua volontà.[138] Il 2 aprile firmò un rinnovo triennale da 87 milioni di dollari complessivi.[139] Nei playoffs i Lakers arrivarono alle finali dove riaffrontarono i Celtics dopo aver battuto OKC per 4-2, Utah per 4-0 e Phoenix per 4-2;[121] in quest'ultima serie segnò un tiro decisivo a 35 secondi dalla fine in gara-6 nonostante un'ottima marcatura di Grant Hill.[140] La finale, dopo gara-5, vide i Celtics in vantaggio per 3-2 e si decise a gara-7 con la squadra losangelina che batté Boston per 83-79.[141] Bryant vinse così il suo quinto titolo in carriera, insieme al secondo trofeo di MVP delle finali, in cui tenne di media 28,6 punti.[142] In gara-7 segnò 23 punti, seppur con un 6-24 dal campo di percentuale (e 0 tiri da 3 segnati su 6).[141]

Durante l'annata 2010-2011 Bryant entrò nella top ten dei migliori realizzatori NBA di sempre.[143] Il 20 febbraio 2011 durante l'All Star Game, giocato proprio a Los Angeles, conquistò il suo quarto titolo di MVP della gara delle stelle, grazie ad una prestazione da 37 punti e 14 rimbalzi in 29 minuti di gioco;[144] lo stesso giorno diventò il primo giocatore ancora in attività ad entrare a far parte della Hollywood Walk of Fame di Los Angeles e secondo giocatore di sempre dietro a Magic Johnson.[145] In quella stagione i Lakers figurarono nuovamente tra i favoriti per la vittoria finale e tutti si aspettavano la finale contro i nuovi Miami Heat di LeBron James, Dwyane Wade e Chris Bosh.[146] Chiusa una buona regular season al 2º posto ad ovest dietro i San Antonio Spurs (a cui contribuì con 25,3 punti di media),[24] i Lakers nei playoffs superarono 4-2 i New Orleans Hornets dopo aver perso gara-1 in casa,[147] ma in semifinale vennero spazzati via 4-0 dai futuri campioni NBA dei Dallas Mavericks.[148]

A fronte di quest'eliminazione i Lakers tentarono di rivoluzionare la squadra: il lockout posticipò l'inizio della stagione 2011-2012 a dicembre, ma prima dell'inizio i gialloviola tentarono di prendere Chris Paul da New Orleans in una trade a 3 squadre che avrebbe portato CP3 a LA, con la franchigia losangelina che avrebbe ceduto due suoi pilastri come Pau Gasol agli Houston Rockets e Lamar Odom in Louisiana; tuttavia la trattativa venne annullata da l'allora commissioner dell'NBA David Stern per "ragioni cestistiche".[149][150] Bryant si arrabbiò molto per questa vicenda,[151] così come per la trade che portò Lamar Odom ai Dallas Mavericks, con il giocatore che chiese la cessione perché deluso dal comportamento della dirigenza gialloviola che tentò di cederlo.[152] Nel corso del lockout per Bryant ci fu la possibilità di venire alla Virtus Bologna, che tuttavia non si concretizzò.[153] La sua stagione partì bene, e in gennaio segnò oltre 40 punti in 4 gare consecutive.[154] La sua stagione, seppur condizionata dalle voci sul divorzio dalla moglie,[155] fu buona in quanto raggiunse dei traguardi prestigiosi: il 6 febbraio 2012 diventò il 5º miglior marcatore della storia NBA, superando in classifica Shaquille O'Neal,[156] mentre all'All-Star Game (dove giocò nel quintetto base) segnò 28 punti superando Michael Jordan come miglior realizzatore di sempre all'All-Star Game.[157] Concluse anzitempo l'annata con una media di 27,9 punti, saltando 7 gare per una contusione allo stinco in aprile prima della post-season, contribuendo così alla qualificazione ai playoffs dei Lakers.[158][159] Anche questa stagione si chiuse con un'eliminazione alle semifinali di conference contro gli Oklahoma City Thunder di Kevin Durant e Russell Westbrook, nonostante Bryant avesse segnato avesse segnato 116 punti (36+38+42) nelle ultime 3 partite della serie chiusasi a gara-5;[160] Kobe vide sfumare la possibilità di vincere il 6º titolo suo obiettivo dichiarato così da poter eguagliare Michael Jordan.[161]

Bryant mentre difende su LeBron James nel febbraio 2016

La stagione 2012-2013 si aprì con grandi aspettative per i lacustri: arrivarono a LA le stelle Dwight Howard e Steve Nash per aiutare Kobe a vincere il 6° anello.[162] Tuttavia le cose non procedettero come previsto e la squadra non girò tanto che dopo 5 partite Mike Brown venne esonerato per fare spazio a Mike D'Antoni,[162][163] con cui Bryant non ebbe un bel rapporto.[164][165] In stagione Bryant dovette giocare molti più minuti del previsto nonostante avesse problemi fisici[162][166] e la squadra faticasse a integrarsi col gioco di D'Antoni.[165][167][168] Il 30 marzo 2013 raggiunse i 31 423 punti, superando Wilt Chamberlain.[169] Da marzo in poi, nonostante i problemi fisici, iniziò a giocare oltre 40 minuti per consentire al team di raggiungere i playoffs.[166][170] Il 12 aprile 2013 pagò gli sforzi profusi contro Golden State in quanto subì un grave infortunio al tendine di Achille, a seguito di un contrasto falloso con Harrison Barnes, che lo costrinse a chiudere anzitempo la stagione e che mise a rischio la sua carriera;[171] tra l'altro Bryant, seppur da infortunato, segnò i 2 tiri liberi successivi e uscì dal campo sulle sue gambe senza l'ausilio della barella.[172] Nei playoffs, col Black Mamba assente, la squadra venne eliminata per 4-0 al primo turno dai San Antonio Spurs futuri finalisti.[162] Bryant disputò comunque un'ottima annata[173] che in seguito definì la migliore della sua carriera.[174]

Ultimi anni (2013-2016)modifica | modifica wikitesto

Il grave infortunio condizionò Bryant nella stagione 2013-2014 in quanto giocò solamente 6 partite.[84] La stagione successiva ne giocò 31,[175] venendo nuovamente limitato dagli infortuni e giocò la sua ultima partita il 21 gennaio 2015 contro i New Orleans Pelicans, in cui Bryant tentò di rimanere in campo nonostante un forte dolore alle cuffie rotatori.[176] Il 14 dicembre raggiunse quota 32 293 punti, superando Michael Jordan nella classifica dei realizzatori all-time, piazzandosi al 3º posto dopo Kareem Abdul-Jabbar e Karl Malone.[177]

Nonostante i problemi fisici, l'anno successivo Bryant fu disponibile sin da subito: con 25 milioni di stipendio fu il giocatore più pagato della lega, ma le sue prestazioni furono negative, onde per cui il 2 novembre lui stesso fece autocritica a riguardo.[178][179] A fronte di ciò il 29 novembre 2015, tramite una lettera dedicata alla pallacanestro rilasciata a The Player's Tribune, annunciò il suo ritiro dall'attività agonistica al termine della stagione 2015-2016.[180]

Il suo ultimo anno fu un farewell tour in quanto in ogni arena gli vennero tributati applausi e apprezzamenti, persino in quelle di squadre rivali come i Boston Celtics.[181] All'All-Star Game del 14 febbraio 2016 ci arrivò come giocatore più votato,[182] e disputò 26 minuti nonostante lui avesse chiesto all'allenatore dell'ovest Gregg Popovich di giocarne solo 10, segnando 10 punti.[183] Il 13 aprile 2016 giocò la sua ultima partita in NBA concludendo con 60 punti (miglior prestazione realizzativa per un singolo giocatore nell'anno 2015-2016) nella vittoria contro gli Utah Jazz, tirando con il 44% dal campo e stabilendo un nuovo record per punti segnati nell'ultima partita in carriera.[184][185]

Il 18 dicembre 2017 i Lakers, in suo onore, hanno ritirato sia la maglia n°8 che la n°24 con una cerimonia allo Staples Center presieduta da Magic Johnson.[8][46] In questo modo è diventato il primo giocatore nella storia dell'NBA a vedere 2 numeri di maglia ritirati dalla stessa squadra.[186]

Nazionalemodifica | modifica wikitesto

Rifiuti, infortuni e FIBAS Americas Championship 2007modifica | modifica wikitesto

Kobe Bryant con la Nazionale statunitense a Pechino 2008.

Dopo avere rifiutato le convocazioni alle Olimpiadi 2000[187] e 2004 (la seconda per problemi giudiziari)[188] e ai Mondiali 2002,[189] saltò i Mondiali 2006 per infortunio.[111] La carriera in nazionale di Bryant ebbe inizio nel 2007 in un'amichevole tra i giocatori della Nazionale statunitense in preparazione ai FIBA Americas Championship 2007 di Las Vegas.[190][191] Durante la competizione Bryant andò più volte in doppia cifra (segnando 3 ventelli)[192] e segnò anche il suo massimo di punti con il Team USA in occasione della sfida con l'Argentina vinta per 91-76 mettendone a segno 27.[193] Contro gli stessi argentini gli USA vinsero la finale per 118-81, con Bryant che realizzò solo 5 punti.[194] Nella manifestazione tenne di media 15,3 punti, non andando in doppia cifra solo in 2 occasioni nel corso della competizione.[192]

Olimpiadi 2008modifica | modifica wikitesto

Nel 2008, sotto la guida dell'allenatore di Duke Mike Krzyzewski, disputò i Giochi Olimpici 2008 nonostante dei problemi al mignolo.[195] Anche questa volta Bryant vinse la medaglia d'oro, segnando 20 punti (di cui 13 nel secondo tempo) nella combattuta finale contro la Spagna.[196] Nel torneo tenne di media 15 punti,[197] realizzandone 25 nella vittoria per 116-85 contro l'Australia.[198]

Olimpiadi 2012 e ritiromodifica | modifica wikitesto

Successivamente disputò anche i Giochi Olimpici 2012.[199] Dopo un inizio in sordina con 9,4 punti di media, dai 20 punti (la maggior parte dei quali segnati nel 4° quarto) nei quarti contro l'Australia andò in doppia cifra prima nella semifinale con 13 punti contro l'Argentina e poi con 17 nella vittoriosa finale (107-100) contro la Spagna, ottenendo la terza medaglia d'oro.[200][201] Al termine della manifestazione, in cui tenne di media 12 punti,[202] annunciò il proprio ritiro dalla nazionale.[203] Nel 2016 s'intravide per lui la possibilità di concludere la carriera con un terzo oro olimpico; tuttavia declinò l'invito.[203]

Con la nazionale disputò complessivamente 37 incontri, di cui 16 alle Olimpiadi e 10 ai FIBA Americas Championship, mettendo a referto in totale 504 punti (con una media di 13,6 punti a partita).

Dopo il ritiromodifica | modifica wikitesto

La lettera con cui annunciò il proprio ritiro al basket nel 2015 fu convertita in un cortometraggio animato intitolato Dear Basketball (che era l'incipit della lettera originale) nel 2017 diretto da Glen Keane.[204] Nel gennaio 2018 venne annunciato che la lettera sarebbe stata candidata all'Oscar come miglior cortometraggio d'animazione;[205] il 4 marzo 2018 la pellicola vinse la statuetta, rendendo Kobe il primo sportivo in assoluto a vincere tale premio.[206] Durante i playoffs 2018 condusse il programma Detail in cui analizzava le partite della post-season.[207] Il 17 ottobre dello stesso anno venne annunciata la seconda edizione del programma a cui si aggiunse l'ex giocatore NFL Peyton Manning.[208]

Il 12 novembre 2018 pubblicò un libro intitolato The Mamba Mentality - Il mio basket, in cui parla della sua carriera oltre che di avversari da lui affrontati. Collaborarono alla stesura del libro il suo ex allenatore Phil Jackson, che scrisse l'introduzione, oltre che l'ex compagno di squadra Pau Gasol che scrisse la prefazione.[209][210] Il 15 marzo 2019 effettuò i sorteggi dei gironi per i Mondiali in Cina (di cui è ambasciatore globale insieme agli ex cestisti Dirk Nowitzki e Yao Ming).[211][212]

Il 20 aprile, insieme a Wesley King, pubblicò un altro libro, intitolato The Wizenard Series: Training Camp.[213] Nel corso delle estati svolse degli allenamenti con cestisti NBA come Giannīs Antetokounmpo,[214] Russell Westbrook[215] e Kawhi Leonard.[216]

Fuori dal campomodifica | modifica wikitesto

Vita privatamodifica | modifica wikitesto

Kobe durante un intervento a Manila nel 2009

Il suo primo nome, Kobe, fa riferimento alla pregiata qualità di carne bovina, quella che i suoi genitori mangiarono in un ristorante poco prima della sua nascita.[4]

Parla fluentemente l'italiano (oltre che lo spagnolo),[217][218] avendo vissuto in Italia tra i 6 e i 13 anni, al seguito del padre che aveva lasciato l'NBA per trasferirsi prima a Rieti poi alla Viola Reggio Calabria, all'Olimpia Basket Pistoia e alla Pallacanestro Reggiana.[4]

A 22 anni, il 18 aprile 2001, si sposò con Vanessa Laine.[219] Il rapporto tra i coniugi non è sempre stato idilliaco, oltre che per l'accusa di stupro del 2003 per il fatto che nel dicembre 2011 Vanessa chiese il divorzio stanca dei tradimenti del cestista;[220] tuttavia il 12 gennaio 2013 la procedura venne annullata e i due si riconciliarono.[221] Bryant e Vanessa hanno quattro figlie: Natalia Diamante, nata il 19 gennaio 2003, Gianna Maria-Onore, nata il 1º maggio 2006, Bianka Bella, nata il 5 dicembre 2016, e Capri Kobe, nata il 20 giugno 2019.[222][223]

Secondo quanto riportato dalla rivista Forbes, fu il 10º sportivo più pagato del mondo nel 2014, con un guadagno di 49,5 milioni di dollari.[224]

Pubblicità e merchandisingmodifica | modifica wikitesto

Soprannominato Black Mamba,[88] nel 2009 firmò un accordo con Nubeo per la commercializzazione di orologi di lusso siglati "Black Mamba da collezione".[225] Dopo essere stato sotto contratto con Adidas, con la Nike creò una linea di scarpe da basket: le Nike Kobe.[226]

Kobe Bryant a Taiwan per l'inaugurazione di un Nike store.

Protagonista di diversi spot pubblicitari per Nike, apparve inoltre in un commercial per il videogioco Call of Duty: Black Ops.[227]

L'accusa di stupromodifica | modifica wikitesto

Il 4 luglio 2003 Bryant venne arrestato: una diciannovenne allora dipendente[228] dell'Hotel Cordillera di Edwards, in Colorado, lo accusò di averla violentata.[229] Bryant confessò di aver avuto un rapporto sessuale con la ragazza, ma negò la violenza affermando che il rapporto fu consensuale.[230] Al fatto, avvenuto il 30 giugno, e all'arresto, seguì l'immediato rilascio del cestista dopo il pagamento di una cauzione di 25.000 dollari.[229] Il 6 agosto 2003 cominciò una serie di udienze[229] conclusasi il 27 agosto 2004[231] con un processo che vide il ritiro delle accuse da parte dei legali della ragazza, i quali decisero comunque di mandare avanti una causa civile.[230] Tra l'altro lo stesso anno, per via dello stress derivante dalla vicenda, sua moglie Vanessa abortì.[232]

In quel periodo Bryant perse alcuni dei suoi contratti, fra cui quello con la Nutella.[231] Contemporaneamente il suo sponsor tecnico personale, la Adidas, non gli rinnovò l'accordo e Bryant fu messo sotto contratto per 8 milioni di dollari da parte della Nike.[233]

Controversia con Karl Malonemodifica | modifica wikitesto

Nel dicembre 2004 Karl Malone si rivolse alla moglie di Bryant Vanessa dicendole: "Sono a caccia di una bella messicana".[234] Bryant, dopo avere saputo dalla moglie quanto accaduto, ruppe la propria amicizia con Malone.[234][235] Negli anni il rapporto tra i due è rimasto teso, tanto che Malone nel 2015 invitò pubblicamente Bryant a sfidarlo.[236]

Carriera cinematograficamodifica | modifica wikitesto

Oltre ad avere vinto l'Oscar per Dear Basketball, il cestista fece alcune apparizioni sia cinematografiche che televisive: la prima fu nel 1996 nella serie TV Moesha.[237] Nel 2008 Spike Lee realizzò un film-documentario dedicato a lui intitolato Kobe Doin' Work.[238] Nel 2010 invece apparve in un episodio della serie Modern Family,[239] mentre nel 2012 entrò nel cast del film Io sono Bruce Lee sull'omonimo ex attore cinese.[240]

Impegno beneficomodifica | modifica wikitesto

Dal 2009 è a capo della Kobe Bryant China Fund per favorire l'educazione scolastica e sportiva dei ragazzi in Cina.[241][242] Nel 2011 fondò invece con sua moglie Vanessa la Kobe & Vanessa Bryant Family Foundation, con cui si impegna nel sociale verso i più giovani abitanti di Los Angeles in difficoltà economico-sociali.[243][244] È anche ambasciatore ufficiale dell'After-School All-Stars, organizzazione non-profit che provvede al doposcuola dei ragazzi di tredici stati degli Stati Uniti,[245] e in generale fu protagonista di tante altre iniziative benefiche, come quando donò 1 milione di dollari per aiutare i soldati a integrarsi nella vita civile dopo la guerra.[246]

Statistichemodifica | modifica wikitesto


Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
Denota una stagione dove ha vinto il titolo NBA
* Primo nella lega

Regular seasonmodifica | modifica wikitesto

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1996-1997 L.A. Lakers 71 6 15,5 41,7 37,5 81,9 1,9 1,3 0,7 0,3 7,6
1997-1998 L.A. Lakers 79 1 26,0 42,8 34,1 79,4 3,1 2,5 0,9 0,5 15,4
1998-1999 L.A. Lakers 50 50 37,9 46,5 26,7 83,9 5,3 3,8 1,4 1,0 19,9
1999-2000 L.A. Lakers 66 62 38,2 46,8 31,9 82,1 6,3 4,9 1,6 0,9 22,5
2000-2001 L.A. Lakers 68 68 40,9 46,4 30,5 85,3 5,9 5,0 1,7 0,6 28,5
2001-2002 L.A. Lakers 80 80 38,3 46,9 25,0 82,9 5,5 5,5 1,5 0,4 25,2
2002-2003 L.A. Lakers 82 82 41,5 45,1 38,3 84,3 6,9 5,9 2,2 0,8 30,0
2003-2004 L.A. Lakers 65 64 37,6 43,8 32,7 85,2 5,5 5,1 1,7 0,4 24,0
2004-2005 L.A. Lakers 66 66 40,7 43,3 33,9 81,6 5,9 6,0 1,3 0,8 27,6
2005-2006 L.A. Lakers 80 80 41,0 45,0 34,7 85,0 5,3 4,5 1,8 0,4 35,4*
2006-2007 L.A. Lakers 77 77 40,8 46,3 34,4 86,8 5,7 5,4 1,4 0,5 31,6*
2007-2008 L.A. Lakers 82 82 38,9 45,9 36,1 84,0 6,3 5,4 1,8 0,5 28,3
2008-2009 L.A. Lakers 82 82 36,1 46,7 35,1 85,6 5,2 4,9 1,5 0,5 26,8
2009-2010 L.A. Lakers 73 73 38,8 45,6 32,9 81,1 5,4 5,0 1,5 0,3 27,0
2010-2011 L.A. Lakers 82 82 33,9 45,1 32,3 82,8 5,1 4,7 1.2 0,1 25,3
2011-2012 L.A. Lakers 58 58 38,5 43,0 30,3 84,5 5,4 4,6 1,2 0,3 27,9
2012-2013 L.A. Lakers 78 78 38,6 46,3 32,4 83,9 5,6 6,0 1,4 0,3 27,3
2013-2014 L.A. Lakers 6 6 29,5 42,5 18,8 85,7 4,3 6,3 1,2 0,2 13,8
2014-2015 L.A. Lakers 35 35 34.5 37,3 29,3 81,3 5,7 5,6 1,3 0,2 22,3
2015-2016 L.A. Lakers 66 66 28,2 35,8 28,5 82,6 3,7 2,8 0,9 0,2 17,6
Carriera 1346 1198 36,1 44,7 32,9 83,7 5,2 4,7 1,4 0,5 25,0
All-Star 15 15 27,6 50,0 32,4 78,9 5,0 4,7 2,5 0,4 19,3

Playoffsmodifica | modifica wikitesto

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1997 L.A. Lakers 9 0 14,8 38,2 26,1 86,7 1,2 1,2 0,3 0,2 8,2
1998 L.A. Lakers 11 0 20,0 40,8 21,4 68,9 1,9 1,5 0,3 0,7 8,7
1999 L.A. Lakers 8 8 39,4 43,0 34,8 80,0 6,9 4,6 1,9 1,3 19,8
2000 L.A. Lakers 22 22 39,0 44,2 34,4 75,4 4,5 4,4 1,5 1,5 21,1
2001 L.A. Lakers 16 16 43,4 46,9 32,4 82,1 7,3 6,1 1,6 0,8 29,4
2002 L.A. Lakers 19 19 43,8 43,4 37,9 75,9 5,8 4,6 1,4 0,9 26,6
2003 L.A. Lakers 12 12 44,3 43,2 40,3 82,7 5,1 5,2 1,2 0,1 32,1
2004 L.A. Lakers 22 22 44,2 41,3 24,7 81,3 4,7 5,5 1,9 0,3 24,5
2006 L.A. Lakers 7 7 44,9 49,7 40,0 77,1 6,3 5,1 1,1 0,4 27,9
2007 L.A. Lakers 5 5 43,0 46,2 35,7 91,9 5,2 4,4 1,0 0,4 32,8
2008 L.A. Lakers 21 21 41,1 47,9 30,2 80,9 5,7 5,6 1,7 0,4 30,1
2009 L.A. Lakers 23 23 40,8 45,7 34,9 88,3 5,3 5,5 1,7 0,9 30,2
2010 L.A. Lakers 23 23 40,1 45,8 37,4 84,2 6,0 5,5 1,3 0,7 29,2
2011 L.A. Lakers 10 10 35,4 44,6 29,3 82,0 3,4 3,3 1,6 0,3 22,8
2012 L.A. Lakers 12 12 39,7 43,9 28,3 83,2 4,8 4,3 1,3 0,2 30,0
Carriera 220 200 39,3 44,8 33,1 81,6 5,1 4,7 1,4 0,6 25,6

Cronologia presenze e punti in Nazionalemodifica | modifica wikitesto

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale - Stati Uniti Stati Uniti
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
22-7-2007 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 104 - 105 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 26 referto
22-8-2007 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 112 - 69 Venezuela Venezuela Americas Ch'ship 2007 - Gironi di qual. 14 referto
23-8-2007 Las Vegas Isole Vergini americane Isole Vergini americane 59 - 123 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - Gironi di qual. 9 referto
25-8-2007 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 113 - 63 Canada Canada Americas Ch'ship 2007 - Gironi di qual. 15 referto
26-8-2007 Las Vegas Brasile Brasile 76 - 113 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - 2ª fase a gironi 20 referto
27-8-2007 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 127 - 100 Messico Messico Americas Ch'ship 2007 - 2ª fase a gironi 21 referto
28-8-2007 Las Vegas Porto Rico Porto Rico 78 - 117 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - 2ª fase a gironi 14 referto
29-8-2007 Las Vegas Uruguay Uruguay 79 - 118 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - 2ª fase a gironi 13 referto
30-8-2007 Las Vegas Argentina Argentina 76 - 91 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - 2ª fase a gironi 27 referto
1-9-2007 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 135 - 91 Porto Rico Porto Rico Americas Ch'ship 2007 - Semifinale 15 referto
2-9-2007 Las Vegas Argentina Argentina 81 - 118 Stati Uniti Stati Uniti Americas Ch'ship 2007 - Finale 5 referto
25-7-2008 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 120 - 65 Canada Canada Amichevole 15 referto
31-7-2008 Macao Stati Uniti Stati Uniti 114 - 82 Turchia Turchia Amichevole 7 referto
1-8-2008 Macao Stati Uniti Stati Uniti 120 - 84 Lituania Lituania Amichevole 13 referto
3-8-2008 Shanghai Stati Uniti Stati Uniti 89 - 68 Russia Russia Amichevole 19 referto
5-8-2008 Shanghai Stati Uniti Stati Uniti 87 - 76 Australia Australia Amichevole 13 referto
10-8-2008 Pechino Stati Uniti Stati Uniti 101 - 70 Cina Cina Olimpiadi 2008 - Fase a gironi 13 referto
12-8-2008 Pechino Angola Angola 76 - 97 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2008 - Fase a gironi 8 referto
14-8-2008 Pechino Stati Uniti Stati Uniti 92 - 69 Grecia Grecia Olimpiadi 2008 - Fase a gironi 18 referto
16-8-2008 Pechino Spagna Spagna 82 - 119 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2008 - Fase a gironi 11 referto
18-8-2008 Pechino Stati Uniti Stati Uniti 106 - 57 Germania Germania Olimpiadi 2008 - Fase a gironi 13 referto
20-8-2008 Pechino Stati Uniti Stati Uniti 116 - 85 Australia Australia Olimpiadi 2008 - Quarti di finale 25 referto
22-8-2008 Pechino Argentina Argentina 81 - 101 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2008 - Semifinale 12 referto
24-8-2008 Pechino Spagna Spagna 107 - 118 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2008 - Finale 20 referto
12-7-2012 Las Vegas Stati Uniti Stati Uniti 113 - 59 Rep. Dominicana Rep. Dominicana Amichevole 4 referto
16-7-2012 Washington Stati Uniti Stati Uniti 80 - 69 Brasile Brasile Amichevole 8 referto
19-7-2012 Manchester Regno Unito Regno Unito 78 - 118 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole 5 referto
22-7-2012 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 86 - 80 Argentina Argentina Amichevole 18 referto
24-7-2012 Barcellona Stati Uniti Stati Uniti 100 - 78 Spagna Spagna Amichevole 6 referto
29-7-2012 Londra Stati Uniti Stati Uniti 98 - 71 Francia Francia Olimpiadi 2012 - Fase a gironi 10 referto
31-7-2012 Londra Tunisia Tunisia 63 - 110 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2012 - Fase a gironi 4 referto
2-8-2012 Londra Stati Uniti Stati Uniti 156 - 73 Nigeria Nigeria Olimpiadi 2012 - Fase a gironi 16 referto
4-8-2012 Londra Lituania Lituania 94 - 99 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2012 - Fase a gironi 6 referto
6-8-2012 Londra Argentina Argentina 97 - 126 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2012 - Fase a gironi 11 referto
8-8-2012 Londra Stati Uniti Stati Uniti 119 - 86 Australia Australia Olimpiadi 2012 - Quarti di finale 20 referto
10-8-2012 Londra Argentina Argentina 83 - 109 Stati Uniti Stati Uniti Olimpiadi 2012 - Semifinale 13 referto
12-8-2012 Londra Stati Uniti Stati Uniti 107 - 100 Spagna Spagna Olimpiadi 2012 - Finale 17 referto
Totale Presenze 37 Punti 504


Palmarèsmodifica | modifica wikitesto

Clubmodifica | modifica wikitesto

Los Angeles Lakers: 2000, 2001, 2002, 2009, 2010

Nazionalemodifica | modifica wikitesto

Stati Uniti: 2008, 2012
Stati Uniti: 2007

Individualemodifica | modifica wikitesto

2007-2008
2009, 2010
2005-2006, 2006-2007
2001-2002, 2002-2003, 2003-2004, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013
1999-2000, 2000-2001
1998-1999, 2004-2005
1999-2000, 2002-2003, 2003-2004, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011
2000-2001, 2001-2002, 2011-2012
2002, 2007, 2009 (a pari merito con Shaquille O'Neal), 2011
1998, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016
1997

Recordmodifica | modifica wikitesto

Kobe Bryant al tiro contro Caron Butler

Record assolutimodifica | modifica wikitesto

  • Più giovane giocatore dell'All Star Game (19 anni e 175 giorni) l'8 febbraio 1998.[9]
  • Più giovane giocatore ad essere stato scelto nel NBA All-Rookie Team (1996-97).
  • Più giovane giocatore ad avere vinto lo Slam Dunk Contest: (18 anni e 175 giorni) l'8 febbraio 1997.
  • Più canestri realizzati negli All Star Game: 115.
  • Maggior numero di rimbalzi offensivi: 10 in una gara dell'All Star Game, nel 2011.
  • Maggior numero di recuperi negli All Star Game: 37 (a pari merito con Michael Jordan).
  • Uno dei due giocatori della storia ad aver segnato 50 o più punti in 4 gare consecutive (l'altro è Wilt Chamberlain che è il primo essendo arrivato a 7 gare consecutive).
  • Più tiri da 3 segnati in un tempo: 8 (28 marzo 2003 vs. Washington Wizards).
  • Più tiri liberi segnati in un quarto: 14 (20 dicembre 2005 vs. Dallas Mavericks).
  • Più tiri da 3 segnati negli All-Star Game: 17.
  • Unico giocatore nella storia NBA a segnare almeno 600 punti nella postseason per tre anni consecutivi (2008, 2009, 2010).
  • Unico giocatore nella storia NBA ad aver segnato 60 punti nella sua ultima partita da professionista (13 aprile 2016 vs. Utah Jazz).

Record nei Los Angeles Lakersmodifica | modifica wikitesto

  • Punti
  • Miglior realizzatore di sempre dei Los Angeles Lakers avendo superato Jerry West (2 febbraio 2010 vs. Memphis Grizzlies)[9]
  • Miglior record di punti segnati nei playoff con la franchigia californiana che era di 4.457 e apparteneva a Jerry West (22 aprile 2010 vs. Oklahoma City Thunder)
  • Più punti segnati in una stagione: 2832 (2005-06)
  • Più punti in una partita: 81 (22 gennaio 2006 vs. Toronto Raptors, seconda prestazione NBA di sempre dopo i 100 di Wilt Chamberlain)
  • Più punti segnati in un tempo: 55 (22 gennaio 2006 vs. Toronto Raptors)
  • Più punti segnati in un quarto: 30 (in due occasioni)
  • Più punti segnati in un overtime di play-off: 12 (4 maggio 2006 vs. Phoenix Suns)
  • Più alta media punti in un mese: 43,4 (gennaio 2006)
  • Più partite consecutive oltre i 50 punti: 4 (2006-07)
  • Più partite con 60 o più punti in carriera: 6
  • Più partite con 50 o più punti segnati in una stagione: 10 (2006-07)
  • Più partite con 40 o più punti in carriera: 121 (terzo all time dopo Wilt Chamberlain con 271 e Michael Jordan con 173)
  • Più partite con 40 o più punti segnati in una stagione: 27 (2005-06)
  • Più partite consecutive con 40 o più punti segnati: 9 (febbraio 2003)
  • Più partite consecutive con 35 o più punti segnati: 13 (febbraio 2003, secondo assoluto dopo le serie di Wilt Chamberlain)
  • Più partite consecutive con 20 o più punti segnati: 62 (dicembre 2005 - aprile 2006)
  • Canestri realizzati
  • Tiri liberi realizzati
  • Più tiri liberi realizzati in una partita: 23 (due volte)[9]
  • Più tiri liberi realizzati in un tempo: 17 (30 gennaio 2001 vs. Cleveland Cavaliers)
  • Più tiri liberi realizzati in un quarto: 14 (20 dicembre 2005 vs. Dallas Mavericks)
  • Più tiri liberi realizzati in un quarto in una partita di play-off: 11 (8 maggio 1997 vs. Utah Jazz)
  • Più tiri liberi realizzati consecutivamente: 62 (gennaio 2006)
  • Tiri da 3 realizzati
  • Palle rubate
  • Più palle rubate in un tempo: 6[9]
  • Più palle rubate in un quarto in una partita di play-off: 3 (17 maggio 1999 vs. San Antonio Spurs)

Filmografiamodifica | modifica wikitesto

Attoremodifica | modifica wikitesto

Cinemamodifica | modifica wikitesto

Televisionemodifica | modifica wikitesto

Sceneggiatoremodifica | modifica wikitesto

Cortometraggimodifica | modifica wikitesto

Programmi televisivimodifica | modifica wikitesto

Riconoscimentimodifica | modifica wikitesto

Operemodifica | modifica wikitesto

Notemodifica | modifica wikitesto

  1. ^ Marco Gaetani, Bryant, la leggenda con l'Italia nel cuore, su repubblica.it, 14 aprile 2016. URL consultato il 5 maggio 2016.
  2. ^ (EN) Andrew Lynch, Ranking the 25 greatest players in NBA history, su foxsports.com, 20 ottobre 2017. URL consultato il 28 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Bill Rasmussen, All-Time #NBArank: Counting down the greatest players ever, su espn.co.uk, 3 marzo 2016. URL consultato il 28 maggio 2019.
  4. ^ a b c d e f Fabbri, Caianiello, pp. 13-33.
  5. ^ (ES) Antonio Martín Guirado, John Cox, el primo venezolano de Kobe Bryant, su elnuevoherald.com, 22 luglio 2015. URL consultato il 5 maggio 2017.
  6. ^ Fabbri, Caianiello, p. 9.
  7. ^ Fabbri, Caianiello, p. 40.
  8. ^ a b c (EN) Los Angeles Lakers retire Kobe Bryant's No8 and No24 jerseys in NBA first, su theguardian.com, 19 dicembre 2017. URL consultato il 1º marzo 2019.
  9. ^ a b c d e f g h i j k Fabbri, Caianiello, pp. 141-146.
  10. ^ Massimo Lopes Pegna, Oscar 2018, trionfa Kobe Bryant. Miglior film "La forma dell'acqua", su gazzetta.it, 5 marzo 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  11. ^ (EN) 5 Reasons TCK Kobe Bryant is one of the World's Most Famous Athletes, su cultursmag.com, 15 aprile 2016. URL consultato il 18 marzo 2019.
  12. ^ (EN) Jesse Dorsey, Kobe Bryant and the 10 Most NBA Popular Stars Outside the USA, su bleacherreport.com, 17 agosto 2012. URL consultato il 18 marzo 2019.
  13. ^ (EN) Dennis Du, World Fame 100: Kobe No. 1 in China, su espn.com, 31 maggio 2016. URL consultato il 18 marzo 2019.
  14. ^ (EN) The day Kobe Bryant debuted as an NBA player, su manilatimes.net, 2 novembre 2017. URL consultato il 18 marzo 2019.
  15. ^ (EN) Kobe Bryant retires - NBA legend's career in numbers, su bbc.co.uk, 14 aprile 2016. URL consultato il 18 aprile 2019.
  16. ^ (EN) NBA & ABA Career Playoff Leaders and Records for Points, su basketball-reference.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  17. ^ (EN) Ethan Sherwood Strauss, Will Kobe Bryant's Shift to Small Forward Impact His Play?, su bleacherreport.com, 21 dicembre 2012. URL consultato il 1º marzo 2019.
  18. ^ Dario Vismara, Nba, il lato nascosto (ma fenomenale) di Kobe Bryant: la difesa, su gazzetta.it, 5 gennaio 2016. URL consultato il 10 novembre 2016.
  19. ^ a b c Serrano, p. 164.
  20. ^ (EN) All-Defensive Selections by Player, su basketball-reference.com. URL consultato il 29 maggio 2019.
  21. ^ a b La lista di Kobe, su ultimouomo.com, 15 dicembre 2014. URL consultato il 15 marzo 2019.
  22. ^ (EN) Eric He, Ranking the NBA's 15 Most Charismatic Players, su bleacherreport.com. URL consultato il 15 marzo 2019.
  23. ^ (EN) Hayk Jernazian, Kobe Bryant: Insight Into The Character Of The Hardest Working Man In Basketball, su bleacherreport.com. URL consultato il 15 marzo 2019.
  24. ^ a b c d e f g h (EN) Kobe Bryant, su stats.nba.com. URL consultato il 30 marzo 2019.
  25. ^ (EN) Kobe Bryant joins 32,000-point club, su espn.go.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  26. ^ (EN) Sammy Sucu, Kobe Bryant and the 10 Most Clutch Athletes in Sports, su bleacherreport.com. URL consultato il 17 marzo 2019.
  27. ^ (EN) Leslie Moonves, 50 greatest NBA players of all time, su cbssports.com, 17 febbraio 2017. URL consultato il 28 maggio 2019.
  28. ^ (EN) Regular Season Records: Three-Point Field Goals, su nba.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  29. ^ Riccardo Pratesi, Nba, Curry da record: 13 triple in una singola partita, su gazzetta.it, 8 novembre 2016. URL consultato il 4 aprile 2019.
  30. ^ Nba, Klay Thompson irreale: 14 triple, è record, su gazzetta.it, 30 ottobre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  31. ^ Fabbri, Caianiello, pp. 100-101.
  32. ^ (EN) Dan Devine, Kevin Durant: Kobe Bryant is 'the greatest of all time,' Kobe and Michael Jordan '1 and 1A', su sports.yahoo.com, 14 marzo 2014. URL consultato il 28 maggio 2019.
  33. ^ (EN) Dwyane Wade Q&A: 'I never thought I'd be Top 100 all time', su espn.com, 2 febbraio 2016. URL consultato il 5 aprile 2019.
  34. ^ (EN) Derrick Rose: Kobe is the Jordan of our generation, su espn.com, 28 gennaio 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  35. ^ (EN) Tom Withers, LeBron on Kobe Bryant: 'I wanted to be just like him', su nba.com. URL consultato il 19 marzo 2019.
  36. ^ a b (EN) Nike's stable of athletes honors Kobe, su espn.com, 10 aprile 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  37. ^ (EN) Danny Small, Lakers Legend Kobe Bryant Delivers Message To Sixers' Joel Embiid, su clutchpoints.com, 1º settembre 2018. URL consultato il 28 maggio 2019.
  38. ^ (EN) #MambaDay reaction from players, teams, su espn.com, 13 aprile 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  39. ^ (EN) 5 Ways Kobe Bryant Inspired The Next Generation Of Athletes, su sports.good.is, 19 dicembre 2017. URL consultato il 17 marzo 2019.
  40. ^ Camilla Cataldo, Basket, "Un italiano di nome Kobe", tutta l'infanzia di Bryant è svelata, su gazzetta.it, 19 luglio 2015. URL consultato il 1º marzo 2019.
  41. ^ a b Fabbri, Caianiello, pp. 35-38.
  42. ^ Questa pratica era poco diffusa allora e divenne poi più comune, prima dell'introduzione di un limite di età per entrare in NBA
  43. ^ Lazenby, p. 199.
  44. ^ a b c Lazenby, pp. 281-282.
  45. ^ Broderick Turner, Jerry West didn't need much time to make up his mind about Kobe Bryant, su latimes.com. URL consultato il 15 marzo 2019.
  46. ^ a b NBA, Bryant: Non importa il risultato, ma il viaggio, su foxsports.it, 20 dicembre 2017. URL consultato il 15 marzo 2019.
  47. ^ (EN) Holmes: Divac says trading him for Kobe was a 'no-brainer', su espn.com, 7 gennaio 2016. URL consultato il 28 maggio 2019.
  48. ^ (EN) NBA com Staff, This Week In History: Kobe Bryant makes NBA debut in 1996, su nba.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  49. ^ (EN) MIN vs LAL, su stats.nba.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  50. ^ (EN) This Day In Lakers History: Kobe Bryant Makes NBA Debut Against Timberwolves In 1996, su lakersnation.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  51. ^ a b Nba, Kobe Bryant annuncia il ritiro a fine stagione, su repubblica.it, 30 novembre 2015. URL consultato il 13 marzo 2019.
  52. ^ a b c d e f g h Fabbri, Caianiello, pp. 46-49.
  53. ^ (EN) Kobe Bryant’s ‘airball game’ in 1997 was as defining moment in his career, su dailynews.com, 15 gennaio 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  54. ^ LAKERS: #24 Kobe Bryant, su nba.com, 8 marzo 2009. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2009).
  55. ^ (EN) Harrison Faigen, This Day In Lakers History: Kobe Bryant Scores 33 Points Off The Bench In Showdown With Michael Jordan, su lakersnation.com, 18 dicembre 2017. URL consultato il 17 marzo 2019.
  56. ^ (EN) Eric Avakian, This Day In Lakers History: Kobe Bryant Becomes Youngest Starter Named To All-Star Game, su lakersnation.com, 25 gennaio 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  57. ^ (EN) 1997-98 NBA Awards Voting, su basketball-reference.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  58. ^ (EN) Jeremy Rucker, Los Angeles Lakers: Ranking the Five Worst Trades in Team History, su bleacherreport.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  59. ^ (EN) BASKETBALL: N.B.A. ROUNDUP -- LOS ANGELES; Lakers' Bryant Signs for $71 Million, in The New York Times, 30 gennaio 1999. URL consultato il 17 marzo 2019.
  60. ^ (EN) Year-by-year All-NBA Teams, su nba.com. URL consultato il 4 aprile 2019.
  61. ^ (EN) Jackson Takes Over Lakers, su cbsnews.com.
  62. ^ (EN) Phil Jackson recalls proposed trade to deal young Kobe for Grant Hill, su espn.com, 2 settembre 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  63. ^ (EN) Zach Harper, Phil Jackson says he briefly considered trading Kobe Bryant for Grant Hill, su cbssports.com, 2 settembre 2016. URL consultato il 17 marzo 2019.
  64. ^ (EN) 1999-00 Los Angeles Lakers Schedule and Results, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  65. ^ (EN) 2000 NBA Finals - Indiana Pacers vs. Los Angeles Lakers, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  66. ^ a b c d e Fabbri, Caianiello, pp. 55-56.
  67. ^ (EN) Alec Nathan, Gutsiest Moments of Kobe Bryant's LA Lakers Career, su bleacherreport.com, 29 marzo 2013. URL consultato il 16 marzo 2019.
  68. ^ NBA.com: 2001 All-Star Game: East 111, West 110, su nba.com, 11 febbraio 2001. URL consultato il 16 marzo 2019.
  69. ^ ESPN.com - NBA - Bryant still not buying into triangle offense, su a.espncdn.com, 22 marzo 2001. URL consultato il 16 marzo 2019.
  70. ^ (EN) 2001, When the Near-Perfect Lakers Almost Imploded, su espn.com, 10 giugno 2008. URL consultato il 16 marzo 2019.
  71. ^ a b (EN) 2000-01 Los Angeles Lakers Schedule and Results, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  72. ^ San Antonio Spurs/LA Lakers Lakers NBA recap on ESPN, su espn.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  73. ^ Fabbri, Caianiello, p. 58.
  74. ^ Fabbri, Caianiello, p. 60.
  75. ^ a b c Fabbri, Caianiello, p. 62.
  76. ^ (EN) Sacramento Kings at Los Angeles Lakers Box Score, May 26, 2002, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  77. ^ (EN) Sacramento Kings at Los Angeles Lakers Box Score, May 31, 2002, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  78. ^ (EN) Los Angeles Lakers at Sacramento Kings Box Score, June 2, 2002, su basketball-reference.com. URL consultato il 16 marzo 2019.
  79. ^ Lazenby, p. 479.
  80. ^ (EN) Daniel M, 2010 NBA Champions: Will Phil Jackson "Three-Peat" for the Fourth Time?, su bleacherreport.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  81. ^ Fabbri, Caianiello, p. 65.
  82. ^ (EN) Player Streak Finder, 35 points game, su basketball-reference.com. URL consultato il 7 maggio 2019.
  83. ^ (EN) 2003 NBA All-Star Game Box Score, su basketball-reference.com. URL consultato il 2 aprile 2019.
  84. ^ a b c d Serrano, pp. 166-169.
  85. ^ Si tratta dell'NBA Win Shares, statistica importante per il contributo fornito alla squadra
  86. ^ (EN) NBA: Joyful Spurs, Tearful Lakers, su cbsnews.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  87. ^ (EN) Lakers Sign Free Agents Gary Payton and Karl Malone, su nba.com, 17 luglio 2003. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  88. ^ a b Ryan Ward, Lakers News: Kobe Bryant Reveals Origin Of ‘Black Mamba’ Nickname, su lakersnation.com, 25 marzo 2014. URL consultato il 5 aprile 2019.
  89. ^ (EN) Alex Wong, In 2003-04, scandal and Shaq drama followed Kobe., su sportsonearth.com, 11 aprile 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  90. ^ a b Fabbri, Caianiello, pp. 68-69.
  91. ^ (EN) Report: Kobe said Shaq paid women hush money, su espn.com, 29 settembre 2004. URL consultato il 1º marzo 2019.
  92. ^ Dario Vismara, Nba, Kobe Bryant e Shaquille O'Neal tra scontri, gelosie e vittorie, su gazzetta.it, 15 marzo 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  93. ^ a b c d e f Fabbri, Caianiello, pp. 71-74.
  94. ^ a b (EN) Kobe Bryant: A Look Back at His First NBA Finals Loss, su bleacherreport.com. URL consultato il 2 aprile 2019.
  95. ^ (EN) Kobe back from Colorado in time for Game 4, su espn.com, 28 maggio 2004. URL consultato il 2 aprile 2019.
  96. ^ (EN) Michael Klopman, It's The 10th Anniversary Of This Unforgettable Buzzer Beater, su huffpost.com, 13 maggio 2014. URL consultato il 28 maggio 2019.
  97. ^ a b (EN) Kobe stays put, picks Lakers over Clippers, su espn.com, 15 luglio 2004. URL consultato il 1º marzo 2019.
  98. ^ (EN) Shaquille O'Neal Traded to Miami Heat, su foxnews.com, 25 marzo 2015. URL consultato il 1º marzo 2019.
  99. ^ a b (EN) Free throws, hotel switches and the 'phantom call': 2006 NBA Finals oral history, su espn.com, 18 giugno 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  100. ^ a b Nba, Kobe Bryant e Phil Jackson: amore, odio e tante vittorie, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 7 agosto 2019.
  101. ^ (EN) Kobe Bryant almost went to the Bulls before Shaquille O'Neal requested trade in 2004, su bleacherreport.com. URL consultato il 17 luglio 2019.
  102. ^ (EN) Lakers rehire Jackson, su ESPN.com, 14 giugno 2005. URL consultato il 1º marzo 2019.
  103. ^ Sky Sport, NBA, Kobe Bryant segna 62 punti in tre quarti, su sport.sky.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  104. ^ (EN) Corey Hansford, This Day In Lakers History: Kobe Drops 62 Points In Three Quarters, Outscores Dallas Mavericks, su Lakers Nation, 20 dicembre 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  105. ^ a b Nba, Kobe Bryant e quegli 81 punti contro Toronto. Che notte pazzesca, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 19 gennaio 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  106. ^ a b c d e f g h Fabbri, Caianiello, pp. 78-81.
  107. ^ (EN) NBA & ABA Single Season Leaders and Records for Points Per Game, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 28 febbraio 2019.
  108. ^ (EN) NBA & ABA Single Season Leaders and Records for Points, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  109. ^ (EN) 2005-06 NBA Awards Voting, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  110. ^ a b (EN) 2006 NBA Western Conference First Round - Los Angeles Lakers vs. Phoenix Suns, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 17 marzo 2019.
  111. ^ a b (EN) Kobe won't play for Team USA after knee surgery, su ESPN.com, 15 luglio 2006. URL consultato il 1º marzo 2019.
  112. ^ a b c d (EN) James Herbert, Hero Ball: Kobe Bryant's legendary 50-point-game streak in perspective, su CBSSports.com, 11 aprile 2016. URL consultato il 28 maggio 2019.
  113. ^ (EN) Bryant suspended for striking Ginobili, su reuters.com, 30 gennaio 2007. URL consultato il 1º marzo 2019.
  114. ^ (EN) Kobe serves suspension vs. Bucks, su ESPN.com, 7 marzo 2007. URL consultato il 1º marzo 2019.
  115. ^ (EN) NBA retroactively tags Bryant with flagrant foul, su ESPN.com, 13 marzo 2007. URL consultato il 17 marzo 2019.
  116. ^ (EN) Video of Kobe trashing Kupchak, Bynum surfaces, su ESPN.com, 19 giugno 2007. URL consultato il 1º marzo 2019.
  117. ^ (EN) Bryant transcript: "I would like to be traded", su ESPN.com, 30 maggio 2007. URL consultato il 1º marzo 2019.
  118. ^ (EN) 2006-07 NBA Leaders, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 24 marzo 2019.
  119. ^ (EN) 2007 NBA Western Conference First Round - Los Angeles Lakers vs. Phoenix Suns, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 17 marzo 2019.
  120. ^ (EN) Eric Pincus, Kobe Bryant confirms he wanted trade in 2007 to the Chicago Bulls, su latimes.com, 23 febbraio 2015. URL consultato il 17 marzo 2019.
  121. ^ a b Celtics-Lakers, alla morte, su Il Post, 3 giugno 2010. URL consultato il 18 aprile 2019.
  122. ^ (EN) 2008-09 NBA Standings, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  123. ^ (EN) 2008-09 Los Angeles Lakers Schedule and Results, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 23 marzo 2019.
  124. ^ (EN) Bryant Puts on a Show, Setting Garden Records, su nytimes.com, 2 febbraio 2009. URL consultato il 19 marzo 2019.
  125. ^ La magica notte di Anthony, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 1º marzo 2019.
  126. ^ (EN) Matt Dollinger, Bernard King recounts his 60-point performance on Christmas Day, su SI.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  127. ^ (EN) NBA com Staff, 2009 NBA All-Star recap, su NBA.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  128. ^ (EN) J.A. Adande, Journey Complete: Kobe Leads Lakers To NBA Championship, su sports.espn.go.com, 16 giugno 2009. URL consultato il 1º marzo 2019.
  129. ^ (EN) Man on a mission: Bryant revels in victory, Finals MVP, su usatoday.com, 16 giugno 2009. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  130. ^ (EN) Kobe Bryant Bio - NBA Finals - ESPNDB, su espndb.go.com. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2011).
  131. ^ (EN) Los Angeles Lakers vs. Orlando Magic - Recap - June 14, 2009 - ESPN, su espn.go.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  132. ^ (EN) Kobe Bryant 2009-10 Game Log, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 2 marzo 2019.
  133. ^ Lazenby, p. 629.
  134. ^ (EN) Detroit Pistons vs. Los Angeles Lakers - Recap, su nba.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  135. ^ (EN) Brian Martin, Kobe Turns 40: Looking Back At Kobe Bryant’s 40-Point Game Streak, su NBA Stats, 23 agosto 2018. URL consultato il 23 marzo 2019.
  136. ^ (ES) Kobe supera a Jerry West como máximo anotador de la historia 'laker' - MARCA.com, su www.marca.com, 2 febbraio 2010. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  137. ^ Fabbri, Caianiello, p. 86.
  138. ^ Fabbri, Caianiello, p. 85.
  139. ^ (EN) Kobe Bryant agrees three-year contract extension with Lakers, su reuters.com, 2 aprile 2010. URL consultato il 24 marzo 2019.
  140. ^ (EN) Corey Hansford, Grant Hill: Kobe Bryant Was 'By Far The Toughest' Player To Guard, su Lakers Nation, 23 dicembre 2015. URL consultato il 30 marzo 2019.
  141. ^ a b (EN) Chad Ridgeway, Celtics vs. Lakers 2010: Breaking Down Kobe Bryant's Bad Shooting Night, su Bleacher Report. URL consultato il 30 marzo 2019.
  142. ^ (EN) Jacob Wilson, Kobe Bryant is the 2010 NBA Finals MVP for a Reason, su Bleacher Report. URL consultato il 1º marzo 2019.
  143. ^ (EN) Kobe passes Malone for 6th on NBA scoring list, su ESPN.com, 9 marzo 2011. URL consultato l'11 giugno 2019.
  144. ^ Bryant feeds off energy as West beats East in All-Star game, 148-143, su www.webcitation.org. URL consultato il 3 maggio 2019.
  145. ^ Fabbri, Caianiello, p. 120.
  146. ^ (EN) Andy Bailey, 2011 NBA Playoff Predictions: NBA Championship Odds for All 16 Teams, su Bleacher Report. URL consultato il 1º marzo 2019.
  147. ^ (EN) 2010-11 Los Angeles Lakers Schedule and Results, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  148. ^ NBA: bye bye Lakers, 4-0 Dallas, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 17 marzo 2019.
  149. ^ Fabbri, Caianiello, p. 122.
  150. ^ (EN) NBA nixes trade of Hornets G Paul to Lakers, su ESPN.com, 8 dicembre 2011. URL consultato il 17 marzo 2019.
  151. ^ Lazenby, p. 657.
  152. ^ (EN) Michael Klopman, Kobe Bryant On Lamar Odom Trade: 'Now I'm Getting Pissed Off' (VIDEO), su huffingtonpost.com, 12 dicembre 2011. URL consultato il 7 maggio 2019.
  153. ^ Fabbri, Caianiello, pp. 116-118.
  154. ^ (EN) Lakers vs. Clippers - Game Recap - January 14, 2012 - ESPN, su ESPN.com, 15 gennaio 2012. URL consultato il 23 marzo 2019.
  155. ^ Lazenby, p. 659.
  156. ^ Nba: Gallinari fa crac, Kobe supera Shaq, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 1º marzo 2019.
  157. ^ (EN) Jeff Case, Legendary Moments in NBA History: Bryant passes Jordan on All-Star scoring list, su NBA.com, 14 febbraio 2019. URL consultato l'11 giugno 2019.
  158. ^ (EN) Kobe's shin just start of Lakers' rash of injuries, su ESPN.com, 6 aprile 2012. URL consultato il 24 marzo 2019.
  159. ^ Lazenby, p. 661.
  160. ^ (EN) Kobe Bryant 2011-12 Game Log, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 24 marzo 2019.
  161. ^ Sky Sport, Playoff Nba, Lakers abbattuti e Oklahoma in finale a Ovest, su sport.sky.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  162. ^ a b c d (EN) Adam Fromal, Full Visual Timeline of Kobe Bryant's Roller-Coaster 2012-13 Season, su Bleacher Report. URL consultato il 23 febbraio 2019.
  163. ^ (EN) Lakers choose D'Antoni's offense over Jackson's triangle, su reuters.com, 13 novembre 2012. URL consultato il 1º marzo 2019.
  164. ^ Nba, Kobe Bryant: "Sul coach dei Lakers voglio dire la mia", su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 9 maggio 2014. URL consultato il 28 maggio 2019.
  165. ^ a b (EN) Kobe Bryant says Mike D'Antoni thought differently about winning, su CBSSports.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  166. ^ a b (EN) Dan Favale, Charting the Evolution of Kobe Bryant's Minutes Through 2012-13 NBA Season, su Bleacher Report. URL consultato il 4 aprile 2019.
  167. ^ (EN) Shelburne: Lakers accept the play it must be, su ESPN.com, 26 febbraio 2013. URL consultato il 23 marzo 2019.
  168. ^ (EN) Maxwell Ogden, Breaking Down Why Mike D'Antoni System Doesn't Work for LA Lakers, su Bleacher Report. URL consultato il 23 marzo 2019.
  169. ^ (EN) Kobe passes Wilt for 4th on all-time scoring list, su ESPN.com, 31 marzo 2013. URL consultato il 1º marzo 2019.
  170. ^ (EN) Kobe Bryant 2012-13 Game Log, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 24 marzo 2019.
  171. ^ Incubo Bryant, crac al tendine d'Achille Rischia stop di un anno: “È terribile”, su LaStampa.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  172. ^ (EN) Kobe's career is ending, but his playing days ended long ago, su espn.com, 11 aprile 2016. URL consultato il 29 maggio 2019.
  173. ^ (EN) Grant Hughes, The Argument for Kobe Bryant as the NBA's 2012-13 MVP, su Bleacher Report. URL consultato il 23 marzo 2019.
  174. ^ (EN) Kobe Bryant is finally ready to day goodbye, su espn.com. URL consultato il 17 luglio 2019.
  175. ^ (EN) 2014-15 Los Angeles Lakers Roster and Stats, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 15 marzo 2019.
  176. ^ Fabbri, Caianiello, p. 125.
  177. ^ Davide Chinellato, Kobe Bryant supera Michael Jordan: la Nba ai suoi piedi, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 15 dicembre 2014. URL consultato il 1º marzo 2019.
  178. ^ Lazenby, pp. 685-687.
  179. ^ Nba, Kobe Bryant: "Faccio schifo, sono il 200º giocatore in questo momento", su La Gazzetta dello Sport, 2 novembre 2015. URL consultato il 10 giugno 2019.
  180. ^ Dear Basketball, su theplayerstribune.com, 29 novembre 2015. URL consultato il 29 novembre 2015.
  181. ^ Fabbri, Caianiello, p. 130.
  182. ^ All Star Game NBA, Kobe Bryant il più votato, su www.corrieredellosport.it, 22 gennaio 2016. URL consultato il 28 marzo 2019.
  183. ^ Fabbri, Caianiello, p. 136.
  184. ^ Nba, Kobe Bryant, un addio da sogno: 60 punti e tante emozioni, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 1º marzo 2019.
  185. ^ (EN) Kobe Bryant: LA Lakers star scores 60 points in final NBA game, su bbc.com, 14 aprile 2016. URL consultato il 24 maggio 2018.
  186. ^ (EN) Kobe Bryant is finally ready to say goodbye, su ESPN.com, 17 dicembre 2017. URL consultato il 1º marzo 2019.
  187. ^ (EN) Mike Wise, N.B.A. FINALS: LAKERS VS. PACERS -- NOTEBOOK; Bryant Sets His Priorities, in The New York Times, 19 giugno 2000. URL consultato il 1º marzo 2019.
  188. ^ Olimpiadi, la storia della squadra USA. Quinta puntata: Atene 2004, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 1º marzo 2019.
  189. ^ U.S. ends losing streak at World Championship, su community.seattletimes.nwsource.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  190. ^ (EN) Bryant's Last Second Shot Carries USA Blue To 105-104 Win In 2007 State Farm USA Basketball Challenge, su www.usab.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  191. ^ (EN) MEN'S FIBA AMERICAS CHAMPIONSHIP 2007, su www.usab.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  192. ^ a b Kobe Bryant profile, FIBA Americas Championship 2007, su FIBA.COM. URL consultato il 4 aprile 2019.
  193. ^ Kobe Bryant and USA Basketball - Whatever It Takes, su Sporting News, 31 ottobre 2018. URL consultato il 4 aprile 2019.
  194. ^ archive.fiba.com: 2007 FIBA Americas Championship Game: ARGENTINA vs USA, su archive.fiba.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  195. ^ (EN) James, Bryant to lead US team, su ESPN.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  196. ^ (EN) Olympics: Spain force 'Redeem Team' to prove they're more than the sum of its egos, su theguardian.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  197. ^ (EN) Kobe Bryant profile, Olympic Games: Tournament Men 2008, su FIBA.COM. URL consultato il 4 aprile 2019.
  198. ^ (EN) King Kobe rules "Bling Dynasty" in China, reuters.com.
  199. ^ (EN) Complete Team USA roster for 2012 London Olympics, su ESPN.com, 10 luglio 2012. URL consultato il 1º marzo 2019.
  200. ^ Lazenby, p. 662.
  201. ^ (EN) Simon Hattenstone, USA 107-100 Spain - Olympic men's basketball final match report, su theguardian.com, 12 agosto 2012. URL consultato il 1º marzo 2019.
  202. ^ Kobe Bryant profile, Olympic Men 2012, su FIBA.COM. URL consultato il 4 aprile 2019.
  203. ^ a b Nba, Kobe Bryant e le Olimpiadi: "Ai Giochi meglio che a Hollywood", su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 1º marzo 2019.
  204. ^ (EN) Kobe Bryant Opens Up About Animated Short Film Dear Basketball, His 'Love Letter' to the Sport, su PEOPLE.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  205. ^ Oscar nominations 2018: full list of nominated movies, su oscar.go.com. URL consultato il 3 maggio 2019.
  206. ^ Viola Barbisotti, Oscar 2018: Kobe Bryant è il primo sportivo a vincere una statuetta, su Cinematographe.it, 5 marzo 2018. URL consultato il 1º marzo 2019.
  207. ^ (EN) Gianina Thompson, ESPN & Kobe Bryant’s Granity Studios’ Show Detail To Debut April 12 On ESPN+, su ESPN MediaZone U.S., 5 aprile 2018. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  208. ^ Peyton Manning on new season of Detail, su espnW, 18 ottobre 2018. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  209. ^ Kobe Bryant, l’estratto esclusivo del nuovo libro, su sport.sky.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  210. ^ Massimo Grilli, In viaggio con la Juventus e la Mamba Mentality di Kobe Bryant, su www.corrieredellosport.it, 22 novembre 2018. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  211. ^ (EN) FIBA Basketball World Cup 2019: Dirk Nowitzki named as third global ambassador joining Kobe Bryant and Yao Ming, su NBA.com, 16 maggio 2019. URL consultato il 17 maggio 2019.
  212. ^ Basket, Mondiali; Kobe Bryant pesca bene: Italia con Serbia, Filippine e Angola, su Repubblica.it, 16 marzo 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  213. ^ (EN) Tyrus Townsend, Kobe Bryant’s ‘The Wizenard Series: Training Camp’ Is The Best Read of The Year, su BLEU, 20 marzo 2019. URL consultato il 6 aprile 2019.
  214. ^ (EN) Giannis Showed Up Three Hours Early to His Workout With Kobe, su SLAM, 24 settembre 2018. URL consultato il 24 marzo 2019.
  215. ^ Paul Coro, Russell Westbrook following in Kobe Bryant's footsteps, su latimes.com, 12 marzo 2017. URL consultato il 24 marzo 2019.
  216. ^ (EN) Tim Daniels, Kawhi Leonard Working Out with Kobe Bryant During Offseason, su Bleacher Report, 14 settembre 2018. URL consultato il 24 marzo 2019.
  217. ^ Lakers Nation, Lakers Kobe Bryant Speaks Fluent Italian, 9 aprile 2015. URL consultato il 19 luglio 2019.
  218. ^ (EN) En Espanol: Speaking Spanish has endeared Kobe Bryant to Latino fans, su ESPN.com, 12 aprile 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  219. ^ David Wharton, Nathan Fenno, Much like her husband Kobe, Vanessa Bryant has been a contradictory, at times polarizing public figure, su latimes.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  220. ^ Kobe, un destino alla Tiger divorzio per troppa infedeltà, su Repubblica.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  221. ^ (EN) Kobe Bryant, wife Vanessa cancel divorce plans, su ESPN.com, 12 gennaio 2013. URL consultato il 1º marzo 2019.
  222. ^ Kobe, la famiglia si allarga: arriva la 4^ figlia, su sport.sky.it. URL consultato il 18 luglio 2019.
  223. ^ (EN) Kobe Bryant and Wife Vanessa Welcome Daughter Capri Kobe: 'Beyond Excited', su PEOPLE.com. URL consultato il 18 luglio 2019.
  224. ^ Simona Marchetti, Forbes, Paperone Mayweather: prende quattro volte Messi e CR7, su gazzetta.it, 11 giugno 2015. URL consultato il 28 febbraio 2019.
  225. ^ (EN) Kobe Bryant Wearing Nubeo Black Mamba MVP Watch, su upscalehype.com. URL consultato il 28 febbraio 2019.
  226. ^ Lazenby, pp. 487-493.
  227. ^ (EN) Adam Lazarus, Kobe Bryant: Why His Call Of Duty Black Ops Commercial Cameo Was Genius, su Bleacher Report. URL consultato il 1º marzo 2019.
  228. ^ Bryant, la difesa scatenata Quella ragazza è malata, in la Repubblica, 20 dicembre 2003. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  229. ^ a b c Bryant, colpo di scena arrestato aspirante killer, in la Repubblica, 20 settembre 2003, p. 54. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  230. ^ a b Bryant (Lakers) in attesa di un secondo figlio, su gazzetta.it, 10 novembre 2005. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2009).
  231. ^ a b Luca Chiabotti, Bryant Solare, vincente e uomo squadra. Il nuovo Kobe è d'oro, in La Gazzetta dello Sport, 29 agosto 2008, 42-43. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  232. ^ Kobe Bryant: “Mia moglie abortì per colpa mia”, su Eurosport, 4 marzo 2015. URL consultato il 1º marzo 2019.
  233. ^ Accusa di stupro per Bryant, il nuovo Jordan del basket Usa, in la Repubblica, 8 luglio 2003. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  234. ^ a b Corriere della Sera - La crisi dei Lakers si chiama Vanessa, su www.corriere.it. URL consultato il 1º marzo 2019.
  235. ^ (EN) Bad pass: Kobe-Karl rift over Vanessa Bryant, su ESPN.com, 13 dicembre 2004. URL consultato il 1º marzo 2019.
  236. ^ (EN) Tyler Brooke, Karl Malone Gives Kobe Bryant Standing Offer to Fight Him, su Bleacher Report. URL consultato il 1º marzo 2019.
  237. ^ (EN) Chris Mundy, Chris Mundy, Kobe Bryant: Teenager of the Year, su Rolling Stone, 11 giugno 1998. URL consultato il 28 maggio 2019.
  238. ^ Cesare Balbo, Kobe Bryant come Zidane. E Spike Lee gli dedica un film, su www.ilsole24ore.com, 27 agosto 2008. URL consultato il 2 marzo 2019.
  239. ^ (EN) Coach Nick, Kobe On ABC's Modern Family: His Performance Was Not Believable, su Bleacher Report. URL consultato il 2 marzo 2019.
  240. ^ I Am Bruce Lee, su MYmovies.it. URL consultato il 2 marzo 2019.
  241. ^ (EN) William Van Noll, Kobe Bryant: Why the L.A. Lakers Star Is So Big in China, su Bleacher Report. URL consultato il 17 luglio 2019.
  242. ^ (EN) Alan Paul, Kobe’s Next Conquest: China, in Wall Street Journal, 3 luglio 2009. URL consultato il 17 luglio 2019.
  243. ^ (EN) About, su Kobe & Vanessa Bryant Family Foundation. URL consultato il 30 marzo 2019.
  244. ^ (EN) Kobe Launches New Charity for Homeless, su HuffPost, 7 giugno 2011. URL consultato il 30 marzo 2019.
  245. ^ (EN) ASAS Students Return from China, su Kobe & Vanessa Bryant Family Foundation, 9 agosto 2012. URL consultato il 17 luglio 2019.
  246. ^ All About Kobe Bryant, su ESPN.com. URL consultato il 17 luglio 2019.
  247. ^ Kobe Bryant - NBA Career bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 1º marzo 2019.
  248. ^ (EN) Most 50-Point Games, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  249. ^ (EN) Yash Matange, Players with multiple 60-point games in NBA history, su NBA.com, 23 marzo 2019. URL consultato il 29 maggio 2019.
  250. ^ (EN) Full List Of Kobe Bryant's Highest Scoring Games Vs All 29 Other NBA Teams, su ClutchPoints, 12 aprile 2016. URL consultato il 1º marzo 2019.
  251. ^ (EN) Marcin Ranah, 7 Little-Known Kobe Bryant Stats For Mamba Lovers, su ClutchPoints, 19 dicembre 2017. URL consultato il 2 marzo 2019.
  252. ^ Kobe Bryant vince l'Oscar per "Dear Basketball": "Meglio di un titolo NBA", su sport.sky.it, 5 marzo 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  253. ^ 45th Annie Awards, su annieawards.org. URL consultato il 17 luglio 2019.
  254. ^ Dear Basketball - Awards, su IMDb. URL consultato il 18 luglio 2019.

Bibliografiamodifica | modifica wikitesto

  • Fabrizio Fabbri e Edoardo Caianiello, Il Morso del Mamba, seconda, Ultra Libri, 2016, ISBN 978-88-6776-453-2.
  • (EN) Roland Lazenby, Showboat, la vita di Kobe Bryant, traduzione di Giulia Vianello, 66th and 2nd, 2016, ISBN 978-88-98970-90-2.
  • (EN) Shea Serrano, Basket (e altre storie), traduzione di S. Lombardi, illustrazioni di A. Torres, Mondadori Electa, 2018, ISBN 978-88-918-1790-7.

Voci correlatemodifica | modifica wikitesto

Altri progettimodifica | modifica wikitesto

Collegamenti esternimodifica | modifica wikitesto

Controllo di autoritàVIAF (EN19000693 · ISNI (EN0000 0000 4567 7868 · LCCN (ENn98082481 · GND (DE1176164031 · BNF (FRcb14159921j (data) · WorldCat Identities (ENn98-082481
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 12 agosto 2019 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue